Suda 51 e il suo capolavoro migliore

Chi ha giocato anni fa a Killer 7 o chi si sta gustando in questo periodo Shadows of the Damned, si sarà fatto un’idea sullo stile follemente geniale di Suda 51 . I possessori di Nintendo Wii sanno bene di cosa stiamo parlando: No More Heroes è probabilmente una delle serie (arrivate al secondo capitolo) action più elettrizzanti e coinvolgenti di sempre. Sony l’ha capito abbastanza bene e a gran sorpresa ha omaggiato i fan con la possibilità di mettere le mani sul primo episodio della saga a tre anni di distanza dall’uscita dell’originale: No More Heroes: Heroes’Paradise è un porting esclusivo PS3 sviluppato da AQ Interactive e prodotto da Konami . Per l’occasione il titolo è stato riveduto e corretto, rimasterizzato in alta definizione e impreziosito da tantissimi extra come l’utilizzo di Playstation Move . Sfoderate le vostre spade laser: è tempo di smembramenti ed esecuzioni da manuale.

Vinca il migliore..assassino!

Santa Destroy è una città poco raccomandabile e non sono da meno i suoi pericolosi e non proprio pacifici abitanti. Tra questi spicca Travis Touchdown, il nostro protagonista di turno, seriamente intenzionato a fare piazza pulita di assassini e vincere il premio di Assassino Numero Uno di Santa Destroy. La Unated Assassins Association (UAA) è la classifica dei più efferati maniaci omicidi che il nostro Travis dovrà scalare per fare piazza pulita di boss e uscirne vincente, impresa naturalmente non proprio facile. Per questo motivo, vincendo un’asta online, il nostro eroe ha vinto una sorta di spada laser tagliente quanto efficace quando si tratta di terminare nemici.

La trama è assolutamente divertente, ricca di momenti di pura follia grazie a richiami di pellicole cult come le perle di Tarantino e da un’impronta fortemente cinematografica. Il tutto condito da una vena esilarante che si amalgama alla perfezione con la natura action/splutter del titolo. Applausi assicurati a storia conclusa, fidatevi.

Visioni folli

Prima di procedere con la valutazione, è necessario ricordare che stiamo trattando un porting di un titolo Nintendo Wii. Detto questo, il passaggio a PS3, seppur non sconvolgente, ha portato i propri frutti su schermo. Lo stile accattivante e inconfondibile firmato da Suda 51 si esprime in maniera egregia anche in casa Sony, attraverso ambientazioni originali impreziosite da palette di colori accesi ed effetti particellari egregiamente realizzati. Ottimi gli effetti speciali, fiore all’occhiello di questa produzione, che tra luci e colori tempesteranno lo schermo di tocchi di classe non poco graditi. Qualche pecca va annotata: nelle fasi più concitate e durante l’esplorazione della città, subentrano rallentamenti e cali di frame-rate. Inoltre diversi scenari sono davvero poveri di dettaglio e le animazioni risultano il più delle volte legnose.

Il comparto audio vanta una colonna sonora sopra le righe, con pezzi elettrizzanti ma che alla lunga di susseguono l’uno l’altro. Ottimi il doppiaggio e il campionario suoni, quest’ultimo ricco di effetti unici e azzeccati per ogni situazione di gioco.

Affetta e guadagna

No More Heroes: Heroes’Paradise è un action in terza persona caratterizzato da elementi in puro stile free-roaming: Travis può infatti percorre liberamente la città e spostarsi attraverso mezzi come la sua moto (che potremo usare anche in alcune missioni). Purtroppo la componente esplorativa soffre di ripetitività a causa delle dimensioni estremamente ridotte della città. Le locations da visitare sono poche e dopo un po’ ci si stanca di esplorare gli ambienti. Il fulcro attorno al quale gira attorno questa produzione è però rappresentato dai combattimenti. Travis è seriamente intenzionato a vincere e per farlo dovrà guadagnare parecchi soldi per l’iscrizione. Le missioni si dividono in due parti: la caccia all’assassino e lo scontro con il boss. Nella prima parte dovete inseguire il vostro obiettivo lungo gli scenari, facendo fuori gli scagnozzi che tentano di proteggerlo e rubando di tanto in tanto oggetti preziosi per arricchire la collezione privata della vostra abitazione. La seconda parte rappresenta una vera e propria boss fight in cui il nemico farà di tutto per mettervi al tappeto e voi dovrete dare prova delle vostre “arti” attraverso combattimenti indimenticabili. Tra una missione e l’altra potremo girare per la città e fare acquisti o riparare le nostre armi. Soldi extra si possono guadagnare trovando qualche lavoretto su commissione. Il nostro appartamento ci permetterà di cambiare costume e soprattutto di vedere filmati dimostrativi sui combattimenti, molto utili per affinare la nostra tecnica.

