La community dei giocatori è enorme. Secondo quanto riportato dalla Interactive Software Federation of Europe, ben il 25% degli adulti europei gioca online. Da molto tempo i giocatori online sono un obbiettivo dei cyber criminali e il commercio dei dati di log-in rubati è in pieno boom. In occasione della recente GamesCom di Colonia, G Data ha analizzato i differenti tipi di attacchi utilizzati dai criminali contro la community dei giocatori . In questo nuovo whitepaper lo sviluppatore di software per la sicurezza offre una dettagliata panoramica sui vari metodi utilizzati.

Il commercio dei dati di log-in rubati è un business che porta importanti guadagni ai cyber criminali. “Gli account di buoni giocatori sono venduti a più di un centinaio di euro in Germania”, spiega Ralf Benzmüller, Resppnsabile dei G Data Security Labs. “È addirittura possibile raggiungere cifre maggiori per questi account, per esempio in Asia, dove sono spesso venduti per oltre 10.000 dollari. Risulta dunque chiaro perché i cyber criminali siano molto interessati ai giocatori online.”

Phishing nei forum e nelle chat

Uno degli stratagemmi utilizzati dai criminali è quello di spacciarsi per personale di sup-porto dei creatori di un gioco rispondendo in questa veste sui forum e nella chat. I po-tenziali obbiettivi vengono così contattati con un’offerta di aiuto per i loro vari problemi con un determinato videogioco. In modo particolare vengono contattati i neofiti, i co-siddetti “Newbie”. Per poter aiutare questi giocatori il supporto tecnico ha bisogno dei dati di log in così, non appena la vittima accetta, la trappola scatta e l’account cambia di proprietario.

Pericolo su siti infetti

Gli esperti di G Data hanno analizzato più di 66.500 siti di Phising e Malware per un peri-odo di 6 mesi. La domanda che si sono postio è la seguente: quanto è altra la percentuale di questi siti internet che specificatamente sono diretti alla comunità dei giocatori? Il ri-sultato: il 6,5% dei siti sono direttamente associati a giochi e prendono di mira i giocatori online.

I giochi multiplayer di massa (MMORPG) hanno raggiunto facilmente il primo posto, con una percentuale del 35% grazie a giochi come World of Warcraft, Metin 2, Runescape or Tibia.

Il Phishing è la più comune forma di attacco registrata da G Data.

A tale fine i criminali ricreano le originali pagine di log in dei giochi e poi le collocano sui loro server online. Il criminale ha così la possibilità di rubare i dati di log in non appena la potenziale vittima cade nella trappola rappresentata dal suo falso sito Internet.

Il mercato nero

Dagli account per vari servizi di pagamento alle aste online, da documenti con dati per-sonali a carte di credito o chiavi di registrazione per vari programmi e giochi, quasi ogni cosa è disponibile sul mercato nero secondo le ricerche condotte da G Data. I prezzi di-pendono molto dalla quantità dei dati offerti, nonché dalla popolarità e dal livello del gioco.

Come I giocatori possono proteggersi

Per divertirsi senza rischi bisogna seguire alcune semplici regole:

**’

Articolo precedenteMortal Kombat Shadows Trailer?
Prossimo articoloKinect: niente controllo vocale in Europa
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.