PUBG, arrestati dieci studenti colpevoli di aver giocato il noto battle royale

Fortnite ed Apex Legends sono certamente dei veri e propri casi mediatici ma PUBG continua ad essere uno dei battle royale più diffusi fra gli utenti. Nonostante la meritata popolarità, però, il battle royale sviluppato da Bluehole è illegale in alcune zone del mondo.

Da appena una settimana, nella regione indiana Gujarat è illegale giocare a PUBG e sapete perchè? A causa di un’iniziativa del governo locale che ha deciso di accettare le pressanti richieste di associazioni di genitori ed educatori determinati a bandire il gioco perché proporrebbe un’esperienza eccessivamente violenta e in capace di generare dipendenza.

Dieci studenti, forse non informati in merito alle recenti vicende legali, sono stati arrestati perché beccati dalle forze dell’ordine a giocare con PlayerUnknown’s Battlegrounds.

Bluehole ha espresso la volontà di collaborare con le autorità e le associazioni indiane per cercare di sistemare questa fastidiosa situazione. Intanto, i dieci piccoli indiani dovranno passare qualche giorno al fresco, sperando non si mettano ad improvvisare pericolose battle royale all’interno dei confini carcerari!

Fonte.

Articolo precedenteDawn of Man – Recensione
Prossimo articoloAnodyne – Recensione della versione Switch
Fabrizio Giardina
Alla costante ricerca di se stesso e del suo ruolo nel mondo, perde la sua verginità videoludica con la gloriosa PS1 e da allora è un amore in costante crescita. In quanto appassionato di cinema apprezza particolarmente i videogames in grado di raccontare storie interessanti e coinvolgenti. Attende con impazienza una cruenta apocalisse zombi per mettere in atto tutto ciò che ha imparato grazie a Resident Evil e The Last of Us.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here