In un settore piuttosto antico e governato da alcune leggi non scritte quasi fisse, come l’ambientazione o le scelte cromatiche che pendono eccessivamente da un lato o dall’altro, Guacamelee si è subito distinto per l’originalità del suo setting fra tutti gli esemplari di Metroidvania. Un universo, il Mexiverse, modellato attorno alla “mitologia” della lotta messicana, dei Luchadores sud-americano e di un sapore sin troppo evidentemente ispirato alla filmografia di un certo tipo. Quest’oggi, avremo l’onere ed onere di testare il secondo capitolo della saga, in versione Nintendo Switch.

Benvenuti nel Mexiverse!

Per chi non lo conoscesse, Guacamelee! 2 è un action/platform piuttosto difficile ed impegnativo, dotato di sezioni piuttosto ostiche in entrambe le direzioni, con un pizzico di “magia” ruolistica. A livello narrativo, il gioco riprende anni dopo le vicende narrate nel primo capitolo della serie: il nostro eroe, il wrestler messicano Juan, ha dismesso la “maschera” da eroe ed è divenuto un normale padre di famiglia. Ma, ahimè!, il suo vecchio maestro ritorna sottoforma di…capra, informandolo che ancora una volta, il Mexiverse avrà bisogno dei suoi massicci muscoli. Com’è fin troppo evidente, Guacamelee! 2 non si prende affatto sul serio e non ha perso un grammo del suo charme fuori di testa, divertente e scanzonato. All’interno del gioco, troveremo parodie di altri titoli, oltre che citazioni e dialoghi al limite della tragicomicità.

Da un punto di vista meramente meccanico, il nostro Juan avrà a disposizione tutta una serie di abilità ispirate al mondo del Wrestling che andranno a mescolarsi egregiamente con la sua inspiegabile (vista l’enorme massa) agilirà. Possiamo dire che, come già accaduto con il precedente capitolo, il gameplay del titolo si può dividere in due sezioni ben distinte, una dedicata al platforming ed una dedicata più specificatamente ai combattimenti. Tra le due, è sicuramente la prima ad esser quella prominente, riprendendo fluidamente appieno tutte le caratteristiche migliori del settore. In un gameplay sostanzialmente orizzontale, ogni nuovo stage sarà oculatamente settato in modo da offrire una sfida superiore e metterà a dura prova sin dalle primissime battute le nostre abilità da platformer. E’ da sottolineare, com’è facile intuire, l’ottimo lavoro svolto dai developer a livello di level design, che richiederanno un approccio ragionato sia a livello platform che di combattimento.

Un gioco difficile…per persone pazienti

Se ciò non bastasse, avremo l’opportuna di mettere a dura prova le nostre abilità in livelli bonus, che saranno molto più complicati da risolvere ma il cui completamento ci farà ottenere ricompense speciali. Una volta attraversati gli stage platform, ci ritroveremo improvvisamente in stanze colme di nemici, I quali inizieranno a spawnare in quantità. Ed è qui che comincia la sezione dedicata al combattimento, per la verità mai eccessivamente ostico e sicuramente più semplice della sezione platform. Nonostante il numero notevole di combinazioni e abilità, controllare Juan sarà piuttosto semplice sull’ibrida Nintendo, poichè gran parte delle azioni sarà portata a termine con alcune combo di tasti piuttosto veloci da eseguire. Come già detto, il nostro parco mosse comprenderà attacchi in stile Luchador, che ci offriranno anche la possibilità di muoverci in verticale ed orizzontale, ma anche la possibilità di cambiare dimensione a piacimento. Avremo poi la possibilità di acquistare e potenziare tutte le abilità a disposizione, a patto di avere sufficiente denaro per poterlo fare.

Pur essendo un gioco sicuramente divertente e di qualità, Guacamelee! 2 fa uno sforzo davvero minimo per “muoversi” dalla formula quasi perfetta del suo predecessore, rilasciato circa sette anni fa. A conti fatti, il titolo potrebbe essere considerato come una copiosa espansione del primo capitolo, titolo all’epoca unico nel suo genere, e tradire per certi versi coloro che speravano in qualche variazione della formula senza però cambiare lo spirito intrinseco del gioco. In aggiunta, il gioco è incentrato su di una certa freneticità e dinamismo continuo che, alla lunga, potrebbe stancare quei player non esattamente temprati a giochi del genere. Sarebbe stata un’ottima aggiunta, ad esempio, inserire sezioni più pacata e rilassate al fine di spezzare un po’ il ritmo sempre incalzante del titolo. Segnaliamo che nel titolo sarà possibile optare per un divertente cooperativo a quattro, meccanica che aumenta sicuramente il divertimento.

Occhio, I love you!

Da un punto di vista tecnico, non c’è molto da appuntare: Drinkbox Games ha creato un prodotto praticamente perfetto a livello tecnico, dove non ci sono mai cali di frame ed il gameplay scorre sempre fluido e ininterrotto. L’adattamento Switch è avvenuto in modo indolore, con il titolo che sarà parimenti godibile sia in versione docked, sia in versione portatile.

Il sonoro sarà coerentemente composto da ritmi Latini, vocalità mariachi ed un pizzico di insospettabile musica elettronica, a rendere ancora più fuori di testa il Mexiverse. Una piccola nota dolente è da ricercare nella mancanza di una recitazione vocale, la quale avrebbe aggiunto quel tocco di classe che (forse) serviva.

Concludendo…

In definitiva, Guacamelee! 2 è divertente, fluido e spensierato, offrendo al contempo sezioni di combattimento ispirate e non particolarmente complesse, ad un sistema platform davvero azzeccato e ben congegnato, seppur difficile e complicato da digerire. Se magari l’ambientazione non è propriamente di vostro gusto o, magari, avete di già divorato il primo titolo, avrete di che giocare a patto di sorvolare sulla quasi totale mancanza di aggiunte e nuove caratteristiche rispetto al primo episodio.

CI PIACE
  • Ambientazione originale
  • Ottima mescolanza di generi
  • Difficile e frenetico…
NON CI PIACE
  • …se apprezzate difficoltà e frenesia continui
  • Nessuna novità rispetto al primo capitolo
  • Sembra più una corposa espansione
Conclusioni

Nonostante sembri più una notevole espansione che un capitolo a se’ stante, Guacamelee! 2 è un ottimo rappresentante del genere Metroidvania. I suoi colori latini, la possibilità di customizzazione a livello di moveset del personaggio, unitamente ad una spensieratezza che abbraccia interamente il gioco, lo rendono sicuramente appetibile per gli appassionati del settore.

7.2Cyberludus.com

Articolo precedenteMega Man X – Retro recensione
Prossimo articoloCyberpunk 2077 potrebbe uscire prima del previsto?
Amante dei videogiochi, degli animali e del buon cibo, non rinuncio ai piccoli piaceri ludici e ad una buona compagnia! Anche Online!

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!