JRPG & XBOX 360

La prima Xbox è sembrata quasi non volersi misurare nel campo dei giochi di ruolo, soprattutto con quelli in stile giapponese (comunemente denominati Jrpg) con la più blasonata e venduta PS2. Con l’uscita della sua nuova console, Microsoft ha voluto dare un chiaro segnale al pubblico, dimostrando di saper ascoltare e allo stesso tempo di avere sempre più mezzi e voglia di offrire un catalogo di giochi allettante ed eterogeneo.      Il presente ci porta ad osservare un panorama in cui è proprio la Xbox 360 ad avere il maggior numero di titoli per gli amanti del genere. Il catalogo è piuttosto corposo e comprende tra i tanti; Eternal Sonata, Blue Dragon, The Last Remnant, Lost Odyssey ed il recente Star Ocean, titoli che hanno fatto la felicità dei giocatori appassionati di gioco di ruolo.      Questa estate è caratterizzata dall’uscita di un altro titolo interessante che ha alle spalle una storia paragonabile a quella di Final Fantasy . Tales of Vesperia, infatti, è l’ultimo nato della saga dei “Tales of”, una serie che ad oggi conta di una ventina di titoli. Il primo capitolo della serie, Tales of Phantasia, fu creato per Super Nintendo nel 1995 dal Wolf Team, poi assorbito da Namco in quello che è diventato Namco Tales Studio. Quest’ultimo gioco di ruolo sviluppato in casa Namco, ha destato notevole interesse per il successo ottenuto durante la sua uscita giapponese. Un successo che ha permesso, per la prima volta, alla Xbox 360 di superare le vendite della console rivale Sony.

Tales of Vesperia 4

La storia di Vesperia

I giapponesi, dobbiamo ammetterlo, riescono spesso a creare ambientazioni e trame interessanti per i loro videogame, fumetti e cartoni animati. La storia di Tales of Vesperia è piuttosto gradevole e ricalca il buon lavoro effettuato con le opere precedenti. Tutto comincia dalla fonte di energia primordiale chiamata Aer. Gli abitanti di Terca Lumireis utilizzano nella loro vita quotidiana, un’antica tecnologia chiamata blastia, a sua volta alimentata dall’Aer. Blastia rappresenta un’autentica fonte energetica ricca di qualità e applicazioni tecniche ma, allo stesso tempo, si rivela molto pericolosa allo stato puro. Gli abitanti di Terca la impiegano per erigere le barriere che isolano le città dai pericoli che infestano il mondo esterno. L’uso di questa energia è entrato così a fondo nella vita quotidiana delle persone che è divenuta praticamente indispensabile nella loro vita quotidiana. Un esempio del suo impiego è dato dalla rete idrica delle città, un bene prezioso per la sopravvivenza dei ceti più deboli, che si avvale ti tale energia per il suo funzionamento, oppure dai cavalieri di Terca Lumireis che utilizzano blastia per sterminare e tenere lontani i mostri presenti attorno alla città. Una tecnologia così evoluta ed importante non poteva che essere sfruttata ed amministrata dai ceti sociali più ricchi e potenti. Per usufruirne gli abitanti devono sottostare ad una legislazione che li obbliga a rimanere all’interno delle mura cittadine, una scelta che costringe tutta la popolazione a vivere in una sorta di prigione all’aperto.     La situazione comincia a mostrare segni di cedimento quando una sfera di blastia, designata alla gestione dell’acqua nei quartieri poveri della città imperiale di Zaphias, viene trafugata. L’accaduto lascia la popolazione a dover fare i conti con un’improvvisa inondazione. Ed è qui che entra in scena il protagonista di questa storia: Yuri Lowell. Il suo carattere avventuroso lo spinge alla ricerca dei colpevoli, ma in breve tempo la sua indagine lo porta a scontrarsi con le guardie cittadine che lo spediscono in prigione a causa di un equivoco.

Tales of Vesperia

I protagonisti

I personaggi di Tales of Vesperia ricoprono un ruolo fondamentale per rendere la trama del gioco appassionante e coinvolgente. Durante il nostro peregrinare per Terca Lumireis incontreremo tante persone, alcune delle quali potranno unirsi alla nostra causa ed aiutarci per sconfiggere nemici sempre più potenti.      Il personaggio principale, come abbiamo già detto, è Yuri Lowell , un ex-cavaliere imperiale che abita nel quartiere povero e ne protegge i residenti. Yuri sarà accompagnato dal suo fedele compagno animale, una sorta di cane lupo, che prende il nome di Repede. Gli altri due personaggi principali di questa storia sono la principessa Estellise, una ragazza dal carattere ingenuo che dispone dell’arte della guarigione, e Flynn, un giovane cresciuto nel quartiere povero della capitale imperiale insieme a Yuri, divenuto Cavaliere Imperiale grazie ai suoi ideali di giustizia e senso di responsabilità.     Tra i diversi characters che incontreremo lungo il nostro tragitto, troviamo: Rita, una bambina prodigio esperta nella conoscenza di blastia, Raven che è colui che ha aiutato Flynn a fuggire di prigione all’inizio della storia. Per ultimi troviamo i membri della piccola e oscura tribù Kritya , l’enigmatico Karol e la splendida lanciere di nome Judith, i due incontrano Yuri nel loro peregrinare per le terre di Terca Lumireis.       Tutti loro sono ben caratterizzati e possiedono le proprie armi ed il proprio stile di combattimento. Per questo motivo dovremo scegliere bene chi deve far parte del nostro party e come dovremo utilizzarlo durante gli scontri.

