Il ritorno dell’assassino vestito di bianco

Assassin’s Creed rappresenta uno dei cavalli di battaglia della terza generazione. L’action Ubisoft, lanciato nel 2007, si distingueva non poco grazie al suo design realistico e alla libertà conferita al protagonista, che poteva spostarsi e compiere azioni attraverso tre grandi città collegate tra loro.

Altair** simboleggiava l’antieroe per eccellenza: un assassino silenzioso, agile e letale, dotato di abilità ginniche e mosse furtive. Il gioco era strutturato in missioni primarie e secondarie, incentrate sulla ricerca, il pedinamento, e l’uccisione di vittime prestabilite. Tra esplorazione, fas i stealth e combattimenti ben studiati, il gioco immergeva totalmente, grazie anche all’atmosfera regalata dagli scorci di una Gerusalemme attanagliata dalla Guerra Santa e dalle figure dei leggendari **Cavalieri Templari.

A due anni di distanza dal suo esordio, Assassin’s creed ritorna con le sue vicende attraverso non uno ma ben due titoli che promettono interessanti novità: il secondo capitolo sarà destinato nuovamente alle console di terza generazione, mentre Bloodlines (da poco annunciato ufficialmente), sarà un’esclusiva Playstation Portable e farà da ponte di collegamento tra il primo e il secondo episodio della saga.

Due storie, un perché

La storia inizierà esattamente dove la prima avventura del killer incappucciato terminava. Le missioni compiute in passato hanno segnato Altair, trasformandolo da assassino spietato in eroe che combatte per la libertà e contro gli oppressi. Sciolto da ogni legame con la confraternita segreta della quale era membro, il protagonista cercherà di raggiungere i Cavalieri Templari in fuga da Gerusalemme. Le indagini delle sue ricerche lo porteranno nella lontana isola di Cipro, dove aiuterà la resistenza locale ad annientare i suoi nemici e i loro giochi di potere una volta per tutte. Le notizie sulla trama di Bloodlines terminano qui ed i collegamenti con Ezio Auditore, protagonista del secondo capitolo della saga, rimangono per adesso avvolti nella nebbia. La sceneggiatura del primo capitolo ha sorpreso grazie ai colpi di scena ed alle rivelazioni inaspettate. Si può dunque ben sperare che la storia di questo capitolo esclusivo sia altrettanto affascinante e ricca di sorprese.

Nuovi confini a portata di mano

L’annuncio di un capitolo di Assassin’s Creed per Playstation Portable destò non pochi dubbi, soprattutto riguardo alla natura del gioco. Grandi città liberamente percorribili che brulicano di persone, fasi di combattimento e fuga, sono situazioni difficili da immaginare per una console portatile. Eppure il primissimo trailer di Bloodlines mostra tutti questi elementi, che appaiono già da ora ben strutturati e molto simili al capitolo uscito per le console Next gen. Il comparto tecnico si presenta con un engigne completamente in 3d che sfoggia evocativi scorci dell’isola d i Cipro, che risulta molto dettagliata e ben realizzata. Gli scenari che fanno da sfondo all’avventura sono ricchi di vita, con abitanti che girano per le strade presi dagli andirivieni quotidiani, e soldati che fanno la guardia davanti agli edifici. L’architettura di questi ultimi è complessa e la presenza di colori caldi come il rosso si incastra perfettamente con il bianco grigiastro delle strade  e di alcune strutture. Il modello poligonale di Altair è dettagliato e la fluidità nei movimenti si conferma già molto buona. Il tutto sembra girare senza rallentamenti. I pochi minuti del trailer hanno mostrato davvero poco, ma quel che c’era convince pienamente. Non resta che attendere altri video e magari una demo in game per confermare le impressioni.

Un’isola a portata di mano

Le informazioni sul gameplay di Bloodlenes sono davvero poche ma quel che è certo è la conferma della piena libertà di esplorare l’isola di Cipro in lungo e in largo. Le città di Limason e Kyrenia a Cipro, la bella e storica isola del mar Mediterraneo, faranno da sfondo alle missioni del protagonista, che potrà correre, scattare, volare tra le travi, e arrampicarsi ovunque. Questa è una tecnologia molto importante che offrirà movimenti mai visti prima su Playstation Portable. I programmatori assicurano che il senso si libertà e agilità, tanto amato su next gen, tornerà anche in questo capitolo, nonostante gli ovvi limiti tecnici. Ma gozzovigliare per le strade grazie al miracoloso sistema di f ree-running  non sarà l’unico divertimento offerto dal titolo targato Ubisoft. Il gameplay sarà incentrato anche sulle investigazioni e sui pedinamenti di loschi individui che nascondono non pochi segreti, e naturalmente sui combattimenti. L’intuitivo sistema in effetti renderà gli scontri con i nemici emozionanti, ma allo stesso tempo tattici. Prima di uccidere i suo bersagli, Altair avrà una completa varietà di missioni da superare, come seguire la vittima, ascoltare i dialoghi e, a quanto dichiarato dagli sviluppatori, altre ingegnose trovate che termineranno con l’esecuzione e la fuga.  Non si hanno ancora conferme su una possibile modalità cooperativa on line ma la connessione Ps3Psp regalerà un’interessante interazione a vantaggio dei protagonisti dei rispettivi capitoli, in dirittura d’arrivo nei negozi. Entrando nello specifico, quando i giocatori sbloccheranno aggiornamenti relativi alle armi in Assassin’s Creed 2 per PS3, gli stessi aggiornamenti verranno sbloccati su Assassin’s Creed: Bloodlines per PSP. Il procedimento funziona anche al contrario: su PS3 si avrà accesso alle Monete dei Templari e a speciali armi, se trovate su PSP.

Conclusioni

Quella di Assassin’s creed è una saga amata dal pubblico video ludico, e un capitolo esclusivo per la piccola di casa Sony rappresenta una gradita sorpresa. Bloodlines promette una storia interessante e un comparto grafico deciso a superare i limiti tecnici di una piattaforma sempre più amata dai programmatori di tutto il mondo. Inoltre, le funzioni relative all’interazione con Ps3 non fanno che accrescere l’alone di curiosità formatosi attorno a questo promettente titolo. Il vero dubbio risiede nella monotonia che attanagliava il primo capitolo. Se il team di sviluppo riuscirà a creare missioni sempre diverse tra loro e trovate originali, Assassin’s Creed-Bloodlines potrebbe tranquillamente saliere sul podio dei migliori giochi di sempre per PSP.

Marco “Seth” Delle Fave

Articolo precedenteArriva la patch per Fat Princess
Prossimo articoloGran Turismo PSP
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.