Atlas: il materiale promozionale differisce pesantemente dal gioco vero e proprio…

Uno youtuber ha caricato sul suo canale un’eloquente analisi comparativa che confronta i trailer ufficiali di Atlas, sandbox piratesco di Studio Wildcard, con il gioco vero e proprio.

Dal video possiamo notare quanto la campagna pubblicitaria di Studio Wildcard sia tuttora poco corretta nei confronti degli utenti che, accecati da tanto fumo, hanno acquistato in massa il titolo su Steam.

Il video mostra come il gioco sia tempestato da glitch di varia natura e caratterizzato da animazioni degli NPC e delle creature presenti a dir poco imbarazzanti. Inoltre, nelle ultime ore infiamma la polemica di chi reputa ingiusta (quasi illegale) la commercializzazione di Atlas in quanto in realtà il titolo non è altro che una reskin di ARK Survival Evolved.

I rapporti di Studio Wildcard col pubblico non brillavano già da tempo, lo ttesso Ark e relativa espansione erano stati ferocemente criticati e con Atlas la situazione sembra essere precipitata definitivamente. Il titolo è stato sommerso da recensioni negative sulla pagina Steam ma quello che ci chiediamo  è: era veramente il caso di dare nuovamente fiducia ad una software house che si era dimostrata così incline nel raggirare la sua utenza con una certa costanza? Forse alcuni giocatori se la sono semplicemente cercata visto che Atlas è tra i giochi più acquistati di questo periodo su Steam.

Di seguito trovate il video comparativo tra il vero Atlas e quello pubblicizzato da Studio Wildcard:

 

Articolo precedenteDungeons & Dragons: Shadow over Mystara – Retro recensione
Prossimo articoloOverride: Mech City Brawl – Recensione
Fabrizio Giardina
Alla costante ricerca di se stesso e del suo ruolo nel mondo, perde la sua verginità videoludica con la gloriosa PS1 e da allora è un amore in costante crescita. In quanto appassionato di cinema apprezza particolarmente i videogames in grado di raccontare storie interessanti e coinvolgenti. Attende con impazienza una cruenta apocalisse zombi per mettere in atto tutto ciò che ha imparato grazie a Resident Evil e The Last of Us.

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!