La generazione di console appena conclusasi ha saputo farci sognare immergendoci in mondi virtuali sempre più belli e sconvolgenti. Sono stati sette anni memorabili per l’universo videoludico, che ha ormai assunto una posizione sempre più di rilievo nel panorama dell’intrattenimento, andando a spodestare (quantomeno a livello economico) media del calibro del cinema e della musica. Noi di CyberLudus.com abbiamo già cercato di tirare le somme eleggendo i migliori giochi della generazione, stavolta vogliamo però entrare maggiormente nel dettaglio. Sì, perché se c’è una caratteristica simbolo dei videogames, una meccanica di gioco che non passa mai di moda è quella delle boss fights. Eccoci qui dunque a premiare le battaglie più memorabili degli ultimi anni, tra scontri all’ultimo sangue con avversari (apparentemente) invincibili.

Ecco a voi la nostra TOP10, occhio agli spoiler!

Cal Kestis vs Trilla – Star Wars Jedi: Fallen Order

Star Wars Jedi: Fallen Order è un ottimo action game, caratterizzato da un combat system certamente spettacolare. Nel corso dell’avventura ambientata in una galassia lontana lontana, il protagonista affronta minacce di ogni sorta. Sono dunque diverse le boss fight degne di nota, tuttavia è quella finale ad esserci rimasta maggiormente impressa. Lo scontro con Trilla è arduo, una vera impresa ai livelli di difficoltà più alti e la tormentata inquisitrice è un personaggio ben scritto ed affascinante. Non possiamo però negare che gran parte dell’epicità dello scontro derivi dall’entrata in scena finale del sontuoso Lord Vader. E c’è poco altro da aggiungere, l’inimitabile presenza scenica del Signore Oscuro dei Sith vale da sola il prezzo del biglietto.

Abby vs Il Re dei Ratti – The Last of Us Parte II

The Last of Us non è certamente una serie basata sui combattimenti contro i boss ma punta, piuttosto, a far vivere tensione e sgomento nei giocatori tramite altri espedienti ludo-narrativi. Nel secondo capitolo, però, Naughty Dog ha voluto immergere i giocatori in un’inedita sezione completamente equiparabile ad una vera e propria boss fight. E’ innegabile che l’incontro di Abby con l’abominevole agglomerato di infetti chiamata Re dei Ratti (se volete sapere il perché di un nome così insolito, cliccate qui) sia a dir poco geniale. Già prima del mostruoso incontro, la sezione dell’ospedale risulta una delle più ispirate della produzione, traboccante com’è di mistero e tensione. Farla terminare con una lotta contro una creatura da incubo che pare essere uscita direttamente da Resident Evil è stato un vero colpo di classe da parte di Naughty Dog.

Eroe vs Calasmos – Dragon Quest XI: Echi di un’era perduta

Dragon Quest XI è uno dei migliori JRPG della generazione appena terminata. Tra le tante boss fight degne di nota, quella contro Calasmos è certamente la più memorabile. Quest’ultimo è il boss finale opzionale, nonché vero antagonista del gioco. Si tratta di una battaglia epica contro un nemico estremamente potente e temibile. La perfetta conclusione di un’avventura magica e coinvolgente.

Lupo vs Scimmia Guardiana – Sekiro: Shadows Die Twice

Sekiro: Shadows Die Twice è indiscutibilmente uno dei migliori titoli dell’ultimo decennio. L’action game di From Software è ricolmo di boss fight entusiasmanti, ecco perché è stato arduo selezionarne soltanto una. Abbiamo deciso di puntare sulla battaglia contro la Scimmia Guardiana. Innanzitutto poiché si tratta di un boss brutale che prende le certezze accumulate dal giocatore fino a quel momento e le accartoccia catapultando in uno scontro assolutamente fuori dal comune. Tuttavia, è dopo averla eliminata che accade l’impensabile. Proprio quando ci si illude di avercela finalmente fatta il nemico si rialza, senza testa, cominciando la seconda fase della battaglia. E’ un momento estremamente inaspettato che lascia sbigottiti e fa imprecare non poco. Battere questo boss è estremamente gratificante, oltre che narrativamente essenziale per comprendere la contorta lore dell’opera.

Cuphead vs Re Dado – Cuphead

Anche in questo caso ci ritroviamo a parlare di un titolo ricco di boss fight degne di nota, Cuphead d’altronde basa proprio la sua struttura ludica sui combattimenti contro i boss.  Quella contro il Re Dado tuttavia ha una marcia in più. E’ il penultimo boss del gioco e braccio destro del Diavolo. Un antagonista elegante e carismatico, ma anche subdolo e viscido, devoto fino all’ultimo al Diavolo. Nella battaglia, lancerà un dado che porterà a dei fattori casuali nello scontro, finché non si scenderà in campo direttamente salvo poi essere sconfitto. Il suo volto ha una somiglianza notevole con quello di Walt Disney e quello del Postiglione del film Pinocchio del 1940.

