Far Cry 5 rispetto ai precedenti capitoli della serie sarà ambientato nell’America odierna, cosa che ha sollevato qualche critica da parte dei fan.

La scelta di ambientare il gioco a Hope County nel Montana e di utilizzare come nemici una setta religiosa non è andata a genio proprio a tutti, e il creative director Dan Hay ha voluto spiegare il perché di questa decisione.

Questa volta il gioco si svolgerà in America. A Hope County in Montata, un luogo che esiste davvero nella realtà. Portare il franchise in America e riuscire a fare il tutto per bene e in modo convincete è una sfida che può incutere timore. Il nostro obiettivo era portarvi in America, mettervi alla frontiera in una situazione diversa da ciò che le persone avrebbero potuto aspettarsi.“. ha spiegato Hay in un’intervista con HardcoreGamer.

“La verità è che non sapevamo ciò che sarebbe successo in America quando abbiamo iniziato a lavorare a Far Cry 5. Avevamo quest’idea di un personaggio che crede che la fine del mondo stia arrivando e ricordo come quest’idea a preso forma. Stavo camminando per Toronto e vidi questa persona con indosso un cartello che diceva qualcosa come ‘La Fine è Vicina’. Ricordo di aver pensato che forse lui sapeva qualcosa che noi ignoravamo. Ciò che voglio far capire è che non abbiamo sviluppato il gioco con un in mente un obiettivo preciso; vogliamo solo che la gente possa giocare a un titolo su cui divertirsi con personaggi unici e una storia che sia credibile“.“.

Far Cry 5 sarà disponibile a partire dal 27 febbraio per PS4, Xbox One e PC.

Articolo precedenteInner Chains – Recensione
Prossimo articoloInjustice 2: Red Hood è il protagonista di un nuovo trailer

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here