Assassin’s Creed doveva avere la modalità co-op già dal primo capitolo

A distanza di anni, precisamente dal 2007, scopriamo che la serie Assassin’s Creed prevedeva una modalità multigiocatore (precisamente la cooperativa) già dal primo capitolo. Apprendiamo ciò da una recente intervista a Philippe Bergeron di Ubisoft : “Prima che scrivessimo la storia di Desmond ed i collegamenti con l’Animus, avevamo pensato ad un’enorme componente co-op. Ma poi diventò troppo difficile da fare: il motore non poteva sostenerla, e poi non avremmo potuto includerla nel contesto del gioco. Il co-op per noi era qualcosa d’importante all’inizio ma poi non ebbe più senso verso la fine dello sviluppo del gioco: volevamo davvero che fosse parte dell’esperienza single player, che fosse una sorta di co-op drop-in/drop-out, ma alla fine pensammo che non avrebbe avuto senso nella trama per via dell’Animus. Non c’era modo di conciliare una modalità multiplayer o co-op con i ricordi di un antenato. L’antenato aveva vissuto la sua vita in un certo modo, quindi supponendo che il co-op provocasse una ramificazione della sua storia, avrebbe creato un paradosso. Non aveva senso.”.

Articolo precedenteDmc – Devil May Cry conquista, ma non vende come dovrebbe
Prossimo articoloMetal Gear Rising: Revengeance – DLC esclusivo per Playstation 3
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.