Fall Guys: Ultimate Knockout è sulla cresta dell’onda ormai da un paio di settimane. Disponibile su PC e PS4, piattaforma sulla quale è al momento scaricabile gratuitamente a patto di essere abbonati al PlayStation Plus, questo simpatico battle royale è distribuito da Devolver Digital e sviluppato da Mediatonic.

Si tratta certamente di un battle royale atipico, privo di armi o violenza e non ambientato in scenari di guerra. Fall Guys ci catapulta in un contesto più folle, tra esilaranti corse ad ostacoli e sfide fuori di testa. Ogni “battaglia” è suddivisa in più prove: iniziano a giocare un totale di 60 giocatori e in ogni round coloro che non superano la prova vengono eliminati, fino a quando non ne rimane soltanto uno.

Ogni giocatore può personalizzare il proprio paffuto avatar cambiandone varie caratteristiche, quali il colore di base o la skin. Come di consueto, gli oggetti cosmetici si ottengono in due modi: acquistandoli nel negozio con due diversi tipi di valuta (uno può essere acquistato con soldi veri) o sbloccandoli grazie all’immancabile pass stagionale man mano che si sale di livello accumulando esperienza.

Tra fisica e casualità

Pad alla mano, Fall Guys: Ultimate Knockout rapisce all’istante. Caratterizzato da un sistema di controllo estremamente basilare, il titolo fa della fisica il suo punto di forza, tra salti, cadute improponibili e scontri accentuati da un preponderante ragdoll. Oltre a correre e saltare il giocatore può afferrare gli avversari, tuffarsi a capofitto e dilettarsi nelle classiche emote da sfottò come balletti e gesti vari.

Le buffe skin contribuiscono alla follia generale dell’esperienza di gioco.

Come detto, in Fall Guys: Ultimate Knockout la fisica ricopre un aspetto fondamentale, visto che la pesantezza del personaggio è palpabile ed influisce direttamente sul gameplay.  Le piccole gambette arcuate delle creature portano a movimenti non particolarmente agili e parecchio ondeggianti, con le braccia che oscillano in modo sgangherato cercando di bilanciare il precario equilibrio del paffuto corpicino degli sfidanti.

Inutile dirlo ma il tutto sfocia spesso nel caos più totale. Soprattutto nelle sfide iniziali, quando decine di giocatori si ammassano col disperato bisogno di qualificarsi, la componente casual del gioco può prendere il sopravvento a discapito dell’aspetto competitivo del battle royale di Mediatonic.

Questa folle prova consiste nel raggiungere il traguardo cercando di non cadere dalle pedane, che si sbilanciano col peso dei giocatori.

Vincere è difficile, non ci sono dubbi, ma non fate l’errore di credere che questo battle royale da 60 giocatori si basi esclusivamente sulla fortuna: conoscere i percorsi, osservare i movimenti degli avversari cercando di anticiparne le mosse, capire quando e se aspettare o lanciarsi a capofitto… sono tutti fattori che aiutano certamente nell’arrivare sino in fondo. Tuttavia, in molte delle sfide di Fall Guys: Ultimate Knockout si perde (o si vince) senza che le nostre abilità vengano realmente messe alla prova. C’è un’innegabile componente casual nelle varie prove, tra salti difficilmente leggibili e prove di squadra in cui è difficile coordinarsi tra compagni.

Appare dunque importante capire con quale filosofia approcciarsi al titolo. Giocare è senz’altro divertente, rappresentando una delle classiche esperienze utili a spegnere il cervello, ma la competitività è insita nell’animo umano e vedere che spesso ciò che succede a schermo va oltre il controllo del giocatore potrebbe risultare frustrante per una ristretta fetta d’utenza.

Mai dire Banzai

Fall Guys: Ultimate Knockout non è dunque l’esperienza più tecnica presente sul mercato, ma risulta comunque estremamente coinvolgente tanto che una partita tira inevitabilmente l’altra. Al momento è presente soltanto una modalità ma sappiamo che Mediatonic sta lavorando per arricchire l’esperienza di gioco, probabilmente con un focus su co-op e multiplayer locale, features che potrebbero trasformare il titolo da battle royale competitivo ad inedito party game.