Da Wii Remote a Dualshock 3 è cambiato davvero poco per nostra fortuna. Travis dispone di poche ma letali attacchi che in sequenza scatenano combo devastanti in grado di stordire o ferire gravemente i nemici. Qui viene il bello: una volta indebolito il nemico, appariranno su schermo le sequenze di tasti da digitare per scatenare uccisioni a base di schizzi di sangue e decapitazioni di arti. Il tasso di violenza è altissimo, ma parliamo di un tipo di violenza esilarante e volutamente pittoresca. Inutile dire che l’accoppiata Navigation Controller/Playstation Move risulta vincente e decisamente superiore all’esperienza offerta dal Dualshock 3: i movimenti sono precisi e il divertimento assicurato. Se avete intenzione di acquistare la periferica Sony, adesso avete un motivo in più per fare un salto in negozio.

Extra PS3

Il titolo si completa in una dozzina di ore ma diversi extra allungano non poco la longevità: anzitutto, va detto che il titolo sostituisce le esplosioni di pixel della versione europea Nintendo con parecchi fiotti di sangue, arti mozzati e organi che saltano fuori ovunque. Un particolare questo più congeniale alla natura del gioco. Molti dei boss del gioco sono stati “presi” da No More Heroes 2 (esclusiva Nintendo Wii), allo scopo di conferire quel senso di continuità tra il primo e il secondo capitolo. Interessante la modalità punteggio, attraverso la quale potrete sfidare nuovamente i boss di fine livello e battere il vostro record che potrà essere pubblicato online. Spicca anche la Very Sweet Mode, un particolare livello di difficoltà in cui tutti i personaggi femminili indosseranno abiti provocanti e peccaminosi. Inoltre la Dark Side Mode (automatica nella versione originale) vanterà adesso la possibilità di accumulare inneschi e attivarli a proprio piacimento, che risultano molto utili nelle fasi più concitate. Chiudono il cerchio mini giochi inediti, missioni addizionali e naturalmente l’utilizzo di PsMove.

Concludendo…

No More Heroes: Heroes’Paradise porta con sé tutto il fascino del gioco originale, dimostrandosi una versione impeccabile e un gioco imperdibile. La trama e i personaggi sono eccezionali, il comparto tecnico carico di vivacità e solidità (anche se a tratti compromessa da qualche pecca grafica) e il gameplay accattivante e ricco di tantissime cosa da fare. Tanti pregi questi che rendono il prodotto un acquisto obbligato per i fan del genere action e per gli amanti dello stile. In questa versione PS3 non mancano poi tanti piccoli extra che vi terranno incollati allo schermo per parecchio tempo.

CI PIACE
  • Conversione ottimamente riuscita
  • Stile e design accattivanti
  • Azione e violenza a fiotti
  • Tantissimi extra e parecchie cose da fare
NON CI PIACE
  • Qualche incertezza a livello tecnico nelle fasi più concitate
  • Alcuni scenari sono troppo spogli e le animazioni non sempre convincenti
  • Le scelte stilistiche di Suda 51 non sono per tutti e questo titolo non fa eccezione
Conclusioni

No More Heroes: Heroes’Paradise porta con sé tutto il fascino del gioco originale, dimostrandosi una versione impeccabile e un gioco imperdibile. La trama e i personaggi sono eccezionali, il comparto tecnico carico di vivacità e solidità (anche se a tratti compromessa da qualche pecca grafica) e il gameplay accattivante e ricco di tantissime cosa da fare. Tanti pregi questi che rendono il prodotto un acquisto obbligato per i fan del genere action e per gli amanti dello stile. In questa versione PS3 non mancano poi tanti piccoli extra che vi terranno incollati allo schermo per parecchio tempo.

8Cyberludus.com
Articolo precedenteBastion – Recensione
Prossimo articoloLevine: Infinite sembrava BioShock 1 in cielo all’inizio
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.