A seguito della conferenza stampa di Mario Draghi e del ministro della salute Roberto Speranza, viene indicata come possibile data di apertura dei parchi a tema in Italia il primo di luglio. Insomma, una data molto più “avanzata” rispetto a quella dello scorso anno, che ha visto parchi come Gardaland aprire i primi giorni di giugno.

Una notizia non proprio buona per i parchi italiani – che arriva a pochi giorni dalla riapertura dei parchi in Inghilterra – e che, pochi giorni fa, hanno pubblicato dati davvero sconfortanti in merito alle perdite post chiusure (pare infatti che sia andato perso oltre l’80% dei ricavi del 2019), ma che comunque offre un minimo di speranza per permettere a parchi come Gardaland, Mirabilandia o Magicland di riaprire in vista dell’estate.

E voi, cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!

Articolo precedenteRetrospettiva Pokémon – Leggende Pokémon Arceus
Prossimo articoloDays Gone, il director invita i fans a firmare una petizione per il sequel
Nerd purosangue classe 1992, si avvicina al mondo dei videogiochi grazie al SEGA Master System di sua madre. Destreggiandosi tra Alex Kidd e Sonic the Hedgehog, comincia a farsi una importante cultura videoludica a base di platform e beat ‘em up. Fedele seguace della “master race”, consuma giochi di ruolo dalla mattina alla sera, anche se la sua saga preferita rimane Grand Theft Auto degli inarrivabili Rockstar Games, che fin dal primo capitolo lo ha aiutato a diventare la brutta persona che imparerete a conoscere.

7 Commenti

  1. E’ una vergogna!!, allineare i parchi tematici alle categorie ad alto rischio, quando forse sono i più sicuri con i loro spazi all’aperto; inoltre pensiamo che grazie all’attento lavoro degli addetti non c’e stato nessuna segnalazione di contagio nel 2020.. in questo modo oltre alle perdite del 2020 si aggiungeranno quella del 2021.. e sarà difficile ripartire.

  2. assurdo!! tra l’altro i vari parchi italiani hanno speso soldi e tempo per attrezzarsi al meglio e prevenire assembramenti o situazioni a rischio in fila alle attrazioni…..

  3. Incredibile è una presa in giro, li fanno aprire a metà stagione ma si rendono conto che poi in autunno non va quasi più nessuno e poi richiudono. Loro al governo campano con tre mesi di stipendio? Altro che tre i loro stipendi non se li abbassano però! Come fanno a fare le leggi qui in Italia. Sicuramente non a vantaggio dei cittadini perché oramai la situazione è sotto controllo tanti sono vaccinati eppure continuano a farci fare una vita che non è più una vita degna ormai da troppo tempo . Senza contare la gente che fanno morire di fame perché non gli permettono di lavorare. Roba da matti!!!!!!!!

  4. Mi sembra una decisione più che corretta , sono attività all’ aperto si in cui il rischio contagio forse è basso , ma sono posti in cui ci va gente da varie regioni , oltre che dall’estero..troppo pericoloso in questa fase della pandemia consentire tutta questa libertà di spostamenti..e poi ..in questi posti la gente va per divertirsi..e quando si diverte la gente lascia a casa il cervello , non mettendo le mascherine e non rispettando regole e distanziamenti…spiace , ma è giusto così..

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!