The Sims: le innovazioni che vorremmo – Speciale

Le novità che vorremmo vedere in The Sims

Sono passati circa due anni dall’uscita dell’ultimo capitolo della straordinaria serie di The Sims ed il successo del franchise sembra non rallentare. Lo scorso mese, infatti, The Sims 4 si è ritrovato nuovamente nella vetta delle vendite italiane su PC ed essendo noi grandi fan del franchising, non possiamo che esserne contenti.
Tuttavia non possiamo ancora dichiararci liberi da quei dubbi iniziali che The Sims 4 ci ha instillato nel pensatoio. Dai tempi della nostra recensione il gioco si è arricchito di due espansioni, tre game pack e un numero esageratamente alto di stuff pack, oltre a tanti aggiornamenti e patch che hanno introdotto nuovi oggetti e funzioni innovative, come lo straordinario abbattimento dei generi sessuali dei Sim.

Ma molto ancora deve essere fatto e le novità che speravamo di trovare in The Sims 4 non sono ancora arrivate.


 

the sims

 

Sim più umani

Quello che sconvolse le menti – facilmente impressionabili – dei videogiocatori del primo The Sims,  nell’ormai lontano 2000, fu la possibilità di “giocare con la vita”. Il concetto stesso di “simulatore di vita”, che andasse oltre il Tamagotchi, era rivoluzionario, e i sim incarnano questo concetto alla perfezione: piccoli ominidi dentro un videogioco che ricalcano fedelmente le gioie e i dolori della vita, con un pizzico di follia e sovrannaturale che non guastano mai.
Questo concept si sta un po’ allontanando dalla serie e non tanto per il fatto che con The Sims 4 tutti i sim vengono fuori dal ventre materno con uno smartphone (…machecazz’), o perché appaiono e scompaiono ad ogni uscita di casa (segnando il ritorno dei tanto odiati “rabbit hole“), ma per la perdita di quei piccoli – e a volte irritanti – dettagli che caratterizzavano il primo The Sims, come il dover rifare i letti o il bucato, pulire costantemente i sanitari o andare a fare la spesa. Purtroppo sembra che i sim stiano lentamente perdendo la loro “umanità”.

Esattamente l’opposto di quello che avremmo voluto vedere in questo nuovo capitolo. Avremmo voluto dei sim più naturali, più reali: ci siamo immaginati per anni i sim andare fuori casa a fare compere, o andare a tagliare barba e capelli che crescono nel tempo sempre più lunghi e arruffati. Oppure sim che si ammalano, che per sfortunati incidenti possono infortunarsi ed entrare in un periodo di degenza lontano dal lavoro. Paradossalmente alcuni di questi dettagli, già presenti in forme più o meno dettagliate nei precedenti capitoli, sono scomparsi del tutto con The Sims 4.


 

the sims

 

Uno spettro emotivo sensato

La caratteristica principale del nuovo The Sims, che ha fatto tribolare per anni gli appassionati della serie, è l’introduzione delle emozioni. Sim annoiati, felici, arrabbiati e ispirati si sono fatti largo tra la piattezza emotiva dei loro predecessori. Quello che però non sapevamo è che il loro umore cambia con un schiocco di dita: una chiacchierata con gli amici, 5 minuti di televisione o la presenza di un oggetto sgradito può far cambiare totalmente l’umore al nostro sim. Poco importa se suo padre è appena morto davanti ai suoi occhi, un caffè eliminerà la tristezza!
Avremmo voluto delle emozioni molto più forti e durature, in grado di far eseguire al sim azioni che vanno oltre il nostro controllo, dettate dalla tristezza o dalla rabbia.
La tristezza per un lutto avrebbe dovuto far cadere i sim in una profonda depressione, mentre la gioia per il matrimonio si sarebbe dovuta protrarre per giorni e giorni, ma immagino che al momento dovremmo accontentarci di fare la pipì come dei campioni una volta diventati “energetici”…


 

the sims

 

Una sistema di personalizzazione migliorato

Un altro elemento che ci ha lasciati di stucco è stato il grande passo indietro sulla personalizzazione dei nostri sim. Per quanto il recente abbattimento dei generi sessuali ci abbia piacevolmente sorpreso, non possiamo ignorare l’assenza della personalizzazione dei temi che era presente in The Sims 3.
Anche nel “crea un Sim” manca quella componente “umana” che avremmo voluto in questo nuovo capitolo. Nonostante la grande innovazione nel modificare i volti “modellandoli” con il mouse, manca la possibilità di scegliere quei difetti e quelle irregolarità che avrebbero reso i sim un po’ più veri, ma sopratutto avremmo tanto voluto poter regolare l’altezza, elemento che non è mai stato preso in considerazione in vent’anni di The Sims.


 

the sims

 

Non sappiamo se i nostri desideri saranno esauditi ma sappiamo che The Sims ha grandissime potenzialità e possiamo solo sperare che EA sappia sfruttarle tutte e al meglio in futuro. Piccoli accorgimenti e grandi cambiamenti potrebbero far ritornare The Sims la serie rivoluzionaria che abbiamo imparato a conoscere e ad amare.

E voi, che novità vorreste vedere nel nuovo capitolo di The Sims?

Articolo precedenteResident Evil 7: un nuovo trailer e update in arrivo per la demo
Prossimo articoloThe Eyes of Ara – Recensione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here