Call of Duty: Modern Warfare Remastered e il ritorno al passato

Era solo questione di tempo che Call of Duty: Modern Warfare venisse rimasterizzato. L’amatissimo capitolo uscito la bellezza di nove anni fa è infatti un episodio cruciale della saga bellica più venduta al mondo. Rivoluzionario nel suo multiplayer e fresco nel suo contesto moderno, Modern Warfare risulta ancora oggi uno degli fps più rispettati nel mercato videoludico.

In vista anche del prevedibile ammontare di critiche all’ennesima svolta futuristica della saga, Activision ha finalmente deciso di rendere disponibile sulle macchine di nuova generazione il capitolo che forse meglio rappresenta la mentalità “boots on the ground” nel panorama storico della saga. Se quindi Infinite Warfare non vi convince, Modern Warfare Remastered potrebbe essere quello che fa per voi.

maxresdefault

All ghillied up

Call of Duty: Modern Warfare Remastered offre ben più di una semplice “pulita” al comparto grafico: questa volta abbiamo infatti tra le mani quello che sembra un vero e proprio remake, aggiornato visivamente su ogni fronte possibile.

Ma andiamo con ordine e parliamo delle due modalità principali: la campagna e il multiplayer.

La storia ci vede nei panni della recluta Soap, appena introdotta nel team dell’unità SAS del celeberrimo Capitano Price. I nostri eroi dovranno affrontare una minaccia su scala globale, che vede come antagonista l’estremista russo e mercante di morte Imran Zakhaev. La campagna ci terrà impegnati anche sul fronte afghano, nei panni di un marine impegnato a dare la caccia a un dittatore in combutta con Zakhaev.

modern_warfare_remastered_comparison_reload

Si tratterà di un vero e proprio giro nel mondo, che ci porterà dall’arido fronte bellico degli americani alle missioni più “sottobanco” della SAS, in ambientazioni rurali e sperdute. La campagna di Modern Warfare Remastered è invecchiata particolarmente bene, grazie anche a una realizzazione che già ai tempi riusciva a impressionare con una sceneggiatura di prima qualità. Lo stile della narrazione forse sfigura se rapportato ai Call of Duty moderni, ma riesce comunque a rendere frenetici e omogenei i vari momenti della storia. Saranno presenti anche alcune piccole aggiunte qua e là, come ad esempio la sezione dove poter praticare il movimento e l’uso degli esplosivi durante il livello di addestramento.

Passando al multiplayer, sarete felici di sapere che l’esperienza risulta, di fatto, inalterata. Le vecchie e iconiche armi di Modern Warfare sono rimaste le stesse di 9 anni fa, con lo stesso feeling, con lo stesso rinculo e, soprattutto, con gli stessi difetti. Lo squilibrio del M16 persiste tutt’oggi, ad esempio, e per certi versi va benissimo: coi suoi pregi e i suoi difetti, Modern Warfare era infatti riuscito a raggiungere un equilibrio tale, sul fronte gameplay, da conquistare milioni di giocatori. Anche le dieci mappe a disposizione mostrano però – e meno positivamente – gli effetti del tempo, con la collocazione di angoli ciechi che favoriscono e incitano il camping.

qf3lzml

Queste cosucce, per quanto assolutamente perdonabili e anzi nostalgiche, contribuiscono comunque alla composizione di un’offerta ludica che magari oggi può apparire più arretrata, più legnosa di quella alla quale siamo ormai abituati. Non sto ovviamente criticando un gioco di nove anni fa, ma sto dicendo che il tanto richiesto “passo indietro” ha un suo costo. Per il resto Modern Warfare: Remastered è una goduria da giocare (praticamente intoccato sul fronte della personalizzazione e delle armi, a parte un rpg ora accessibile tramite un perk) e risulta in parte modernizzato sia per quanto riguarda l’interfaccia e gli emblemi, sia per l’aggiunta di una modalità Uccisione Confermata presa a piene mani da Modern Warfare 3.

