Battlefield V a rischio flop?

Dopo la presentazione in pompa magna a cui abbiamo assistito durante l’E3 2018, Battlefield V è quasi sparito dai radar non avendo ricevuto la mole di pubblicità che un titolo dalla così notevole importanza commerciale avrebbe meritato.

Non a caso, secondo la società di investimento Cowen Group, i pre-order del gioco sviluppato da DICE si stanno rivelando alquanto scarsi. Battlefield V sarebbe decisamente indietro rispetto a titoli come Call of Duty: Black Ops 4 e Red Dead Redemption 2. Secondo Cowen, il gioco potrebbe fare la fine di Titanfall 2, FPS che nel 2016 venne polverizzato dalla concorrenza di Battlefield 1 e Call of Duty: Infinite Warfare.

Il noto analista di NPD, Mat Piscatella, è più ottimista: “Al giorno d’oggi, le vendite del day one sono meno importanti nel determinare il successo finale delle vendite. I preordini sono utili solo per stimare il primo giorno (di vendite), e non rivestono più l’importanza che rivestivano in passato. Non metterei molto peso sui preordini per le previsioni nel 2018”.

Generalmente i giochi improntati sul multiplayer o i cosiddetti games as service puntano sull’avere guadagni nella lunga distanza, piuttosto che sulle vendite del day one.

Quindi, anche se Battlefield V potrebbe non essere un folgorante successo il giorno dell’uscita, sarà comunque il tempo a decretarne il successo o il fallimento. Cogliamo l’occasione per ricordarvi che il gioco sarà disponibile dal 19 ottobre 2018 per PS4, Xbox One e PC.

Fonte.

Articolo precedenteFifa 19 nnon avrà la licenza della Serie A?
Prossimo articoloLa mappa di Red Dead Redemption 2 sarà la più grande mai creata da Rockstar
Fabrizio Giardina
Alla costante ricerca di se stesso e del suo ruolo nel mondo, perde la sua verginità videoludica con la gloriosa PS1 e da allora è un amore in costante crescita. In quanto appassionato di cinema apprezza particolarmente i videogames in grado di raccontare storie interessanti e coinvolgenti. Attende con impazienza una cruenta apocalisse zombi per mettere in atto tutto ciò che ha imparato grazie a Resident Evil e The Last of Us.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here