Se esiste una software house strettamente legata al fenomeno Psp, questa è senza ombra di dubbio Capcom. Sul mercato di una console letteralmente martoriata dal dilagante fenomeno della pirateria, Capcom e la sua serie Monster Hunter, sono riusciti a registrare numeri eccezionali, soprattutto sul territorio nipponico, riuscendo, di fatto, praticamente da soli, a supportare la Psp. La serie Monster Hunter nasce su Ps2, quasi come un titolo di nicchia, anche a causa della scarsa importanza data alla campagna pubblicitaria, costringendo il capostipite di una saga milionaria a non avere il successo che forse meritava in Europa e Usa. Il vero successo arrivò, sorprendentemente su psp, grazie anche a una notevole evoluzione della struttura di gioco e del gameplay, oltre che un’attenzione particolare al multiplayer. A distanza di due anni da Monster Hunter Freedom 2, che ha fatto letteralmente impazzire i nostri cugini nipponici, e con il terzo capitolo della serie in arrivo per Wii, il brand fa ritorno sulla sua console prediletta, con Monster Hunter Freedom Unite.

Cosa abbiamo dopo due anni ?!

Una volta inserito il proprio UMD nel lettore (o aver fatto partire il contenuto da memory stick dopo averlo scaricato da Playstation Store), è data all’utente la possibilità di effettuare un’installazione abbastanza lunga, che insedierà nella nostra memory stick 600 mb, ma tuttavia riduce in maniera drastica i caricamenti, rendendo sicuramente più piacevole l’esperienza di gioco. Prima di premere quel fatidico tasto “Inizia Nuova Partita”, è necessario sottolineare che Unite è ben diverso dall’essere un Sequel di Freedom 2. «Come sarebbe a dire?» vi starate chiedendo; ebbene, Unite altro non è che una riedizione di F reedom 2, lucidata, messa in bagno nell’argento, e cesellata. Se pensavate di mettere le mani su un’esperienza del tutto nuova potreste essere fortemente delusi.

Tutto ha inizio a causa di una sfortunata spedizione su un territorio innevato; il nostro eroe si imbatterà in una mostruosa creatura che sarà l’autore di una rovinosa caduta dalla montagna, la quale condannerà il nostro personaggio a rimanere a lungo privo di sensi. Sarà un abitante del villaggio di Pokke a salvarlo, e accudirlo, fino alla sua guarigione; ma non si tratta di un abitante qualunque, il nostro salvatore è nientemeno che l’ex cacciatore del villaggio, che ha designato noi come suo successore. E’ questo il preambolo che ci lancia di nuovo nel fantastico mondo di Monster Hunter e finalmente ci permette di delineare i tratti del nostro alter-ego. Il titolo permette una buonissima personalizzazione del nostro eroe, potendone definire volto, capelli, sesso, e anche il tono della voce; o in alternativa, importare il nostro sudato personaggio, coltivato con amore in Monster Hunter Freedom 2. Dopo aver “preso vita” nel villaggio di Pokke, ed esser insignito del titolo di cacciatore del villaggio, comincia la nostra avventura; è proprio quest’esordio uno dei momenti più difficili dell’intero gioco.

Rientrare nelle sue meccaniche è senza dubbio un’impresa non da poco per un giocatore che non si è mai avvicinato alla serie, spesso verrete tentati dal voler abbandonare tutto.

Esperienze come ritrovarsi congelati sul campo di battaglia per essersi dimenticati l’abbigliamento pesante, è senza dubbio frustrante, e potrebbe allontanare alcuni giocatori, e anche la mancanza di una storyline di fondo può far storcere il naso agli utenti abituati a schemi di gioco più classici. Non aiutano le tediose sessioni di addestramento offerte, abbastanza noiose e non troppo felici, ma tuttavia, abbandonare il gioco in questo momento è veramente un peccato, poiché si rinuncia a un’esperienza sicuramente valida.

