Giana Sisters: Twisted Dreams

La storia inizia con le due sorelle, Giana e Maria, intente a passare oziosamente il tempo nella loro cameretta disordinata; quando, all’improvviso, compare un diamante azzurro: le due sorelle decidono di non seguire la vecchia massima del mondo dei videogiochi “non toccare cose che vengono da altre dimensioni”, iniziano a giocarci incuriosite, finché questo non si trasforma in un vortice azzurro che risucchia Maria in un altra dimensione. Giana, invece di approfittare dell’occasione per appropriarsi dei vestiti, delle scarpe e degli smaltini di Maria come qualunque sorella sana di mente avrebbe fatto, decide di fare l’eroina e si getta nel vortice…

…per finire in un mondo fantastico, cupo e orrorifico: cadaveri, tombe, funghi velenosi, demoni cornuti, alberi che ti vogliono ghermire nel fiore degli anni, e via dicendo. Non c’è ovviamente traccia di Maria, che sarà sicuramente e comodamente finita alla fine di tutti i livelli previsti, direttamente nella tana del boss finale. A Giana non resta che incamminarsi di buona lena attraverso crepacci, spuntoni acuminati, castelli e fantasmi di questo platform 2D, sperando un giorno di tornare a casa. Giana scopre molto presto che l’apparenza del mondo in cui si trova dipende dal suo stato d’animo: con un po’ di volontà potrebbe sforzarsi a vedere cose positive laddove non sembrano esserci. Magari che, se è davvero convinta, può vedere che quell’albero che cerca di allungare i suoi rami verso di lei in realtà le sta sorridendo, che quelle tombe sono in realtà panchine di un parco fiorito, che quei demoni cornuti sono simpatici gufetti piumati. Mentre per noi comuni mortali, per poterlo fare, serve essere bipolari o assumere una miscelanza di droghe più o meno legali, per Giana è semplice come battere le ciglia. Zac, sei una povera bambina persa in un bosco da incubo. Zac, sei una punk sicura di sé che prende a calci i gufetti del parco rionale. Giana dovrà, suo malgrado, passare da uno stato mentale all’altro – Incubo, ovvero povera bambina nel bosco, e Sogno, ovvero punk sicura di sé – per poter completare i livelli. Per completare i livelli non basta arrivare alla fine, perché la porta per il livello successivo si apre solo se abbiamo raccolto un certo numero di diamanti; questi sono di tre tipi: azzurri che possono essere raccolti sempre, gialli che possono essere raccolti solo in fase Incubo e rossi che possono essere raccolti solo in fase Sogno.

La storia

Giana Sisters uscì per la prima volta nel 1987 per Amiga, Amstrad CPC, Atari ST, MSX2, e Commodore 64; il gioco si ispirava fortemente a Super Mario Bros, basti pensare ai nomi “italieggianti” delle due sorelle – Giana e Maria – e al fatto che i primi livelli erano pressoché identici al gioco della Nintendo. In qualche modo tentò di innovare il genere platform, con l’aggiunta di molti powerup – oltre alla “Fire Wheel” che regalava i capelli punk, c’era anche lo sparo con rimbalzo, lo sparo a ricerca automatica e la possibilità di fermare il tempo per qualche secondo – ma questo non servì a non attirare le ire della Nintendo. Dopo un paio di letterine minacciose gli autori ritirarono il titolo dal mercato, anche se continuò a diffondersi grazie alla pirateria.Inoltre Giana potrà usare determinate capacità solo in determinate condizioni: in fase Sogno potrà trasformarsi in Palla di Fuoco per abbattere i nemici ed eventuali ostacoli, saltare più in alto e rimbalzare contro le pareti; in fase Incubo potrà fare un salto con piroetta che rallenta la caduta, utilissimo per raggiungere piattaforme troppo distanti o per evitare di finire su spuntoni acuminati in un crepaccio. Infine gli elementi del mondo cambiano il loro comportamento in base allo stato mentale: alcuni ponti esistono solo nel Sogno, alcune porte sono aperte solo nell’Incubo e così via. Non ci sono power up: l’unico è una sorta di protezione che permette di non morire al primo colpo; ma, a parte questo, l’armamentario di azioni che abbiamo all’inizio rimarrà uguale durante tutto il corso del gioco. Sparsi per i livelli ci sono delle aree segrete che sbloccano delle immagini nella galleria: possono essere wallpaper o i bozzetti usati dai disegnatori per la realizzazione del gioco. Completano il gioco due modalità: una classica Time Attack, in cui Giana dovrà raggiungere l’uscita del livello prima possibile, e una Score Attack, in cui viceversa dovrà arrivare alla fine con il maggior numero di diamanti possibili. Il gioco è completamente localizzato in Italiano.

