Dopo il deludente show di Microsoft è stato il turno della tanto attesa conferenza di Bethesda. Le premesse per un evento elettrizzante c’erano tutte ma, forse, le aspettative della community sono state parzialmente deluse…

Fallout 76 è ancora vivo… 

Dopo una brevissima parentesi dedicata al titolo mobile The Elder Scrolls Blades si comincia a far sul serio. Bethesda annuncia Wastelanders, l’aggiornamento più ambizioso mai rilasciato per il deludente Fallout 76. Il nuovo DLC sarà gratuito e verrà pubblicato questo autunno.

Non è tutto, presto giungerà anche una nuova espansione: Nuclear Winter, battle royale per 52 giocatori che arricchirà ulteriormente l’esperienza di gioco. Questa nuova modalità sarà disponibile in anteprima dal 10 al 17 giugno. Durante questa settimana, sarà possibile provare in maniera totalmente gratuita anche Fallout 76, su tutte le piattaforme su cui il titolo è disponibile.

Il ritorno di Shinji Mikami

Successivamente, a salire sul palco è il grande Shinkji Mikami. Contrariamente a quanto si era vociferato nelle ultime settimane, l’eclettico game designer giapponese non ha presentato l’ipotetico The Evil Within 3 ma una nuova IP: Ghostwire Tokyo, action adventure in sviluppo presso gli studi di Tango Gameworks. Vi lasciamo all’allucinogeno trailer mostrato.

 

L’espansione di Rage 2

Dopo interminabili minuti passati in compagnia dei vari spin-off multiplayer di The Elder Scrolls, si passa a Rage 2. L’adrenalinico fps di ID Software e Avalanche Studios, entro la fine dell’anno, verrà ampliato con una nuova espansione a pagamento: Rise of the Ghosts.

Wolfenstein, tra realtà virtuale e co-op

Il rilancio di Wolfenstein è certamente da annoverare tra le operazioni più riuscite di Bethesda negli ultimi anni. L’IP sembra più in forma che mai e presto tornerà sul mercato con due nuove interessanti iterazioni: Cyberpilot, titolo destinato alle piattaforme di realtà virtuale, e Youngblood. proprio su quest’ultimo è stata posta particolare enfasi durante la conferenza.

Il cruento Wolfenstein: Youngblood, titolo che porrà particolare enfasi sulla cooperativa per due giocatori, è in uscita per PlayStation 4, Xbox One, Switch e PC il 26 luglio.

La nuova IP di Arkane Studios: Deathloop

Attraverso un trailer cinematico, Arkane Stusios ha presentato il suo nuovo progetto: Deathloop. Non si sa ancora molto di questa nuova proprietà intellettuale, non ci resta che lasciarvi al trailer d’annuncio.

Doom Eternal, più in forma che mai

Dopo aver mostrato Orion, la nuova interessante piattaforma di Bethesda dedicata allo streaming dei videogiochi con lancio previsto per il 2020, è stato il momento di Doom Eternal. L’atteso fps dalle tinte demoniache verrà ufficialmente rilasciato su PlayStation 4, Xbox One, Switch e PC il 22 novembre. Oltre ad elencare i vari bonus pre-ordine, contenuti esclusivi ed edizioni limitate sono stati anche mostrati due nuovi trailer dedicati rispettivamente alla storia ed al multigiocatore.

Conclusioni

Quella di Bethesda è stata, senza mezzi termini, una conferenza noiosa caratterizzata da tempi dilatati e pochissimi video gameplay degni di nota. Troppo tempo dedicato ai vari spin off di Elder Scrolls, mentre dell’atteso sesto capitolo tutto tace. I DLC di Fallout 76 non fanno che completare un progetto che, al lancio, era semplicemente vuoto e privo di contenuti. Le nuove IP, seppur molto affascinanti, son sono state mostrate soltanto attraverso trailer cinematografici, lasciando parecchi dubbi sull’effettiva natura del gameplay. Anche Wolfenstein Youngblood pare non essere all’altezza dei suoi predecessori, soprattutto a causa delle forzate meccaniche cooperative. Interessante l’annuncio di Orion, anche se la nuova piattaforma di game streaming rischia di rendere ancora più frammentario un mercato che comincia a vedere troppi protagonisti sula scena. Doom Eternal è il vero protagonista della conferenza, il titolo sembra essere in forma smagliante e la vicina data d’uscita non può che renderci entusiasti. Si poteva fare di meglio e l’assenza di progetti tanto attesi come The Elder Scrolls 6 e Starfield non fa che rendere il tutto ancora più deludente.

La floscia conferenza Bethesda si va a collocare in un E3 2019 che finora ha riservato ben pochi spunti interessanti, se i prossimi show dovessero mantenere questi standard ci ritroveremo certamente ad aver assistito all’ E3 più deludente degli ultimi anni.

Articolo precedenteFinal Fantasy VII Remake: annunciata la data d’uscita ufficiale
Prossimo articoloMinecraft Dungeons: disponibile il primo video gameplay
Alla costante ricerca di se stesso e del suo ruolo nel mondo, perde la sua verginità videoludica con la gloriosa PS1 e da allora è un amore in costante crescita. In quanto appassionato di cinema apprezza particolarmente i videogames in grado di raccontare storie interessanti e coinvolgenti. Attende con impazienza una cruenta apocalisse zombi per mettere in atto tutto ciò che ha imparato grazie a Resident Evil e The Last of Us.

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!