Una vecchia formula collaudata

Freedom Unite riprende da Freedom 2 molti elementi, forse troppi. I due titoli condividono molte delle ambientazioni, delle creature, dei personaggi, e degli oggetti. Tuttavia, non è proprio giusto ritenere ingiustificato pagare un prezzo pieno per Freedom Unite; va detto, infatti, che il gioco propone comunque 79 nuove missioni che vi terranno impegnati per centinaia e centinaia di ore, un mix di ambienti tratti sia da Freedom che Freedom 2, nuovi mostri, nuovi oggetti, e una nuovissima e interessante feature di cui parleremo in seguito. Per non parlare dell’ultra collaudata formula di gioco che ha appassionato milioni di giocatori. Accettare missioni, uccidere o catturare bestie e mostri, ottenere il materiale necessario per migliorare il proprio equipaggiamento: è questo lo schema di gioco che Capcom ha riservato a Monster Hunter.

Nessuna storia, nessun dialogo, nessun legame. Anche la città stessa di Pokke ha una scarsa rilevanza, questa dispone sì di molti negozi e strutture, ma di alcuni ben presto faremo a meno, preferendo il ricavato delle nostre cacce. Alcune risorse del villaggio sono comunque fondamentali ai fini del gioco, come la fattoria, luogo dove ci viene insegnata la tecnica di raccolta, o dove si può pescare, o la gilda dei cacciatori che permette di accettare le missioni siano esse in singolo o in compagnia. Già, una delle più importanti innovazioni in Unite è la possibilità di collegarsi con altri tre giocatori tramite dispositivo wireless, e affrontare le numerosissime missioni in multiplayer, sfruttando il gruppo per mettere in atto le più efficaci strategie di combattimento, o semplicemente divertirsi in compagnia degli amici. Purtroppo, come accade in Monster Hunter Freedom 2, il multiplayer è limitato alla connessione ad-hoc, limitando la sfida (per chi non si ingegna) ai soli amici materialmente vicini.

Ma non abbiate timore, se non avete nessuno con cui condividere quest’esperienza, anche nelle missioni in single player non sarete da soli; l’interessante feature sopra citata è appunto la possibilità di tenere un team di Felynes, bestie simili ai gatti, che seguiranno il nostro eroe nelle sue missioni.

I simpatici gattini, crescono assieme al nostro alter-ego, e danno un valido supporto in battaglia. Sebbene i danni che provocano al nemico non sono fondamentali ai fini della vittoria, risultano utili per distrarre l’avversario al fine di attaccarlo con minore preoccupazione. Anche col supporto dei Felynes, e una solidissima struttura di gioco, il titolo giocato da soli può cadere rapidamente nella spirale della ripetitività, offrendo bene o male missioni riconducibili tutte alle stesse tre richieste: raccolta, uccisione, o cattura di particolari creature. Controbilanciano questo solo in parte la spropositata quantità di oggetti, armi e bestie, quest’ultime sempre abilmente caratterizzate con tecniche e attacchi personalissimi, che mettono ogni volta alla prova le capacità strategiche del giocatore.

Grafica e tecnica

Dal punto di vista tecnico Freedom Unite s i attesta fra i più alti standard del portatile Sony. Le textures offerte da Capcom sono senza dubbio pregevoli, e l’attenzione per il dettaglio e per le animazioni, ha un che di sorprendente se si pensa all’hardware di Psp e all’incredibile varietà dei mostri presenti. Anche il sonoro è ottimo, offrendo una colonna sonora calzante adatta ad accompagnare il giocatore in così tante avventure.

Conclusioni

Sicuramente Freedom Unite si attesta come un must have per gli utenti Psp. Sebbene questo possa apparire come una semplice rivisitazione di Freedom 2, le centinaia di ore di gioco e il divertimento multiplayer offerto, sono comunque in grado di confermare la validità della serie. Inoltre ,la possibilità di scaricare nuove features dalla rete, e di installare il gioco su memory stick per ridurre drasticamente i caricamenti, hanno confermato la bontà di un progetto che Capcom ancora una volta è riuscita a portare alla luce con successo. Se non vi farete abbattere dalle prime ore di gioco questo titolo potrebbe prendere possesso delle vostre vite per un bel pezzo.

Marco “Revolver52” Rubino

CI PIACE
  • Longevità spaventosa
  • Multiplayer Divertentissimo
  • Bagaglio tecnico stupefacente
NON CI PIACE
  • Può essere ripetitivo
  • Rientrare nel meccanismo può essere traumatico, come la mancanza di una storyline può far storcere il naso ai puristi
  • Molto, forse troppo simile a Freedom 2
8Cyberludus.com
Articolo precedenteClassifiche console e giochi Giappone 20-26 luglio 2009
Prossimo articoloRatchet & Clank: A Crack in Time
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.