Al momento comunque Fall Guys funziona a dovere; è sempre bello avviare una nuva partita e scoprire quali prove ti aspettano, come le affronterai. La varietà degli scenari è più che soddisfacente e ciò rende particolarmente improbabile cimentarsi in due partite identiche consecutive. Si passa da esilaranti percorsi a ostacoli a sfide competitive più dirette come assurde partite di calcio, caccia alle uova o una sorta di cattura la bandiera in cui ci si deve appropriare delle code degli avversari.

Infine non mancano una serie di sfide più strategiche, che sono anche le più ispirate come Hex-A-Gone, in cui vince chi resiste più a lungo senza precipitare da esagoni che si distruggono una volta calpestati, o Perfect Match, una sfida a colpi di memoria che ricorda il ben più noto Memory.

Una varietà dunque apprezzabile che non potrà che crescere nei messi a seguire. E’ però un peccato constatare che, al momento, in Fall Guys: Ultimate Knockout manchi la possibilità di riavviare istantaneamente il matchmaking subito dopo essere stati eliminati. Una volta appurata la sconfitta il gioco entra in modalità spettatore, permettendo di ammirare le gesta dei giocatori rimanenti. Per tornare a giocare, dunque, si è costretti ad uscire dal match e far partire nuovamente la ricerca. Il tutto si traduce in un’operazione da circa un paio di minuti che, in un titolo così frenetico ed immediato, rischia di spezzare eccessivamente l’entusiasmo e la voglia di riprovare a vincere.

Fall Guys football
Una decina di pazzi scatenati, diversi palloni in campo… Cosa può andare storto?

Ovviamente la possibilità di guardar giocare gli altri può rivelarsi utile per apprendere e metabolizzare nuove strategie da adottare in game. Sì, perché Fall Guys nonostante tutto necessita di una discreta dose di esperienza per essere padroneggiato a dovere. Esistono modi diversi per affrontare una medesima sfida e si percepisce effettivamente la differenza tra giocatori principianti ed esperti.

Il bello è che, nonostante tutto, l’esperienza di gioco risulta godibile per chiunque, sia per chi vuole semplicemente giocare un paio di partite in spensieratezza, sia per i più competitivi sempre pronti a studiare nuove strategie vincenti. Fall Guys diverte e unisce tutti indistintamente.

Concludendo…

Giocare a Fall Guys: Ultimate Knockout è un’esperienza divertente che, sotto la sua paffuta veste ironica, nasconde persino qualche interessante tecnicismo, pur puntando prevalentemente su un’esperienza di gioco immediata e fuori di testa. La notevole varietà di sfide presenti rende già valida l’offerta ludica, se il team supporterà a dovere la propria creatura siamo certi che Fall Guys farà parlare di sé ancora a lungo. Ribadiamo la presenza di microtransazioni (relative ad elementi cosmetici) nel gioco, caratteristica che potrebbe urtare alcuni giocatori, visto che non stiamo comunque parlando di un free-to-play.

CI PIACE
  • Divertente ed immediato
  • Ampia varietà di sfide
  • Tante buffe skin da sbloccare
NON CI PIACE
  • Microtransazioni evitabili
  • Dopo ogni partita si è costretti a passare dal menù principale
  • Casual o competitivo? Questo è il dilemma
Conclusioni

Nonostante qualche aspetto migliorabile, Fall Guys: Ultimate Knockout parte da basi solide e potrebbe realmente evolversi in un battle royale meraviglioso ed unico.

7.7Cyberludus.com

Articolo precedenteHorizion: Zero Dawn Complete Edition – Recensione della versione PC
Prossimo articoloMicrosoft Flight Simulator – Recensione
Alla costante ricerca di se stesso e del suo ruolo nel mondo, perde la sua verginità videoludica con la gloriosa PS1 e da allora è un amore in costante crescita. In quanto appassionato di cinema apprezza particolarmente i videogames in grado di raccontare storie interessanti e coinvolgenti. Attende con impazienza una cruenta apocalisse zombi per mettere in atto tutto ciò che ha imparato grazie a Resident Evil e The Last of Us.

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!