E’ dalle pagine di Inside the Game che apprendiamo la lieta novella: Wolfenstein 3D, che possiamo definire tranquillamente come il capostipite degli Fps (Sparatutto in prima persona), di cui abbiamo perso il conto, compie vent’anni.

Il genere si fa risalire proprio al titolo di ID Software, poiché da lui discendono i vari Doom, Quake e tutti gli altri. Storicamente fu il computer ha dare i natali a questo genere, ma con l’avvento di Halo e Call of Duty 2, le console dapprima mutuarono la bella offerta ludica ed infine la imposero, facendo divenire – di fatto – gli sparatutto in soggettiva il genere “principe” e il più abusato genere di intrattenimento ludico.

Per l’occasione, Bethesda, ha allestito una pagina web in cui il gioco è fruibile via browser, così che tutte le generazioni di videogiocatori possono cimentarsi con questo storico, leggendario sparatutto, per capire come ci si divertisse vent’anni fa, senza Xbox e senza Playstation.

Articolo precedenteBeyond Good & Evil 2 – Nuova immagine
Prossimo articoloNaval War: Arctic Circle
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.