Disponibile un nuovo brutale e assolutamente politicamente scorretto trailer del perverso Agony

Tanti giochi ci hanno portato all’inferno in passato ma la rappresentazione che vedremo in Agony di quel regno infuocato è la più fuori di testa mai vista prima d’ora. Agony metterà davanti al giocatore violenza e riferimenti esplicitamente sessuali senza porsi troppi limiti, la terra degli inferi sarà popolata da demoni con teste a forma di genitali e le scene d’infanticidio saranno all’ordine del giorno, con bambini che vengono lanciati nel vuoto per essere dati in pasto a belve assetate di sangue. D’altronde, anche la “o” di Agony nel logo è stilizzata in modo da sembrare una terribile vagina dentata. Mai prima d’ora un trailer di un gioco ha meritato così fortemente la sua limitazione d’età. Siete avvertiti, il video che segue è caratterizzato da violente uccisioni, nudità e scene a dir poco disturbanti. Dare un’occhiata per credere:

Questo gioco horror in prima persona vi farà attraversare l’Inferno per scoprire i ricordi che vi hanno portato a questo punto, mentre combattete i demoni e li manipolate con poteri di controllo mentale. È pieno zeppo di immagini inquietanti, nonostante il gioco sia stato purtroppo leggermente riveduto e corretto per passare attraverso il processo di valutazione delle console. Lo sviluppatore ha già dichiarato che prevede di rilasciare una patch opzionale per rimuovere la censura sul PC se si desidera un’esperienza completa e orribile.

Vi ricordiamo che Agony sarà disponibile dal 29 maggio 2018 per PC, PS4 e XBox One.

Condividi
Articolo precedenteEcco la prima ora di gioco di Days Gone
Prossimo articoloTacoma – Recensione
Fabrizio Giardina
Alla costante ricerca di se stesso e del suo ruolo nel mondo, perde la sua verginità videoludica con la gloriosa PS1 e da allora è un amore in costante crescita. In quanto appassionato di cinema apprezza particolarmente i videogames in grado di raccontare storie interessanti e coinvolgenti. Attende con impazienza una cruenta apocalisse zombi per mettere in atto tutto ciò che ha imparato grazie a Resident Evil e The Last of Us.