Mighty No. 9 – Hands-on [Gamescom 2015]

Davvero una sorpresa quella regalataci da Nick Yu nella nostra visita al padiglione di Deep Silver. Se solo non fosse per il nome, Mighty No. 9 sarebbe sicuramente considerato un nuovo capitolo della saga di Megaman, per di più anche un capitolo assolutamente degno. Il target del titolo è principalmente quella frangia di pubblico che apprezza ancora oggi lo stile “old school”, nel senso più germinale del termine, ma per accontentare anche chi è alla ricerca di qualcosa di nuovo, il gioco offre un sistema davvero particolare: i nemici, una volta colpiti, cambiano di colore, e il giocatore assorbendone la tonalità cromatica, riesce ad acquisire anche delle specifiche capacità. Il blu ad esempio è deputato al ripristino della salute, il rosso all’aumento della forza, il verde alla velocità, mentre il giallo all’utilizzo di uno scudo d’energia.

Il sistema, nella sua estrema semplicità, funziona alla grande, e durante l’hands-on siamo riusciti anche a divertirci lungo i 3 livelli da noi provati. Gli sviluppatori assicurano la presenza di ben cinque livelli di difficoltà, di cui uno,l’Hyper, è dedicato agli hardcore gamers più estremi vista la presenza del perma-death. Unica perplessità rimane la rigidità dei movimenti del protagonista, a parere di chi parla migliorabile, ma alla fine non inficia eccessivamente sul divertimento e sulla bontà generale del prodotto. Inizialmente annunciato per il 18 settembre di quest’anno, l’uscita di Mighty No. 9 è stata posticipata ad un generico 2016 per tutte le piattaforme, dalla PS4 alla XONE, dal PC al Mac, passando anche per le consoles old-gen e per le portatili di casa Sony e Nintendo. Infine Deep Silver ci ha assicurato che pubblicherà il gioco localizzandolo anche in lingua italiana, una piacevole notizia per i meno anglofoni. Concludendo si tratta dell’ennesima bella sorpresa che continueremo a tenere sott’occhio fino alla data di uscita.