Tales of Vesperia

Fatal Strike  

Il sistema di gioco di Tales of Vesperia parte da una base solida che richiama i precedenti capitoli. La serie ha sempre adottato un sistema di combattimento in tempo reale dedito all’azione, segue la tradizione e risulta essere  migliorato rispetto a quanto visto in Tales of the Abyss (titolo PS2 del 2006).  Le città, così come i vari dungeon, adottano un sistema di telecamere fisse che permette di esplorare liberamente ogni scenario, evidenziando al tempo stesso i diversi nemici presenti lungo la strada. L’ingaggio con quest’ultimi avverrà soltanto quando saremo stati avvistati o quando ci troveremo ad una distanza adeguata. Se ci trovassimo in difficoltà, possedendo ad esempio poca energia, potremo facilmente aggirare i mostri semplicemente sfuggendo alla loro vista. Una volta ingaggiato il nemico, l’azione di gioco si trasferirà in un campo circolare chiuso, in cui potremo controllare soltanto il nostro personaggio, mentre gli altri membri del gruppo saranno gestiti dall’intelligenza artificiale. Le azioni di questi ultimi possono essere scelte precedentemente, assegnando ad ognuno di essi delle priorità sui metodi di movimento, difesa ed attacco. Il sistema di movimento in combattimento prevede (di default) che il personaggio sia automaticamente agganciato ad un nemico. Per passare da questa tipologia di movimento ad una completamente libera, basterà tenere premuto il grilletto sinistro. I personaggi, inoltre, possono eseguire combo di colpi normali, difendersi, lanciare incantesimi oppure esibirsi in tecniche speciali utilizzando le proprie abilità esclusive. Avremo a disposizione tre tasti d’azione: l’attacco semplice (B), l’attacco speciale (A) e la parata (X). Tra le tante personalizzazioni di armi, armature ed equipaggiamento, possiamo perfino personalizzare gli attacchi speciali affidandoli ad una direzione della levetta analogica. Questo tipo di attacchi consuma dei punti che si ricaricano colpendo i nemici con degli attacchi semplici oppure aspettando un determinato periodo di tempo. Questo sistema è sicuramente più dinamico del solito stile a turni, però ha bisogno di essere padroneggiato al meglio per poter essere apprezzato, e la macchinosità di alcuni movimenti lo rende a tratti frustrante. Altro aspetto interessante del game-play è rappresentato dalla possibilità di trovare dei materiali che possono essere combinati tra loro per creare degli oggetti unici. Ogni oggetto ottenuto durante gli scontri può essere sintetizzato e combinato con altri elementi nei negozi dei mercanti sparsi su tutto il pianeta. L’equipaggiamento creato in questo modo, permetterà di infondere diverse abilità in una stessa arma così da poterle utilizzare in combattimento. Ciascuna abilità richiede, però, una diversa quantità di LP (Learning Point) per essere utilizzata. Questi punti apprendimento si guadagnano in battaglia ed una volta riempito l’indicatore corrispondente, otterremo la padronanza in quella determinata abilità.

Tales of Vesperia

Un videogame o un’anime?

La realizzazione grafica di un gioco di ruolo ricopre un ruolo fondamentale per la buona riuscita del titolo. In Tales of Vesperia gli sviluppatori hanno optato per un impatto in stile cartoon, con ambienti in tinte pastello e modelli dei personaggi realizzati in cell-shading dall’aspetto che ne richiama lo stile manga. In Giappone, infatti, sono stati tratti diverse serie a fumetti che si rifanno alle storie di alcuni giochi della saga (tra cui troviamo anche Tales of Vesperia). Non mancano, inoltre, effetti speciali durante ogni scontro e altri come l’alternanza del giorno e della notte e la presenza di fenomeni atmosferici come pioggia e neve. L’unico elemento che potrebbe far storcere il naso è rappresentato dall’utilizzo di una telecamera fissa durante le fasi esplorative del gioco. Per quanto riguarda l’aspetto sonoro, ci troviamo di fronte a diverse mancanze ed a qualche difetto. Quello che convince poco è la realizzazione del doppiaggio, interamente in lingua inglese, con voci che sembrano a volte troppo simili tra loro e prive di espressività. Il gioco, inoltre, è stato realizzato interamente in lingua inglese e non presenta la minima traccia di una traduzione in italiano, un vero peccato. Quello che invece convince molto è la composizione della colonna sonora, realizzata in uno stile unico e ricca di brani adatti ad ogni circostanza.

 

Conclusioni

Tales of Vesperia segue fedelmente i canoni tipici dei giochi di ruolo giapponesi, vale a dire una grande varietà di ambientazioni intessute su una trama articolata e ricca di colpi di scena, caratterizzata da un accurata creazione psicologica dei personaggi. Il gioco di ruolo targato Namco possiede una realizzazione tecnica abbastanza gradevole, seppur volutamente semplicistica, un ritmo ben calibrato ed una longevità che garantisce più di 40 ore di gioco. Il risultato nel suo complesso è ottimo e riesce ad esprimere lo stile del gioco di ruolo tradizionale. Tales of Vesperia è, insomma, un titolo che gli appassionati del genere non possono lasciarsi scappare.

CI PIACE
  • Buon utilizzo del cell-shading
  • Personaggi carismatici
  • Ottima colonna sonora
  • Storia avvincente
  • Sistema di battaglia migliorato?
NON CI PIACE
  • anche se risente di alcune dinamiche un pò macchinose
  • Assenza della localizzazione in italiano
  • La telecamera fissa potrebbe rivelarsi scomoda
8Cyberludus.com

Articolo precedenteI risultati finanziari di Konami – Q1 2009
Prossimo articoloI biglietti del Blizzcon esauriti in 8 minuti