Nell’attesa di nuove informazioni inerenti alla futura produzione di Sony Interactive Entertainment, l’attenzione di una non indifferente parte del pubblico è focalizzata sulla produzione della diretta concorrente di Playstation 5. Non parliamo né di Google Stadia e né di Nintendo Switch, bensì di Xbox Series X. Distaccandosi completamente dalla manovra commerciale dell’azienda nipponica, Microsoft ha deciso di far parlare di sé usando uno spazio della propria presentazione durante lo svolgimento della precedente edizione dell’E3, ossia la rinomata fiera videoludica che annualmente si disputa nella città di Los Angeles. Con una breve e concisa frase di introduzione alla nuova generazione di console, “power your dreams”, la celebre azienda americana ha deciso di accontentare l’insaziabile curiosità del pubblico rivelando ufficialmente l’aspetto della propria console, il quale è stato accompagnato dal primo trailer reveal di Hellblade 2: Senua’s Saga, che ha mostrato a pieno l’enorme potenzialità della prossima generazione videoludica.

Secondo alcune dichiarazioni rilasciate dallo stesso Phil Spencer, l’attuale vicepresidente esecutivo del settore gaming di Microsoft, la prossima produzione della casa americana monterà le seguenti componenti tecniche:

  • CPU AMD: Zen 2 a 8 core, 16 Threads – 3,5GHz
  • RAM: 16 GB GDDR6
  • GPU AMD: NAVI DA 12+ TeraFLOPS
  • SSD da 1 TB NVMe
  • DirectX Raytracing + MS A.
  • Lettore ottico 4K Blu Ray

Anch’essa, come la diretta concorrente, monterà quindi la stessa architettura Zen 2, disporrà di un SSD personalizzato, così da consentire tempi di caricamento notevolmente ridotti, ed infine supporterà la tecnologia del Raytracing, consentendo una maggiore immersione di gioco percepita dal giocatore. Risulta quindi esserci un pareggio sul lato tecnico delle due console, ed è per tale ragione che non sarà la potenza dell’hardware a determinare la vincitrice della prossima “console war”, bensì il comparto ludico delle due concorrenti. Attualmente sappiamo poco sulla line-up di lancio di Playstation 5 e di Xbox Series X: da un lato abbiamo avuto la presentazione del primo trailer di Godfall e la manovra pubblicitaria di Square Enix con Outriders, la quale ha avuto parecchio successo grazie alla pubblicizzazione che ha visto come protagonisti i vari influencer esponenti del mondo del gaming, mentre dall’altro abbiamo la prima presentazione ufficiale della continuazione della saga di Hellblade.

Non sappiamo altro sui titoli che approderanno sulle future console, ma il susseguirsi dei rinvii di numerosi di questi in uscita nel corso del 2020 lascia intendere che, inizialmente, avremo una serie di produzioni mid-gen, così da consentire gradualmente all’utenza di valutare l’opzione del “salto qualitativo”. Un altro fattore che sarà estremamente influente sulla vittoria di una delle due produzioni è l’offerta di servizi extra alla propria utenza. Seppure si possa dire che Playstation 4 abbia a propria disposizione alcune delle migliori esclusive di questa generazione, Microsoft è stata tuttavia capace di regalare ai clienti un servizio, denominato Xbox game pass, costantemente aggiornato contenutisticamente, ad un prezzo accettabile (e periodicamente in sconto), disponibile sia su Xbox One sia su PC. Tale abbonamento mette a propria disposizione alcuni dei titoli che più hanno segnato il successo delle console di attuale generazione, disponendo nella propria libreria di titoli dal calibro di The Witcher 3, GTA 5, alcuni dei più gettonati capitoli della saga di Fallout, The Outer Worlds, Monster Hunter World e molti altri capolavori. Si può dire che la casa di produzione nipponica abbia prodotto, complessivamente, la console più apprezzata dall’utenza, ma non è detto che Microsoft non possa superare la diretta concorrente grazie all’efficienza dei propri servizi secondari.

Articolo precedenteDragon Ball Z: Kakarot – Consigli su come iniziare al meglio
Prossimo articoloFinal Fantasy VII – Una demo sul PSN per ingannare l’attesa

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!