I tentativi di Valve di portare fra i propri marchi registrati anche Defence of the Ancients ha provocato una decisa reazione da parte di Blizzard : ” non ci sembra la cosa giusta da fare ” ha dichiarato Rob Pardo al BlizzCon 2010. Infatti, DOTA era un mod per Warcraft III, poi qualche settimana fa Valve ha deciso di offrire un sequel stand-alone. ” Per noi significa che Valve sta letteralmente strappando DOTA a Blizzard e alla community di Warcraft III , e francamente non ci sembra corretto ” ha dichiarato il vice-presidente, che continua: ” Valve è di norma d’accordo sui mod della communità, e ne spinge lo sviluppo. Ma cercare di mettere sotto copyright il solo nome è qualcosa di strano da fare, considerando il fatto che è stato disponibile finora a noi e alla community in modo del tutto gratuito “.

DOTA sarebbe anche il nome di uno dei mod che Blizzard rilascerà per Starcraft 2 , e tale resterà, almeno fino a quando Valve non sarà ufficialmente detentrice del marchio. 

Articolo precedenteBlizzard e Bungie insieme per un MMO?
Prossimo articoloLa demo di Need For Speed Hot Pursuit domani
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.