Dopo l’arrivo dei folli, e proprio per questo meravigliosi, Rabbids, l’eroe che ha loro regalato la sua stessa serie per il loro esordio, Rayman, è finito drasticamente nel dimenticatoio. Dopo una prima eccellentissima avventura bidimensionale e due avventure tridimensionali da molte considerate come delle gemme dei platform 3D, Rayman ha iniziato a perdere colpi, con alcuni spin-off di dubbio gusto e con una completa sparizione dopo il grandissimo successo dei suoi comprimari… Ma ora è il momento di cambiare, anzi, di tornare alle origini! Rayman ritorna con un platform bidimensionale bello come quelli di un tempo… E anche questa volta non sarà solo nella sua missione!

Difficoltà e abilità di un tempo, nuovo modo di viverle

“Rayman Origins” propone un ritorno ai giochi della serie di vecchio stampo, con una piena, evidente somiglianza con “Rayman”, il primissimo e coloratissimo episodio. Seguendo una struttura molto simile a quella di “New Super Mario Bros. Wii”, fino a quattro giocatori potranno prendere parte contemporaneamente al completamento delle varie missioni: il primo controllerà Rayman, gli altri tre, invece, controlleranno alcuni suoi amici, tutti in possesso delle stesse abilità. Il giocatore potrà soltanto saltare, all’inizio del gioco, e otterrà mano a mano altre abilità completando dei set da 5 livelli che completano la prima metà del gioco, composta da 25 livelli in totale, tutti piuttosto lunghi, meravigliosi da vedere e incredibilmente divertenti da giocare. Tra le abilità da sbloccare troveremo il classico pugno, caricabile come in passato per essere lanciato a lunghe distanze, la possibilità di planare con i nostri capelli a elicottero, l’opportunità di correre sui muri, di diminuire le nostre dimensioni per oltrepassare alcuni pertugi e di nuotare, per superare indenni gli ostacoli d’acqua. Ogni livello, come in passato, avrà al suo interno un totale di sei gabbie: due si incontrano all’interno del livello, la terza è il punto conclusivo del livello stesso, la quarta e la quinta si otterranno qualora i giocatori abbiano recuperato abbastanza esserini luminescenti lungo il percorso e la sesta è collegata all’attacco a tempo: ovviamente, non tutte le gabbie possono essere recuperate subito, e il giocatore dovrà ripercorrere molti livelli con le sue nuove abilità e raggiungere zone prima inesplorabili, per completare il gioco al 100%. Dopo questi primi 25 livelli lineari ne appariranno altri 25 ad esplorazione libera e di difficoltà maggiore: una volta completati anche questi, il giocatore avrà accesso al primo finale del gioco e solo successivamente potrà sbloccare gli ultimi 10 livelli-scrigno, che lo porteranno verso una difficilissima meta finale con una sequenza conclusiva alternativa, la vera conclusione del gioco. I programmatori sono coscienti che si tratterà di una sfida molto complessa, al giorno d’oggi, per molti giocatori ma sono certi che ogni utente apprezzerà il fatto di aver meritato pienamente, con il dispendio di tanto sudore, l’arrivo a quella ambita meta che è il grandioso boss finale che Rayman e i suoi amici dovranno affrontare. La demo che ci è stata offerta in prova qui alla GamesCom comprendeva due livelli peculiari per l’utilizzo delle nostre abilità: in questo frangente abbiamo potuto assaporare tutto il divertimento del gioco in contemporanea con quattro giocatori; siamo rimasti esterrefatti, inoltre, di fronte alla meravigliosa realizzazione tecnica di questo “Rayman Origins”, che comprende livelli di magnifica fattura per estetica, con piattaforme e sfondi completamente colorati a mano, e per level design.

Conclusione

Questo splendido ” Rayman Origins ” segna magistralmente il ritorno della vecchia mascotte Ubisoft, da troppo tempo dimenticata e quasi soppressa da un suo stesso titolo, curiosamente e tragicamente. Nulla da dire contro i Rabbids, ma si sentiva davvero il bisogno di tornare a un’azione platform di qualità come quella che “Rayman Origins” sembra offrire, insieme a un livello di sfida che, nascosto tra quei meravigliosi acquerelli, rivaleggia con il primo episodio e con tantissimi titoli hardcore di ieri e di oggi. Pronti a far diventare trasparenti le nostre braccia e a lanciare i nostri pugni, fendendo l’aria: Rayman sta per tornare, e ha di nuovo voglia di farci divertire come un tempo!

- Advertisement -
Articolo precedentePrototype 2 – Intervista con Kenneth Rosman
Prossimo articoloGoldeneye 007 Reloaded [Anteprima GC11]
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.