L’universo di Warhammer ha, negli anni, “mietuto” proseliti e creato un immaginario spaventosamente ricco di ramificazioni ed espressioni ludiche. La sua commistione di magia e tecnologia, unitamente alla complessiva brutalità che da sempre caratterizza sia il board game (uno dei più iconici e seguiti al mondo) che l’universo parallelo videoludico, hanno reso il brand uno dei simboli assoluti dei due universi succitati. In questo senso, Warhammer Underworlds è uno dei giochi da tavolo legati ad uno dei filoni che ha riscosso maggior successo, in tutti gli ambiti. Uscito nella seconda metà del 2017, il “sotto-universo” è in continua evoluzione, riuscendo a catturare non solo l’attenzione generale in modo fisso e continuo, ma anche e soprattutto a creare una scena attivissima a livello internazionale.

“Look at my army!”

Warhammer Underworlds Online è una traslazione videoludica del canonico gioco da tavolo, quindi poggiata sui classici stilemi dell’universo dei board game, con tanto di miniature ma anche carte da accumulare ed utilizzare ecc. Steel Sky Productions, sviluppatore della trasposizione ludica di Warhammer Underworlds, e compagine alla primissima esperienza da devolper, ha scelto un prodotto “difficile” da gestire, proprio per l’idea sita alla base (ovvero “animare” un gioco da tavolo, sempre operazione ardita e complicata) e per la velocità con cui l’universo di gioco prescelto muta fino a rivoluzionarsi completamente. Senza contare che, in sostanza, il titolo sarà grandemente incentrato sulle sfide online tra giocatori, in piena sintonia con quanto effettivamente accade alla controparte “fisica”. Il titolo è attualmente in Early Access, quindi ci sarà tempo e modo per verificare, nel tempo, il raggiungimento o meno del difficile obbiettivo.

In Warhammer Underworlds Online ogni giocatore avrà l’opportunità di scegliere un’ensemble guerresca di base, con tanto di miniature piuttosto fedeli all’originale, al fine di poterla adoperare in campo con vari tipi di azioni quali movimento, guardia, carica e attacchi di diverso genere. Oltre alla mera gestione in campo dei nostri “soldati”, ogni player dovrà ovviamente fare i conti con un apposito mazzo di carte, suddivise fra carte specifiche per quella determinata “fazione” oppure generiche e che posson esser utilizzate da tutti, le quali andranno ad incidere direttamente sulle succitate azioni che potremo compiere, come ad esempio “gonfiare” i numeri dei nostri controllati per quanto concerne l’ambito più strettamente guerresco, oppure consentirci di ottenere un punteggio superiore ad ogni round.

Per quanto concerne la gestione delle carte, guardando in modo particolare quelle universali, Steel Sky ha già specificato che saranno aggiunte periodicamente nuove card generiche, in forma totalmente gratuita. Inoltre, parlando di contenuti attuali e post-pubblicazione, il titolo ha a disposizione ben pochi “eserciti” iniziali (bande, nel gergo di settore), ovvero i Campioni di Steelheart, i Diavoli di Magore, i Ragazzi di Ironskull e le Guardie dei Sepolcri ma tante altri, saranno aggiunte nel corso del supporto del gioco, sottoforma di completi DLC acquistabili. Quest’ultimo dato è importante, soprattutto per chi mastica questo mondo: il titolo di Steel Sky corrisponde pressapoco, da un punto di vista meramente contenutistico, alla versione iniziale della controparte da tavolo, che nel frattempo ha ricevuto diverse espansioni e bande extra. In aggiunta, il titolo seguirà strettamente le regole della succitata controparte fisica, riguardo anche l’utilizzo di carte, le caratteristiche specifiche delle bande ecc.

Una ragionata distruzione

All’inizio del gioco, affronteremo due tipi di tutorial differenti: uno ci indicherà come governare le miniature in campo, mentre l’altro ci spiegherà nel dettaglio l’utilizzo delle carte insieme agli obiettivi. Nonostante una complessa profondità si muova “non vista” o quasi nel backstage del gioco, i due tour introduttivi sulle meccaniche riescono ad introdurre egregiamente il complicato meccanismo complessivo del gioco, riuscendo a far “sentire” a casa anche completi neofiti. Oltre ai tutorial, avremo anche la possibilità, offerta da una specifica modalità del gioco, di sfidare degli utenti governati dall’intelligenza artificiale che, in linea di massima, poggerà su di una I.A. che, regolata da una complessiva difficoltà variabile e che può esser decisa aprioristicamente, costituirà una sfida intricata e ci consentirà di adeguarci alla nostra velocità alla complessità del gioco. Il cuore del gioco sarà ovviamente costituito dalle sfide con gli altri giocatori e, in questo senso, Warhammer Underworlds Online propone, come detto, un connubio stimolante e divertente tra un classico gioco di carte, con annessa la febbrile ricerca e costituzione di un mazzo, ai classici crismi del gioco da tavolo dell’universo di Warhammer.

