David Cage ha espresso la sua opinione in merito all’arrivo delle console next-gen previsto per il 2020 in un’intervista concessa a DualShockers, spiegando la sua visione in merito all’imminente futuro che investirà il mondo del gaming.

Secondo il creatore di Heavy Rain e Detroit: Become Human la qualità dei contenuti proposti nei prossimi anni sarà fondamentale, anche a dispetto della mera potenza bruta delle nuove macchine da gioco, il cui successo sarà appunto determinato dalla capacità dei prossimi giochi di sorprendere il pubblico

Con una similitudine perfettamente in linea con il suo ruolo di scrittore di videogiochi, David Cage si è così espresso: “Personalmente credo che la tecnologia sia la penna per scrivere il libro”.

“Può facilitare la scrittura, creare libri dal bell’aspetto, ma una penna da sola non renderà mai il tuo libro grandioso. I contenuti saranno fondamentali nei prossimi anni, forse più che mai. Tutte le nuove piattaforme avranno bisogno di contenuti esclusivi dall’alta qualità per attirare i consumatori, il che è una cosa positiva per sviluppatori e giocatori”.

“La mia speranza”, ha concluso, “è che vedremo titoli originali e creativi, perché più della tecnologia sono loro quelli che fanno andare avanti la nostra industria”.

La visione dell’autore francese è tanto naturale quanto profondamente romantica. In fin dei conti, è normale parlare delle specifiche tecniche delle piattaforme che invaderanno il mondo dell’intrattenimento videoludico fra poco più di un anno. E’ così da diverse generazioni e, fortunatamente, i videogiochi profondi non sono mai mancati. Sta a noi videogiocatori saper premiare quelle produzioni che si prendono qualche rischio pur di permetterci di vivere esperienze innovative, capaci di sorprenderci.

- Advertisement -
Articolo precedenteMortal Kombat 11, i dettagli del nuovo aggiornamento
Prossimo articoloJump Force: Majin Bu si aggiungerà presto al roster
Alla costante ricerca di se stesso e del suo ruolo nel mondo, perde la sua verginità videoludica con la gloriosa PS1 e da allora è un amore in costante crescita. In quanto appassionato di cinema apprezza particolarmente i videogames in grado di raccontare storie interessanti e coinvolgenti. Attende con impazienza una cruenta apocalisse zombi per mettere in atto tutto ciò che ha imparato grazie a Resident Evil e The Last of Us.

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!