“Sport difficile il Biliardo, nel quale la maestria non si può conquistare se non dopo anni di lavoro assiduo, metodico e riflessivo!” Avrà pure ragione Charles Faraux, pluri campione del mondo, ma basta prendere in mano un joypad che tutto si semplifica. Hustle King, titolo di biliardo di prossima uscita su PSN, cerca di rendere a tutti appetibile, atraverso un’alta dose di semplicità e immediatezza, una disciplina in realtà poco praticata e seguita nel nostro paese. Stecca alla mano addentriamoci nell’elegante universo del biliardo, nel quale vige la legge “Tutto il biliardo non è altro che rotazione “.

Un sano allenamento prima di iniziare

Prima ancora di scendere in “campo” e iniziare una classica partita, occorrerà – nel caso lo si desideri – prender parte ad una sessione di allenamento. Questa, in pochi semplici passaggi, aiuterà a familiarizzare con i comandi di gioco. Dalla semplice spaccata verremo, passo dopo passo, condotti attraverso tutti i segreti di questa disciplina. Dopo pochi minuti di azione, saremo in grado di effettuare complicatissime mosse ad effetto o addirittura tiri con salto di biglia. Il tutorial richiederà mezz’ora o poco meno, ma sarà davvero utile per padroneggiare il sistema di controllo e per scegliere il sistema che più ci aggrada. Proprio a tal proposito, dovremo scegliere inizialmente il sistema di tiro che ci è più congeniale, potendo decidere se utilizzare i tasti frontali per colpire la biglia o se propendere per l’uso dello stick analogico destro. Le prove che il tutorial richiederà di compiere serviranno, in sintesi, a renderci pronti per affrontare tutte le altre modalità di gioco. Oltre alla classica esibizione veloce, il semplice menù iniziale ci darà accesso al torneo, alla carriera, alle partite bonus e ai “colpi da maestro”. Se la carriera non dovesse bastare a dare quel senso di progressività che molti utenti richiedono ad ogni produzione, queste ultime due opzioni, cioè i colpi da maestro e le partite bonus, potrebbero servire a tale scopo. Le sfide bonus, permetteranno al giocatore di iniziare una serie di match dove non dovremo solo e soltanto vincere. In queste fasi, infatti, ci verrà richiesto di lottare contro il tempo o imbucare tutte le biglie con un numero di colpi a nostra disposizione ben preciso e limitato. La seconda scelta, invece, richiederà all’utente di compiere determinati tiri raggiungendo obiettivi predeterminati. Sarà ad esempio richiesto di imbucare una biglia senza colpirne altre, oppure di imbucare più biglie contemporaneamente. Ovviamente il livello di sfida sarà tanto più alto quanto più difficile sarà l’obiettivo da raggiungere. Insomma: queste modalità “extra” servono a variare l’azione di gioco e a renderla più originale e fantasiosa, fermo restando che il vero nucleo del titolo è costituito dalle classiche partite supportate da tante modalità diverse. Ogni match, infatti, potrà svolgersi secondo le regole della “PALLA 8”, “PALLA 9”, “PALLA NERA”, o “PALLA 3”. Ognuna di queste tipologie di gioco avrà delle norme ben precise da seguire.

Hustle King

Spaccata iniziale

Il gameplay di Hustle King rispecchia perfettamente quello che ci si può aspettare da un classico gioco di biliardo. La fisica delle biglie è molto realistica, i comandi di azione semplici sono allo stesso tempo completi e permettono un controllo a 360° del tiro che andemo ad effettuare. Si può scegliere la telecamera virtuale da utilizzare per calibrare nel migliore dei modi un tiro, l’angolo di impatto con la biglia bianca, si può regolare la potenza di ogni mossa, inclinare la stecca o addirittura è possibile utilizzare il gessetto (scuotendo il pad) per conferire maggiore precisione al tiro. La precisione è dettata da un mini gioco che appare a schermo in basso sulla sinistra: un cerchio inizierà a comparire sulla biglia bianca e toccherà a noi colpirla con il giusto tempismo. Questa procedura non influisce tantissimo sul tiro finale, ma magari qualche colpo che necessita di massima precisione potrà riuscire o meno a seconda della precisione ottenuta. Vincere le partite non è solo una questione di onore e rispetto: vincendo match e tornei accumuleremo anche il denaro spendibile nell’apposito shop. Le nostre compere varieranno dal classico set di nuove stecche ai gessetti più pregiati. Tra gli elementi acquistabili, anche nuovi avatar, a dire il vero parecchio inutili ai fini del gioco. Purtroppo assente la funzionalità di vibrazione che avrebbe sicuramente restituito sensazioni più reali. E’ anche vero che non tutti gli sport possono essere emulati virtualmente. Il biliardo, a modesto parare di chi scrive, è forse uno di questi. Un semplice pad non potrà mai regalare le emozioni che si provano in una vera competizione. Forse l’ausilio del mouse sui giochi per PC aiutano in tal senso. Ma questo, purtroppo, è un difetto che nemmeno la miglior simulazione di biliardo su console potrà colmare. In futuro, l’utilizzo dei motion controller potranno superare questo insormontabile ostacolo.

Hustle King

Video & Audio

Le texture del tavolo da biliardo sono davvero di pregevole fattura, così come anche i riflessi di luce sulle biglie. Quando si cambia inquadratura o si effettuano le zoomate per conferire maggiore precisione al tiro, si può ammirare una grafica pulita e limpida senza sbavature. Il reparto audio è perfettamente in sintonia con il titolo, le musiche sono orecchiabili, rilassanti e riescono a conferire serenità per tutta la partita. É possibile anche selezionare una tracklist personalizzata così da decidere quale sottofondo ascoltare durante il match. Si passa dal jazz all’hip hop, dalla musica techno a quella lounge o funk. Nonostante i generi siano eterogenei, la soundtrack appare troppo ripetitiva.

Multiplayer non pervenuto

Al momento in cui scriviamo questa recensione, il gioco non è ancora disponibile al pubblico, ragion per cui non abbiamo potuto provare il reparto online. Spulciando comunque le opzioni multiplayer abbiamo potuto constatare la presenza di partite rapide e di stanze di chat che in futuro verranno popolate dagli utenti di tutto il mondo. Sarà anche possibile dare uno sguardo a varie statistiche e confrontare i propri punteggi con quelli degli amici. Rimandiamo alla data di pubblicazione del titolo una prova più approfondita di questo reparto.

Conclusioni

Hustle King è “semplicemente” un buon gioco di biliardo. Ha tutto quello che è possibile richiedere a questo genere; manca ovviamente quel feeling che solo una stecca reale può garantire. Un prodotto completo e piacevole che garantirà un alto grado di divertimento anche grazie alla modalità online che speriamo di poter testare presto. Hustle King è destinato soprattutto ad un pubblico che ama il genere, non tanto per difetti o lacune, ma perchè il biliardo per sua natura non è una disciplina amata da tutti. È proprio vero: “il biliardo è, sfortunatamente, come una graziosa donna che non occorre vedere spesso se la si vuole trovare ai propri occhi ancora bella”.

Emiliano “OrsoRaro”Contarino

CI PIACE
  • Completo
  • Tante opzioni di gioco
  • Fisica realistica
NON CI PIACE
  • Il biliardo non piace a tutti
  • Il pad non può emula una stecca
8Cyberludus.com
Articolo precedentePiù terrore in Bioshock 2
Prossimo articoloSony si unisce a Sega per migliorare Bayonetta
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.