Tra le notizie più importanti che hanno tenuto banco nel corso del 2022 vi è indubbiamente l’acquisizione, ad opera di Microsoft, di Activision Blizzard. L’offerta, dal valore economico di 68.7 miliardi di dollari (che rappresenta, ad oggi, la più grande acquisizione del settore videoludico) è ancora sottoposta ad una revisione dall’antitrust americana sin dalla fase di annuncio della transazione, seguendo un iter burocratico doveroso e che favorisce la concorrenza all’interno del settore.

Ebbene, stando alle recenti dichiarazioni del presidente di Microsoft, Brad Smith, sembrerebbe che l’acquisizione proceda a gonfie vele e che stia per raggiungere la sua fase intermedia. Si tratta, chiaramente, di un processo alquanto lungo, la cui conclusione non vedrà la luce, con molte probabilità, prima del 2023, anche a causa della portata (non soltanto in termini economici) della trattativa. Sempre secondo Brad Smith, l’acquisizione si starebbe movendo velocemente, vista la sua portata, e la compagnia americana avrebbe avuto una serie di richieste di informazioni da Londra, Bruxelles e Washinghton circa tale transazione economica. Tali affermazioni provengono dalla pubblicazione di un’intervista sul portale belga L’Echo. Qualora dovesse questa giungere positivamente al termine per Microsoft (il che dovrebbe essere fortemente probabile, dato che poche volte abbiamo assistito, nel settore videoludico, al decadimento di una trattativa a seguito dei controlli dell’antritrust), la sopracitata compagnia americana otterrebbe automaticamente i diritti di alcune delle proprietà intellettuali più note ed importanti del mercato.

Come riportato da noi ad inizio dell’anno corrente, che potete direttamente recuperare cliccando qui, la manovra di acquisizione di Activision Blizzard porterebbe al possesso di IP dal calibro di Diablo, Overwatch, Call of Duty, Hearthstone, Crash Bandicoot ed altre ancora.

Fonte

Articolo precedenteThe Last of Us Remake su PS5, arrivano nuovi rumor
Prossimo articoloTrek to Yomi – Un glorioso tributo al cinema giapponese dalla lama spuntata
Nato successivamente all'uscita di Playstation 2 e poco prima dell'approdo di Microsoft nel settore del gaming con la sua primissima Xbox, il suo amore per i videogiochi sboccia con i Pokémon, nella quale vi approda con l'indimenticabile Game Boy Advance SP. Ancora alla ricerca di un genere videoludico ideale, l'interesse per i vecchi classici del cinema gli ha permesso di comprendere l'ineccepibile importanza della narrazione nel videogioco, seppur non gli dispiaccia affatto destreggiarsi con prodotti antitetici dal calibro di Animal Crossing e Monster Hunter, o in alternativa recuperare perle del retrogaming a lui non appartenenti.

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!