Si torna in battaglia

Quella di Socom è probabilmente una delle serie più redditizie di casa Sony . Dai tempi della cara vecchia Playstation 2, questo sparatutto in terza persona, che fa della campagna multiplayer il suo asso nella manica, ha visto su PSP la sua rinascita grazie a capitoli esclusivi, e adesso si appresta a tornare alla ribalta con un seguito su Playsation 3 ricco di novità, e non parliamo solo di una grafica next gen di primo livello o di un numero di giocatori imponente. La conferma e la dimostrazione pratica del supporto di Playstation Move (la nuova periferica Sony), potrebbe seriamente cambiare il modo di giocare degli appassionati del brand della grande S. Scopriamo assieme cosa si sa su questo intrigante titolo da poco annunciato.

Da soli o in compagnia non c’è scampo

La prima novità di Socom 4 riguarda la modalità singolo, che finalmente si appresta ad essere corposa e ricca di spessore. In passato questa serie ha visto il declino della sezione principale, essendo il titolo concepito per un’ esperienza on line . Zipper Interactive ha promesso di fare le cose per bene attraverso parecchie sorprese. La storia sarà incentrata su una squadra di sei elementi capitanati da un comandante appartenente alla NATO. L’Asia sarà la meta del gruppo, che si ritroverà ben presto a dover affrontare intere milizie armate fino ai denti e territori ostili, dove la strategia e il giusto tempismo saranno fondamentali per questa operazione. Quella che sembrerebbe la solita storiella orchestrata per tenere vivo l’interesse del giocatore impegnato nella campagna, in realtà  potrebbe rivelarsi una piacevole narrazione, semplice, ma impreziosita con qualche colpo di scena  a cui la serie ci ha abituati da sempre. Lo dimostrano i graditi filmati di intermezzo che faranno da contorno alla narrazione generale, molto ben curati e ricchi di fascino. Sembra addirittura che i programmatori stiano lavorando a un motion capture per i volti dei personaggi molto simile a quello apprezzato nella serie Uncharted. Staremo a vedere. Tecnicamente, dal quel poco che si è potuto valutare nella demo presentata al GDC, il titolo Sony si difende già piuttosto bene, presentando un sud-est asiatico attanagliato da guerre e distruzioni, tra desolati centri abitati in rovina, illuminati da un sole cocente, per poi passare a vere e proprie giungle assediate dalla più folta e selvaggia vegetazione. Gli scenari oltre ad essere vari, offrono una piacevole interazione con le azioni del giocatore; quasi tutto su schermo può essere distrutto e sarà accompagnato da effetti speciali degni di nota, soprattutto quelli del fumo, delle esplosioni e del fuoco. Buono anche il frame-rate. Anche sul versante gameplay le cose sembrano promettere molto bene. I controlli del dualshock 3 sono praticamente gli stessi tipici della serie, adesso più intuitivi e calibrati. Questo è un bene perché la rinnovata intelligenza artificiale dei nemici darà filo da torcere perfino al più coriaceo dei giocatori. Naturalmente la prova della demo attraverso i controlli Move è stato il piatto forte della dimostrazione. Chi è abituato a giocare alla Wii non avrà difficoltà ad apprezzare la combinazione Navigation Controller e Move per avanzare, puntare e sparare. Tutti gli altri preferiranno la vecchia scuola. Questo però non equivale a una bocciatura per la nascitura periferica Sony, tuttavia sono necessari degli aggiustamenti per rendere l’esperienza di gioco meno legnosa e forzata. Di tempo i programmatori ne hanno a iosa per rendere questo quarto capitolo godibile quanto innovativo. Se consideriamo infine una longevità piuttosto buona e la possibilità di ospitare ben 32 giocatori in una campagna, le carte in regola per sfondare ci sono tutte.

Conclusioni

Socom 4 rappresenta il ritorno in casa Sony di una serie di successo, ma che questa volta vuole coinvolgere non solo gli amanti dell’esperienza multiplayer ma anche gli appassionati delle campagne solitarie all’insegna del comando e della strategia. Il supporto di Move potrebbe regalare, con le dovute modifiche, non pochi momenti divertenti e forse l’inizio di un nuovo modo di giocare a fare la guerra tra amici. L’appuntamento per verificare tutto ciò è fissato a fine 2010.

Articolo precedenteNier
Prossimo articoloCyberludus alla presentazione del Video Delivery Service di Sony
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.