Ghost of Tsushima: qualche dettaglio sull’open word, direttamente da Sucker Punch

Ghost of Tsushima è una delle esclusive su cui Sony punta maggiormente per PlayStation 4. All’E3 2018 il gioco di Sucker Punch è stato mostrato tramite un’affascinante demo e messo sullo stesso livello di titoli del calibro di The Last of Us: Parte IIDeath Stranding e Marvel’s Spider-Man.

Dall’interessante video gameplay che vi linkiamo in calce, si avverte una direzione artistica di eccezionale fattura, sostenuta da un gameplay che sembra avere del potenziale. GamingBolt ha recentemente intervistato Chris Zimmermann, lo studio head di Sucker Punch, che ha parlato delle dimensioni di Tsushima. Dalle parole di Zimmermann, sembra emergere la volontà del team di sviluppo nel creare qualcosa di unico ed inimitabile, puntando maggiormente sulla qualità dell’esperienza di gioco, evitando di proporre un’immensa mappa povera di attività da svolgere.

“Non vogliamo parlare di numeri. Le aspettative sulle dimensioni della mappa esplorabile saranno rispettate”, dice Zimmermann. “È facile creare un gioco troppo grosso. Ma il bello non è la grandezza della mappa in sé o quanto tempo il giocatore impiegherà per percorrerla da un capo all’altro. Vogliamo dare la sensazione di vivere un viaggio epico esplorando Tsushima, puntiamo più sulla qualità dell’esperienza che sulla quantità”.

Ghost of Tsushima è in sviluppo per PS4, non è ancora chiara la finestra di lancio del titolo, anche se il 2019 dovrebbe essere l’anno del debutto di questa nuova ed interessante IP.

Articolo precedenteSmoke And Sacrifice – Recensione
Prossimo articoloPlayStation Plus: i giochi gratis di luglio 2018
Fabrizio Giardina
Alla costante ricerca di se stesso e del suo ruolo nel mondo, perde la sua verginità videoludica con la gloriosa PS1 e da allora è un amore in costante crescita. In quanto appassionato di cinema apprezza particolarmente i videogames in grado di raccontare storie interessanti e coinvolgenti. Attende con impazienza una cruenta apocalisse zombi per mettere in atto tutto ciò che ha imparato grazie a Resident Evil e The Last of Us.

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!