Di nuovo in panchina con Football Manager 2017

Da oltre un decennio, Football Manager è considerato uno tra i videogiochi migliori in ambito calcistico. Questo perché il brand è da sempre sinonimo di qualità – e di quantità – per il gran numero di opzioni e sfaccettature che offre al pubblico degli appassionati. Nel nuovo capitolo della serie ci sarà data la possibilità di scoprire un mondo nascosto e altamente competitivo, abitato da collaboratori fidati e presidenti pronti a tutto per vincere.

Siete pronti a scoprire tutte le novità di questo nuovo Football Manager 2017?

Football Manager 2017

Bombolette spray e vicende politiche

Ve lo diciamo subito: non aspettatevi novità sconvolgenti da questo ultimo capitolo di Football Manager. Fatta eccezione per il nuovo motore grafico, il sistema degli abbonamenti basato sui social network e l’ampliamento delle attività contrattuali, tutto è rimasto sostanzialmente invariato. Rispetto al precedente capitolo però, abbiamo notato miglioramenti in diversi settori del gameplay, con l’introduzione di nuove figure nello staff (i medici e i match analyst fra tutti), un miglior sistema di gestione della propria squadra – grazie a un’interfaccia rinnovata – e tante altre chicche, come l’influenza della Brexit sulle meccaniche di gioco, la maggior accuratezza dell’editor del vostro alter ego e i nuovi calci d’inizio, solo per citarne alcune. Come ogni anno, le rose di tutte le associazioni calcistiche sono state aggiornate, così come i parametri di tutti i giocatori in linea con le prestazioni delle loro controparti reali.

Lo staff tecnico sarà la vostra famiglia

Schemi e lavagnette alla mano, il vostro primo compito sarà quello di creare il vostro sosia virtuale. Rispetto al passato, le opzioni per modificare i lineamenti e la fisicità dell’avatar sono nettamente aumentate, così come la qualità grafica delle stesse. Una volta scelta la squadra da guidare, potremo inoltre decidere di aggiungere altri campionati oltre a quello dove milita il nostro club, per poter estendere ad altri paesi le mire delle nostre campagne di calciomercato. Nel caso vogliate abbondare, però, preparatevi ad un peggioramento consistente delle prestazioni del titolo, che accoglierà la maggior quantità di dati da processare con tempi di caricamento piuttosto prolissi.

Entrati nella schermata principale che vi accompagnerà per tutta la vostra carriera, troverete sulla sinistra la classica griglia con tutte le varie sezioni per amministrare al meglio ogni aspetto del club (dallo staff al mercato, passando per le varie rose). A tal proposito, siamo lieti di informarvi che la Sport Interactive, la casa di produzione del titolo, ha migliorato in modo notevole l’approccio con cui i nostri collaboratori ci consiglieranno sul da farsi. Interverranno più spesso, e direttamente nella schermata principale, con opinioni su ogni problema, dai rinnovi contrattuali ai consigli di mercato.

Merita una menzione particolare la sezione relativa al Rapporto squadra, totalmente rivoluzionata e di più facile analisi. Qui troverete un rapporto completo sulla vostra squadra in base al modulo e alla tattica che attualmente scelte, con la lista completa degli atleti più propensi a giocare in un determinato ruolo.

Football Manager 2017

Passando al mercato, punto dolente di molti Football Manager, abbiamo riscontrato ancora problemi, soprattutto per quel che riguarda le trattative condotte dall’intelligenza artificiale. L’AI continua infatti a proporre cifre assurde per futuri possibili campioncini, e vende grandi talenti a cifre esigue, ma solo se non siete voi a trattare. Questo ci fa storcere ancora una volta il naso, sebbene il nuovo metodo di contrattazione, sia con i club, sia con i giocatori, sia decisamente più funzionale rispetto a quello delle precedenti iterazioni.

L’aggiunta di nuove opzioni contrattuali, soprattutto per quanto riguarda i prestiti e i possibili valori di riscatto, ci fa capire quanto Football Manager 2017 sia attento ad ogni aspetto della gestione del mercato calcistico, mai tanto accurata in un videogioco. Una volta trovato l’accordo con la squadra cedente, la maggior parte dei giocatori vi farà delle richieste prima di sedersi a contrattare l’ingaggio: alcuni vi chiederanno di diventare capitani, altri di usare la vostra squadra come trampolino per il futuro, e altri ancora vorranno un cospicuo aumento di ingaggio. Insomma, non sarà più possibile portare grandi campioni nella vostra squadra in mezza giornata, ma dovrete pianificare il tutto accuratamente, proprio come succede nel calciomercato reale.

