Un po’ di storia

I Rake in Grass sono un piccolo team di sviluppatori con sede a Praga. La loro attività è iniziata nel lontano 2000 con il susseguirsi di diversi giochi, fino ad arrivare al loro grande successo: Jets’n’Guns, uscito nel 2004.
L’alternarsi di azione, violenza e visioni futuristiche a stampo prettamente occidentale, ha permesso al gioco di raggiungere ottimi traguardi che probabilmente nemmeno gli stessi Rake in Grass si sarebbero aspettati: di lì a poco sarebbe infatti uscita una successiva edizione di Jet’n’Guns, la gold Edition.

Memori di quanto è successo quasi 15 anni fa e nostalgici di un mondo fatto di videogiochi con basse pretese ma in grado di dispensare grandi emozioni, gli sviluppatori cechi ci chiedono oggi di imbarcarci con loro in una nuova avventura intergalattica: Jet’n’Guns 2, rilasciato con la metodologia dell’Early access. Cercheremo quindi di capire se vale o meno la pena di attendere la sua versione definitiva.

Jets'n'Guns 2

Si spara!

Per chi non lo sapesse, la saga di Jet’n’Guns rientra all’interno del genere shoot ‘em up, lo stesso di Space Invaders. Il protagonista di questa tipologia di gioco ha un unico grande obiettivo: abbattere quanti più nemici possibili. Nemici che, per inciso, sono sì deboli, ma forse un po’ troppi. Insomma, la precisione non è la caratteristica principale che vi sarà richiesta se deciderete di addentrarvi in queste avventure.

Questo Jet’n’Guns 2, nello specifico, è uno sparatutto a scorrimento orizzontale in 2D. In questo viaggio saremo ovviamente a bordo di un veicolo bellico al di fuori del normale, dotato di cannoni laser e di una stiva piena di mine da sganciare (caoticamente). I nostri nemici saranno tantissimi. Così tanti che non saremo in grado di andarli a definire con precisione. Avranno però un aspetto in comune: saranno tutti al servizio della misteriosa potenza che minaccia la tranquillità del nostro universo.

Potremo intraprendere questa avventura in due modalità: single player per i più coraggiosi o con l’aiuto di un amico fidato (che ami il genere almeno quanto noi!). Consiglierei vivamente la seconda scelta, per esperienza di vita vissuta: addentrarsi in questo immenso spazio minacciato da robot fuori di testa non sarà affatto semplice.

Col susseguirsi dei livelli si nota facilmente come il miglioramento della nostra navicella sia, difatti, indispensabile: i nemici, infatti, col tempo aumentano esponenzialmente, costringendoci a fortificare il mezzo a nostra disposizione. Avanzando, dunque, finiremo col dare alla nostra navicella le sembianze della Morte Nera, pur di riuscire a sopravvivere. I potenziamenti, però, avranno un prezzo tutt’altro che abbordabile. In questo senso, forse, qualche punto di ristoro in più lungo i livelli non avrebbe guastato.

L’universo di questo Jet’n’Guns è un mondo colorato, fatto di livelli numerosi e raramente ripetitivi: non mi è praticamente mai successo di avere un senso di déjà vu. Per quanto questi ambienti siano fortemente diversi tra di loro, però, è un vero peccato non poter apprezzare fino in fondo la modalità campagna: i mondi, infatti, non presentano ancora alcuna descrizione, che sarà inserita successivamente nella versione finale del gioco.
La musica è “forte” e meritevole, ma sporadicamente ho avuto l’impressione che non ci fosse corrispondenza tra la situazione in game e la colonna sonora.

Concludendo…

Jet’n’Guns 2 è attrattivo sia per gli amanti del genere sia per i neofiti. Nel primo caso sarà un vero tuffo nel passato. Nel secondo, una splendida occasione per sfogare le nostre frustrazioni giornaliere uccidendo valanghe di “adorabili” nemici.
Il prezzo di questo Early access è relativamente contenuto e interessante: è una buona occasione per sostenere lo sviluppo del titolo, pur senza riceverne grandi meriti.

Per farla breve: l’accesso anticipato a Jet’n’guns 2 è consigliato, ma solo se siete realmente amanti del genere o fan di questa “saga”. Gli occasionali, invece, saranno probabilmente più soddisfatti dell’acquisto dell’edizione definitiva.

CI PIACE
  • Frenetico e divertente.
  • Gameplay e livelli sufficientemente vari, se teniamo conto dell’Early Access.
  • Sfida stimolante…
NON CI PIACE
  •  … Pur essendo necessaria una “regolata”.
  • Potrebbe non convincere gli occasionali.
SENTENZA

Articolo precedenteHard’ N’ Heavy – Retro recensione
Prossimo articoloMonster Boy and the Cursed Kingdom – Recensione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!