Scelto infatti l’esercito preferito, passeremo alla creazione vera e propria del mazzo, suddiviso in carte Obiettivi, carte Tranelli e Potenziamenti. Le prime ci indicheranno sul da farsi per ottenere punti Gloria, currency in-game che non solo stabilirà il vincitore di ogni round ma, al contempo,ci consentirà anche di acquisire nuovi power up per i nostri “soldati”. Le carte Potenziamento, com’è facile intuire, saranno effettivamente armamentario da donare alle nostre miniature per aumentarne le caratteristiche passive. Le carte Tranelli, invece, ci consentiranno azioni “extra”, come un novello lancio di dadi o la possibilità di movimento aggiuntivo per le nostre unità che potranno essere utilizzate solo quattro volte per ogni round (una partita completa è costituita da tre round complessivi). Ma, come ogni gioco da tavolo che si rispetti, il vero centro ludico sarà ovviamente la fortuna: gli scontri tra unità saranno decisi da un lancio di dadi, condizionato da diversi fattori concatenati che andrano ponderati: quali lanciare? Quanti lanciarne? Queste domande, alla base della strategia complessiva che si deciderà di adottare, saranno anche legati a doppio filo al tipo di banda/unità che abbiamo prescelto.

Analizziamo il comparto tecnico!

Da un punto di vista più squisitamente tecnico, Warhammer Underworlds Online sarà una gioia per gli occhi, soprattutto per chi è fan della serie. Ogni unità avrà animazioni specifiche e ben caratterizzate, ovviamente in linea con la tradizione del board game, per ogni tipo di azione o stato che lo contraddistinguerà. Senza contare l’ottimo dettaglio complessivo per quanto concerne le singole unità e gli ambienti di gioco, tutti tendenzialmente cupi e in linea con l’immaginario che il brand ha da decadi ben fissato nelle menti dei tantissimi giocatori che affollano tornei e competizioni internazionali.

Unici nei, di una produzione di buon livello seppur “acerba”, è l’interfaccia complessiva, spesso manchevole di dettagli oppure poco leggibile, la quale cosa è un pesante minus in un titolo ruolistico/da tavolo, e il comparto sonoro, un po’ troppo dozzinale e poco elaborato. Per quanto riguarda le complessive performance tecniche, nulla da eccepire: nonostante ovviamente il titolo non presenti chissà quale complicato comparto, l’opera di Steel Sky Production si presenta performante e priva di evidenti errori di programmazione in grado di inficiarne l’esperienza.

Concludendo…

Warhammer Underworlds Online, nonostante sia da pochi giorni in Early Access, può già considerarsi un punto di riferimento del settore, specialmente se si è fan del sotto-brand correlato all’universo di Warhammer. Una produzione profonda e tecnicamente perfetta, limitata solo dai contenuti non al passo con la controparte da tavolo e da una interfaccia utente in alcuni punti carente.

CI PIACE
  • Gioco da tavolo misto ad un gioco di carte
  • Profondo e potenzialmente infinito
  • Esteticamente ben realizzato
NON CI PIACE
  • Pochi contenuti rispetto al gioco da tavolo
  • Interfaccia utente migliorabile
  • Suoni un po’ dozzinali
Conclusioni

Warhammer Underworlds Online è una produzione profonda e tecnicamente perfetta, limitata solo dai contenuti non al passo con la controparte da tavolo e da una interfaccia utente in alcuni punti carente: per essere un titolo in Accesso Anticipato, guardando in prospettiva, il titolo Steel Sky Production potrebbe presto divenire un punto di riferimento per i giochi da tavolo “virtuali”.

8.5Cyberludus.com

Articolo precedenteResident Evil 2, questo cosplay di Ada Wong è impressionante
Prossimo articoloWarcraft III: Reforged – Recensione
Amante dei videogiochi, degli animali e del buon cibo, non rinuncio ai piccoli piaceri ludici e ad una buona compagnia! Anche Online!

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!