Football Manager 2017

La novità che ci è piaciuta di meno, non tanto per il contenuto quanto per l’utilità, è il nuovo sistema di abbonamento: i social network. Potremo visualizzare i commenti riguardanti la tifoseria e le notizie da tutti i campi in un paio di click, con hashtag che rimanderanno direttamente alle squadre o ai giocatori coinvolti. L’idea, di per sé, sarebbe anche interessante, ma abbiamo notato diversi problemi, come l’estrema ripetitività dei messaggi e la frequente assurdità delle cose scritte. Ne abbiamo lette di cotte e di crude, tra tifosi indiavolati per la vendita di un giocatore fuori rosa a cifre astronomiche, e supporter dispiaciuti per acquisti davvero fondamentali. L’esperimento di Sport Interactive risulta comunque interessante, e speriamo quindi che già dal prossimo anno questi problemi siano risolti.

I calciatori si lamenteranno per aver giocato poco come negli scorsi capitoli? Si, questa piccola pecca è ancora presente anche in Football Manager 2017 e, se non bastasse, gli infortuni che dissangueranno la vostra rosa sono aumentati a livelli davvero eccessivi. La vostra campagna acquisti sarà spesso orientata solo ed esclusivamente al rimpiazzo dei “caduti” sul campo e, tra tibie spezzate e crociati lesionati, più che atleti i vostri calciatori sembreranno soldati in guerra.

Football Manager 2017

Come si comporta graficamente…

Parlando del motore grafico, dobbiamo dire che sinceramente non abbiamo visto quel “salto” di qualità che ci saremmo aspettati dagli sviluppatori. La fluidità delle partite è sicuramente migliorata, con i giocatori che sembrano muoversi con più naturalezza, ma rimane ancora quella sensazione di rigidità ben nota agli appassionati.

Oltretutto, il motore grafico sembra essere diventato decisamente più pesante rispetto al passato. Ciò significa che se lo scorso anno faticavate a far girare Football Manager 2016 in 3D, quest’anno rischiate seriamente di dover passare alla grafica 2D. Concludiamo il discorso col dirvi che il frame rate ci ha convinto, malgrado in alcune situazioni particolari (come nel caso di gol) si notino ancora cali piuttosto bruschi.
L’HUD del videogioco è rimasta pressoché invariata, con qualche accorgimento qua e là che comunque non altera significativamente il layout già visto nel capitolo precedente.
Siamo però rimasti stupiti – e positivamente – dai tempi di caricamento, davvero brevissimi, specialmente se confrontati con quelli di Football Manager 2016. Come anticipato, però, optando per un maggior numero di campionati per il calciomercato, vedrete le tempistiche lievitare in maniera esponenziale.

Football Manager 2017

Concludendo…

Football Manager 2017 è riuscito, ancora una volta, a migliorarsi e ad aggiungere profondità a un brand tra i più complessi nel panorama calcistico. Dispiace il fatto che Sport Interactive si sia concentrato sul nuovo motore grafico a dispetto di altri miglioramenti che avrebbero potuto arricchire ancora di più l’esperienza ma, nonostante ciò, le novità introdotte ci hanno comunque soddisfatto. Football Manager continua ad essere il miglior gestionale calcistico in circolazione, e per questo non possiamo che consigliarvi caldamente l’acquisto di questo ultimo capitolo.

CI PIACE

-Solidità del brand confermata

-Lo staff diventa più che mai fondamentale

-Più realismo

NON CI PIACE

-Grossi problemi nel calciomercato

-Social network da rivedere

-Nuovo motore grafico che non grida al capolavoro

Conclusioni

Il nuovo capitolo di Sport Interactive e SEGA ci è piaciuto ma rimane un margine di miglioramento per il futuro. Sfruttando la solidità dei capitoli precedenti, gli sviluppatori hanno migliorato alcuni aspetti gestionali e reso il videogioco più performante, ma i loro sforzi sul motore grafico non sono stati quanto ci aspettavamo. Per gli appassionati però, il titolo è sicuramente un “must have” e, forse, uno dei migliori Football Manager mai pubblicati.

8.5Cyberludus.com
Articolo precedenteCrazy Machines 3 – Recensione
Prossimo articoloInvader Studios: La nostra Intervista – “Meid” in Italy
Appassionato di strategici e gestionali da ancora prima fosse scoperto il fuoco, nella vita lavoro nel vastissimo mondo dell'elettronica, leggermente più piccolo dell'universo di No Man's Sky. La mia droga? Oltre ovviamente ad ogni contenuto videoludico, qualsiasi tipo di sport. Il mio sogno? Trovare IL videogioco più brutto del mondo.

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!