E l’undicesimo giorno (del mese) resuscitò anche il Nerd Herd. Passata è anche la Pasqua, che tutte le feste porta via per un bel po’, e si porta via anche la stagione calda dei videogames, quella che inizia a settembre e finisce con Marzo, per intenderci. Ma noi non desistiamo, noi continuiamo a rimanere vigili per riportarvi tutto ciò che di interessante popola il mese videoludico. Imo!

Defiance

(2 Aprile ? PS3, X360, PC)

Dove avete già sentito questo nome? Trattasi di una serie tv che sta iniziando la sua trasmissione qui in Italia su Sky proprio in questi giorni, e il gioco in questione altro non è che un particolare ibrido tra TPS e MMO che espande sul mondo videoludico l’universo narrativo di Defiance. Manco a farlo apposta, la Terra è stata l’oggetto del desiderio della razza aliena dei Votan e, proprio quando le trattative con loro sembravano andate in porto, un genialoide ha ben pensato di assassinarne l’ambasciatore e dar vita così ad un sanguinoso conflitto tra Terrestri e alieni. Ma il vero problema è che durante questi conflitti una nave aliena è precipitata sulla Terra, con conseguente strage, dispersione di una particolarissima tecnologia e quindi cataclisma climatico e biologico inevitabile. L’umanità si è rifugiata principalmente in due luoghi: Saint Louis, Missouri, dove si svolge la serie TV, e la Baia di San Francisco, dove è principalmente localizzato il gioco. Trion Worlds, già sviluppatori del buon MMO Rift, ci regalano quindi questo esperimento, vicino a Borderlands 2 come concept, ma parte di un universo narrativo espanso. Per ora si assesta su livelli buoni ma non eccelsi, chiaro che trattandosi di un MMO nel cuore il meglio deve ancora venire, si spera?

Consigliato a: chi è incuriosito dalla serie, chi ama i "generi intermedi"

Sconsigliato a: chi odia gli alieni, chi è rimasto scottato da MMO floppanti recenti (qualsiasi riferimento a SWTOR è puramente casuale?)

Lords of football

(5 Aprile ? PC)

Se vi interessa il calcio in versione Francesco Coco, più che Lionel Messi, e intendiamo quindi con una forte componente mondana, allora apprezzerete sicuramente questo lavoro 100% tricolore. Gli italianissimi savonesi (pronuncia "s-vö-né-si") di Geniaware, con la partecipazione straordinaria nientemeno che di Gianluca Vialli nelle vesti di consulente, hanno dato vita a questo titolo calciofilo manageriale, molto più vicino a un The Sims col pallone che a un Football Manager fuori dal campo. Il risultato è quantomento particolare, e getta una luce nuova, e volendo più veritiera, sul chiacchieratissimo mondo del pallone. Saremo chiamati a gestire gli allenamenti, le prestazioni sul campo, ma anche i rapporti coi media e i capricci di quelle dive imbizzarrite che sono i calciatori. Un’esclusiva particolare, che incuriosisce sicuramente.

Consigliato a: il piccolo Mino Raiola che c’è in ognuno di noi, seduto di fianco al nostro Pep Guardiola interiore

Sconsigliato a: gli integralisti di Football Manager

Injustice: Gods Among Us

(19 Aprile ? X360, PS3, WiiU)

La Royal Rumble dell’Universo DC. Warner Bros, con l’aiuto di Netherrealm, prende Batman, Flash, Superman e compagnia cantante, e li butta nella mischia a darsele di santa ragione, come solo i creatori di Mortal Kombat sanno fare. Il risultato è un picchiaduro che ricorda da vicinissimo l’ultimo episodio della saga di Sub-Zero e soci, ma con un gusto particolare che solo gli eroi dei fumetti san dare. Che voi vi sentiate buoni e prendiate Lanterna Verde o che vi sentiate carogna inside e optaste per Lex Luthor, detto Mastro Lindo per gli amici, vi troverete a menar le mani in un beat ?em up che non conosce il significato profondo della parola tecnicismo ma non per questo risulta meno divertente.

Consigliato a: chi non è mai uscito dalla fase Batman / Superman, quei 4 nel mondo che sono fans di Solomon Grundy

Sconsigliato a: chi cerca in un picchiaduro una partita a scacchi modello Virtua Fighter 4.

Dead Island: Riptide

(26 Aprile ? X360, PS3, PC)

Quando Romero incontra J.J.Abrams. Dopo l’ottimo successo che fu Dead Island, i polacchi di Techland, sotto la bandiera di Deep Silver, ci riportano su un’altra isola da sogno trasformata in un incubo con sole, palme e orde zombie. Dead Island: Riptide porta i protagonisti del primo, con un nuovo amico in più, su Palanai, isola vicina di casa della Banoi del capostipite, e ripropone tutto ciò che abbiamo amato del primo? E apparentemente solo quello. L’innovazione non sembra esattamente il punto forte del nuovo titolo dei Techland, ma vista l’ottima base di partenza, questo potrebbe assolutamente non essere un male. Affilate i machete e preparatevi alla carneficina, l’epidemia si espande nuovamente!

Consigliato a: chi si sarebbe comprato quell’agghiacciante busto "gore" come offerta preorder, chi proprio non sa stare senza gambizzare zombie.

Sconsigliato a: gli stomachini deboli, chi passerà il ponte del 25 aprile in Nuova Guinea.

E con l’olocausto zombie di Dead Island siamo giunti alla fine di questo appuntamento, questa volta in versione “mese intero” di Nerd Herd! Ci rivediamo a maggio, sperando che la primavera non si faccia attendere oltre!

Bazinga!

Articolo precedenteSpunta Maverick Hunter, un Mega Man FPS che non esisterà mai
Prossimo articoloNokia Lumia 920 – Recensione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.