Anche se spesso ce ne si dimentica, quella di Destiny 2 è a tutti gli effetti una beta.

Questo significa che non rappresenta la qualità finale del gioco che arriverà nei negozi e nello specifico non rappresenta neanche il bilanciamento del PvP e del PvE, del drop rate e del danno inflitto dalle armi, etc. Anzi come confermato da Bungie stessa la beta altro non è che una build vecchia di mesi ormai.

La componente PvE del gioco è cambiata abbastanza radicalmente dalla versione che vedete nella Beta. Una Beta come la nostra richiede molta pianificazione, e la versione del gioco che avete in mano è ormai vecchia di mesi.“, ha spiegato Rob Elgen di Bungie.

In molti casi i commenti che vediamo ci aiutano a convalidare le scelte che abbiamo già compiuto e testato. Per esempio, anche noi avevamo notato che le munizioni (specialmente quelle distruttive) erano troppo scarse nel PvE. Per questo nel gioco finale vedrete un tasso di ottenimento aumentato. Inoltre abbiamo implementato un sistema per il quale certi nemici garantiscono l’ottenimento di munizioni distruttive. Potete anche aspettarvi cambiamenti nell’efficacia delle granate nel PvE, nella vita dei boss e nei danni inflitti dalle armi contro i mostri dell’Oscurità.

Destiny 2 sarà disponibile dal 6 settembre per PS4 e Xbox One, mentre dal 24 ottobre per PC.

Articolo precedenteUncharted: L’Eredità Perduta è entrato in fase Gold
Prossimo articoloGhost Recon Wildlands: in arrivo una modalità PvP 4vs4

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!