Armored Warfare – Hands on al Gamescom di Colonia

Free to Play everywhere?

Presso il Gamescom di Colonia, Cyberludus ha avuto il piacere di partecipare alle presentazioni dei nuovi titoli che saranno presto rilasciati sul portale My.com. Il primo lavoro, e sicuramente il più interessante, è l’ultimo titolo di Obsidian Entertainment, casa di sviluppo che sicuramente molti di voi ricorderanno per il recente South Park: The Stick of Truth e Fallout: New Vegas. Il titolo in questione è Armored Warfare, sparatutto militare che ci metterà al comando di un manipolo di carri armati, coinvolti in missioni cooperative e competitive. Ecco il nostro primo responso!

Dagli rpg ai carri armati: la lunga strada di Obsidian!

Sicuramente è strano che un team veterano nei giochi di ruolo, si butti a capofitto in una tipologia di gioco mai affrontata prima d’ora. Per certi versi Armored Warfare ricorda il celebre World of Tanks, ma con uno sguardo più approfondito le differenze risultano numerose e sostanziali. Armored Warfare propone un gameplay multiplayer tattico e ci mette nei panni di contractors privati alla guida di moderni veicoli da battaglia. Ogni carro presente all’interno del gioco rappresenta la riproduzione accurata di un veicolo militare realmente esistente.

Il gioco, oltre a proporci la possibilità di personalizzare il nostro veicolo, ci consente di prendere parte a scenari PvE, dove la cooperazione con gli altri player sarà fondamentale. Abbiamo testato, in compagnia di altri due player, una missione cooperativa nella quale l’obiettivo era quello di distruggere le scorte di munizioni della base nemica. Una tra le prime cose che saltano all’occhio, giocando ad Armored Warfare, è il livello di realismo dell’intera produzione, non tanto sul versante tecnico quanto su quello del gameplay. La manovrabilità dei carri varia molto a seconda del modello scelto: i carri più pesanti per esempio, oltre a beneficiare di un armatura capace di assorbire più danni, possiedono un armamentario più distruttivo a scapito di una minore manovrabilità e di tempi di ricarica più lunghi. Oltre alle armi base, nella dimostrazione è stato possibile utilizzare granate fumogene, capaci di confondere i carri nemici e renderli più vulnerabili ai nostri attacchi. Nel corso della missione abbiamo dovuto rincorrere – spesso – a attrezzi da riparazione per sistemare nostro carro, dilaniato dagli attacchi nemici.

Il gioco proporrà un’ampia gamma di modalità PvPche, sfortunatamente, non ci sono state mostrate,assieme al sistema di gestione dei clan. I developers hanno annunciato che verranno rilasciati contenuti aggiuntivi su base periodica, il tutto ovviamente in forma gratuita. Armored Warfare verrà infatti rilasciato come free to play, con una formula che, a detta degli sviluppatori, sarà libera da meccaniche pay to win. A livello grafico, Armored Warfare ci ha convinti. Il titolo sfrutta l’ottimo CryEngine 3 che, oltre a garantire un notevole dettaglio di tutti i veicoli, offre ambientazioni dettagliate e completamente distruttibili. Ottimo anche il comparto sonoro, capace di immergere il giocatore nel campo di battaglia virtuale.

In conclusione?

Armored Warfare sembra essere un titolo dalle grandi potenzialità. Un livello di realismo senza precedenti unito a una vasta gamma di modalità sia cooperative che competitive, rendono il nuovo lavoro di Obsidian uno tra i free to play più interessanti del momento. Rimanete con noi per aggiornamenti!