E non aspettatevi decine di perk e killstreack, perché qui oltre all’UAV, al Raid e all’Elicottero non sbloccherete altro. Sul fronte tecnico Modern Warfare Remastered brilla immensamente grazie a una realizzazione che, come anticipato, lo porta a qualificarsi come un vero e proprio remake. Texture e poligoni sono stati completamente aggiornati per raggiungere i livelli dei capitoli più recenti – nello specifico siamo vicini alla qualità di Ghosts – e in alcune sequenze possiamo intravedere anche un motion capture d’impatto.

call-of-duty-modern-warfare-remastered-ps4-review-3

Esteticamente questo Modern Warfare è una perla, bello e fluido come lo era – ai nostri occhi – ai tempi del lancio, grazie anche a nuovi effetti di luce e shaders di buona qualità. Anche sul fronte animazioni abbiamo visto qualche aggiunta, anche se in generale si tratta dell’aspetto meno aggiornato, caratterizzato tuttora da una certa legnosità diffusa. Alcuni livelli, oltretutto, avrebbero forse meritato una maggiore cura, come ad esempio la leggendaria sezione di Chernoyl, che appare un pelino carente rispetto ad altre sezioni del gioco.

Sul fronte sonoro c’è poco da dire, visto che è stato riutilizzato praticamente ogni asset già presente nel gioco originale. Questo significa che gli effetti delle armi e il doppiaggio sono inalterati, con una qualità che a volte stona con quella generale del remaster. Per il resto nulla da ridire sulla grandissima composizione sonora di Harry Gregson-Williams, ancora oggi epica.

maxresdefault-1

Concludendo…

Call of Duty: Modern Warfare Remastered è una perla che si piazza dritta in cima nella classifica dei migliori “rework” di sempre insieme a Metro 2033 Redux. La qualità visiva è ottima e sa rendere giustizia a un titolo che ai tempi impressionava. Qualche difetto tecnico risulta accettabile, tutto considerato, tenendo presente che alterare Modern Warfare più del dovuto sarebbe stato un peccato. Per gli stessi motivi, il gameplay e tutto ciò che di bello il gioco ha saputo offrirci nove anni fa sono rimasti inalterati, legati a quella tipologia da “boots on the ground”così tecnica e hardcore da rappresentare, ancora oggi, un vero picco qualitativo per la saga. Call of Duty: Modern Warfare Remastered a volte risulta legnoso, e alcuni elementi non sono invecchiati benissimo, ma si tratta comunque di un gran gioco che merita ancora oggi. Purtroppo il titolo è attualmente disponibile solo acquistando la Legacy Edition di Infinite Warfare, sebbene si tratti di un’edizione speciale non particolarmente costosa. Se comunque l’ultimo episodio della saga non vi piace proprio, è probabile che, Activision permettendo, in futuro riusciate comunque a mettere le mani su questo remaster e, fidatevi, sarà valso l’attesa.

CI PIACE

-Visivamente delizioso

-Gameplay bello e alla mano ancora oggi

-Se preso insieme alla Legacy Edition di Infinite Warfare lo si paga davvero poco…

NON CI PIACE

-… ma rimane il fatto che non si possa acquistare in altri modi

-Alcuni elementi del gameplay invecchiati maluccio

-Riutilizzo di alcuni assets che poteva essere evitato con un maggiore impegno

Conclusioni

Callof Duty: Modern Warfare Remastered è un’ottima riedizione di un classico senza tempo. L’estetica rinnovata e il gameplay inalterato sapranno regalarvi ore e ore di divertimento ancora oggi, nonostante siano passati nove anni.

8.5Cyberludus.com
Articolo precedenteCall of Duty: Infinite Warfare – Recensione
Prossimo articoloWatch Dogs 1, 2 e la svolta pensata per i bimbetti – Riflessioni Pericolose

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!