Sam Porter Bridges vs Higgs – Death Stranding

Death Stranding è stato, senza ombra di dubbio, uno dei titoli più discussi della scorsa generazione. L’opera ultima del maestro Kojima ha diviso critica e pubblico come pochi altri titoli hanno fatto negli ultimi anni. Un’esperienza ludica rivoluzionaria che vanta diversi momenti indimenticabili. In tal senso, il duello contro Higgs c’è rimasto particolarmente impresso. Non si parla di una boss fight particolarmente difficile, trattandosi più che altro di uno scontro che punta su una spettacolarità fortemente cinematografica. Proprio per questo motivo l’ultima fase del combattimento, quella in cui Sam ed il nemico fanno a cazzotti con tanto di barre della vita a mo’ di picchiaduro, è stata tanto avvincente quanto geniale. Insomma, stile Kojima al 100%.

Il Cacciatore vs Ludwig il Dannato – Bloodborne: The Old Hunters

Come nel caso di Sekiro, scegliere una sola boss fight in Bloodborne è stato quasi impossibile. Dopo un’attenta selezione, abbiamo scelto di premiare l’emozionante battaglia contro Ludwig. Quest’ultimo è un personaggio importantissimo nella lore del mondo di gioco e nel DLC The Old Hunters fa la sua apparizione come boss. Ludwig è una gigantesca mostruosità dalle fattezze equine e bicefala. Lo scontro è diviso in due fasi: la prima in cui agisce, come ci si aspetterebbe visto il suo design, come un cavallo impazzito; nella seconda il nemico riacquista la sua personalità originaria e torna ad essere la Lama Sacra, diventando ancora più temibile. Ludwig è considerato uno dei boss più difficili dell’intero gioco, anche per questo motivo la battaglia contro di esso è forse la più gratificante ed emozionante. Indimenticabile.

Kratos vs Baldur – God of War

La scarsa quantità di boss fight è forse l’unico difetto di quel capolavoro che è God of War. Fortunatamente non mancano comunque una manciata di battaglie assolutamente epiche. Nel corso dell’avventura, Kratos affronta più volte il potente Baldur e sebbene ogni incontro risulti appassionante, il combattimento finale merita un elogio speciale. Si tratta di una battaglia estremamente spettacolare, coinvolgente e stracarica di pathos narrativo. Un’eccellente conclusione narrativa per l’epopea dello spartano, almeno finora…

Ethan vs Marguerite Baker – Resident Evil 7

Resident Evil 7 ha rappresentato una sorta di rinascita per la storica serie horror made in Capcom. Tra le sequenza di gioco più disgustose ed angoscianti spicca certamente il combattimento contro Marguerite. Senza dubbio, una delle esperienze più terrificanti del gioco. La boss fight nella serra con la signora Baker è stata realizzata in modo da costringere il giocatore a stare costantemente sulle spine, guardandosi compulsivamente intorno visto che la donna, con le sue movenze ragnesche e i suoi disgustosi arti oblunghi, cammina sui muri e sguscia attraverso piccole fessure. Una scena degna di The Ring, terrificante

Deacon St. John vs l’Orda della Segheria – Days Gone

Abbiamo deciso di chiudere questo articolo con una boss fight atipica. Sì, perché la meccanica delle orde di Days Gone rappresenta una delle esperienze ludiche più soddisfacenti degli ultimi anni. Abbiamo scelto di citare l’Orda della Segheria poiché si tratta di una delle più grandi e famose del titolo. Affrontare un’orda fa provare un leggero brivido di terrore misto ad inevitabile esaltazione. Centinaia di bestie urlanti si ammassano in un unico punto, creando uno sciame che inonda la visuale senza dare tregua, muovendosi come se si trattasse di una coscienza collettiva che ha l’unico scopo di eliminare il protagonista. Sfruttare l’ambientazione circostante e la moltitudine di armi utilizzabili, godendo al contempo dello splendido level design dell’ambientazione è un’esperienza a dir poco esaltante.

Articolo precedenteiPhone SE e tanti smartphone Android in offerta su Amazon: tutti gli sconti attivi
Prossimo articoloDemon’s Souls – Manuale di sopravvivenza e Walkthrough
Alla costante ricerca di se stesso e del suo ruolo nel mondo, perde la sua verginità videoludica con la gloriosa PS1 e da allora è un amore in costante crescita. In quanto appassionato di cinema apprezza particolarmente i videogames in grado di raccontare storie interessanti e coinvolgenti. Attende con impazienza una cruenta apocalisse zombi per mettere in atto tutto ciò che ha imparato grazie a Resident Evil e The Last of Us.

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!