Il commento

Il gioco è decisamente ben fatto. I due stati mentali sono caratterizzati da una grafica specifica e da una musica (composta dall’originale compositore Chris Hülsbeck e dai Machinae Supremacy) davvero adatta a far capire l’umore del momento: la traccia musicale è una per ogni livello, ma viene suonata in modo languido con pianoforte durante la fase di Incubo e in modo Heavy Metal con chitarra elettrica durante la fase di Sogno. Le transizioni tra le due fasi sono ineccepibili e straordinarie, sia come grafica che come sonoro, e sono qualcosa che da sola basta a giustificare il prezzo.

Ciò nonostante, non ho mai pensato che mi sarei potuto lamentare per la troppa grafica, ma effettivamente è successo. Lo sfondo è ricco di elementi, che si muovono in continuazione durante il passaggio sogno/incubo, e, soprattutto nei livelli più avanzati, possono essere confusi con elementi pericolosi. Più di una volta mi son dovuto fermare a pensare “ma… queste spine… sono sotto di me e mi uccideranno? oppure sono sullo sfondo?”; è ovvio che non sempre ti ci puoi fermare a pensare (soprattutto quando sei in caduta libera in un burrone) per cui in quei casi salvarsi dipende dalla fortuna. O da un pestare incontrollato e disperato sul tasto Sogno/Incubo.

Sempre grazie alla grafica spettacolare non è facile vedere tutti i diamanti, soprattutto quando sono “sfumati” perché si trovano nell’altro stato mentale; quindi è facile che possano sfuggire, anche se i livelli, soprattutto i primi, sono progettati in modo da costringerti a cambiare stato di frequente. Magari i “completazionisti” (o “platinatori”?) vedranno in questa difficoltà una sfida extra, magari da portare a termine con lo Score Attack, ma personalmente sapere che son passato davanti ad un diamante, non vederlo, andare avanti, vederlo, e dover tornare indietro, mi porta quasi sull’orlo di un esaurimento nervoso.

Se il nostro personaggio viene toccato da un nemico o dalle spine, muore. Sul colpo. A meno che non abbia il power up di protezione – perché in questo caso morirà in due colpi – sebbene questo non sia così diffuso. Ciò fa si che la difficoltà dei livelli sia abbastanza elevata: Giana Sisters: Twisted Dreams non è un gioco che si fa completare facilmente, e anche i boss sono delle incredibili carogne. Però sono sicuro che la cosa può dare una certa soddisfazione, se ci si fa forza ad andare avanti.

In conclusione: un platform classico, “come quelli di una volta”, ma con una realizzazione al passo con i tempi.

CI PIACE

Perché siamo amanti dei platform.
Perché i livelli sono assurdamente ostici.
Perché abbiamo nostalgia del vecchio Giana Sisters.
E diciamolo, ultimamente avete visto in giro un platform 2d action-based innovativo che non fosse Nintendo?

NON CI PIACE

Perché i livelli sono assurdamente ostici! 🙂
Perché non riusciamo a calibrare i salti per evitare di finire in un burrone, e preferiamo i platform puzzle-based

Conclusioni

Molto interessante per gli amanti del genere: il dualismo tra due mondi è ben fatto e non annoia. Ha livelli molto duri da affrontare, in alcuni casi per pessime scelte di grafica.

8.7Cyberludus.com
Articolo precedenteTokyo Crash Mobs – Recensione
Prossimo articoloThe Last of Us ritorna in video e in immagini
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.