Esattamente 10 giorni fa, Realtime Studios annunciava sul forum ufficiale di All Points Bulletin – promettente MMO uscito solo pochi mesi prima, la chiusura dei server di gioco. Sfortunatamente, malgrado un editor personaggi curatissimo ed un inconfondibile atmosfera alla Grand Theft Auto, il titolo non aveva registrato sufficenti abbonamenti da coprire gli onerosi costi di sviluppo ed il mantenimento dei server online era probabilmente divenuto una fallimentare perdita.

Per rimborsare coloro che hanno acquistato il gioco e sottoscritto l’abbonamento, EA (distributore del titolo) ha ben pensato di offrire un proprio gioco in via del tutto gratuita tramite il servizio di digital delivery offerto da Steam. I videogiochi più appetibili per gli “sfortunati” ex giocatori di APB sono: The Saboteur, Burnout Paradise: The Ultimate Box, Spore, Battlefield: Bad Company 2, Mass Effect 2 e Dragon Age: Origins.

Articolo precedenteFrom Dust
Prossimo articoloCyberludus, visto da fuori
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.