Playstation 5 in arrivo nel 2020, secondo NPD Group

Playstation 5 non uscirà prima del 2020, secondo gli analisti. Vedremo aggiornamenti hardware più frequenti?

Secondo il noto analista Mat Piscatella di NPD Group, Playstation 5 debutterà a fine 2020 ; Piscatella, che si era già espresso a riguardo, ha aggiunto che la prossima generazione sarà caratterizzata da frequenti aggiornamenti hardware distanziati da un paio d’anni l’uno dall’altro.

L’analista, dopo aver esaminato la strategia del prossimo triennio annunciata da Sony, sostiene che un’eventuale PS5 in uscita a fine 2020 permetterebbe al colosso giapponese di pubblicare, almeno per altre tre “stagioni” natalizie, titoli di grande rilievo sull’attuale piattaforma.

Si preannuncia quindi un ciclo vitale tradizionale per Playstation 4, di circa 7 anni, ma in futuro Piscatella prevede che gli aggiornamenti hardware riguardanti il mondo delle home console aumenteranno drasticamente. I cicli vitali delle console del futuro potrebbero avvicinarsi a quelli di altre tecnologie, puntando su aggiornamenti molto più frequenti:

 In futuro mi aspetto che il ritmo di rilascio degli aggiornamenti hardware aumenti sostanzialmente, vedremo cicli di 1-2 anni invece che di 4-7 in modo da stare al passo con ciò che accade per quanto riguarda le altre tecnologie più importanti. Questa situazione porterà notevoli vantaggi.

Non possiamo sapere se queste previsioni troveranno un reale riscontro, tuttavia sembra quasi certo che all’E3 2018 non sentiremo parlare della futura console di Sony e quindi con ogni probabilità sarà necessario attendere almeno l’anno prossimo per avere notizie ufficiali sulla prossima Playstation.

Fonte.

Articolo precedenteDragon’s Crown Pro – Recensione
Prossimo articoloL’ aggiornamento di Rocket League Salty Shores in arrivo il 29 maggio
Fabrizio Giardina
Alla costante ricerca di se stesso e del suo ruolo nel mondo, perde la sua verginità videoludica con la gloriosa PS1 e da allora è un amore in costante crescita. In quanto appassionato di cinema apprezza particolarmente i videogames in grado di raccontare storie interessanti e coinvolgenti. Attende con impazienza una cruenta apocalisse zombi per mettere in atto tutto ciò che ha imparato grazie a Resident Evil e The Last of Us.