In the NVIDIA Studio” è una nuova serie settimanale nata per celebrare gli artisti, il loro lavoro e i modi in cui l’accelerazione RTX e l’ecosistema NVIDIA Studio stanno contribuendo allo sviluppo di una nuova e innovativa creatività. Si tratta anche dell’occasione perfetta grazie alla quale i creativi possono tenersi sempre aggiornati sulle notizie legate ai principali aggiornamenti delle app, sul nuovo hardware e sui driver NVIDIA Studio – incluso il driver NVIDIA Studio di aprile, in uscita domani.

L’ultimo Driver Studio aggiunge il supporto per i recenti aggiornamenti delle app creative, in particolare Unreal Engine 5. Le GPU RTX offrono agli sviluppatori UE tantissimi vantaggi:

  • Ray-tracing hardware e software per Lumen, il nuovo sistema di illuminazione globale completamente dinamico di UE5
  • Un connettore NVIDIA Omniverse aggiornato che include la possibilità di esportare la geometria di origine delle mesh Nanite
  • Ray tracing accelerato da RTX e DLSS nella finestra di UE5 per una grafica in tempo reale
  • Grafica splendidamente in ray tracing e frame rate più elevati nel prodotto finito grazie a queste stesse tecnologie
  • Denoisers in tempo reale di NVIDIA con prestazioni in tempo reale

Il driver supporta anche i recenti aggiornamenti di Maxon Cinema 4D (compresa l’adozione di OpenColorIO), Chaos Vantage, Omniverse e altri.

L’ultima workstation mobile di Lenovo, il ThinkPad P1, si unisce alla linea di laptop Studio e può essere configurata con entrambe le GPU GeForce RTX e NVIDIA RTX – fino alla nuova GPU RTX A5500 Laptop. I laptop Studio ora disponibili per l’acquisto includono il recentemente annunciato Asus ProArt Studiobook 16, l’MSI Creator Pro Z16 e lo Z17.

Infine, l’artista protagonista della serie In the NVIDIA Studio di questa settimana ci porta sulla strada dei ricordi. Pieno di nostalgia, Andrew Averkin, lead environment artist 3D di NVIDIA con sede in Ucraina, ha condiviso il suo lavoro “When We Were Kids”. Ha sfruttato la sua GPU RTX e Omniverse, insieme al denoiser UE5 accelerato da RTX per ridurre il tempo di rendering a pochi secondi.

Averkin ha modellato When We Were Kids in Autodesk 3ds Max dove la viewport accelerata dalle GPU RTX e il denoising AI accelerato da RTX permettono un’interattività fluida nonostante le enormi dimensioni del file.

Articolo precedenteSimbolotto di oggi martedì 26 aprile 2022
Prossimo articoloAnnunciato l’Xbox & Bethesda Games Showcase
Amo la buona musica, i videogiochi con un solido impianto narrativo, i manga e sono certa di essere una bravissima cuoca!

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!