Cambio di dimensione

L’utlima volta abbiamo esaminato i titoli portati della serie “The Legend Of Zelda” usciti per le console Nintendo più datate. Gli anni erano passati e la tecnologia tridimensionale aveva già fatto i primi passi : Nintendo tardava ad uscire allo scoperto con il suo Nintendo 64 e, nel frattempo, un nuovo nemico si era fatto avanti, ovvero Sony, armata della sua Playstation e del suo supporto ottico. La vita per la grande N non era affatto semplice e serviva qualcosa di tonante e imperioso per trattenere un folto pubblico sulla propria console a cartucce. Le avventure di Link , alle quali tutti erano già affezionati, capitavano a fagiolo. “Link’s Awakening” era uscito da tempo e si sentiva il bisogno di una nuova avventura. Dopo un po’ di tempo Nintendo fa uscire “The Legend Of Zelda: Ocarina Of Time” e, con esso, riesce dove tutte le software house avevano fallito prima: creare il gioco perfetto. E con perfezione non si vuole intendere semplicemente un raggiungere una brillante eccellenza. Si vuole intendere perfezione, nel senso puro della sua definizione da vocabolario . Questa retrospettiva vuole analizzare i due titoli della serie comparsi su Nintendo 64: “Ocarina Of Time” e “Majora’s Mask” , rispettivamente nel 1998 e nel 2000 . Cercherò di spiegarvi come mai ho voluto affibiare l’attributo ‘perfetto’ al primo di questi due capolavori anche se, vi avviso subito, senza averci giocato sarà molto difficile capire cosa voglio intendere. Le parole sono come impure, non possono spiegare egregiamente le caratteristiche della perfezione. Procediamo.

The Legend Of Zelda: Ocarina Of Time

Il ragazzino senza una fata

Hyrule e l’intero mondo sono il parto di tre generose divinità: Din, Nayru e Farore . Dopo aver creato la vita, le tre dee hanno lasciato agli esseri umani un manufatto, testimonianza della loro presenza: la Triforza . Questo triangolo dorato è, a sua volta, diviso in due parti, uno per ogni divinità. Din è collegata alla Triforza del Potere, Nayru alla Triforza della Saggezza e Farore alla Triforza del Coraggio. Ognuno di questi tre frammenti è dotato di un immenso potere e qualora tutti e tre finissero nelle mani di una sola persona questa vedrebbe esaudirsi tutti i suoi desideri, siano essi buoni o cattivi. Purtroppo l’equilibrio del regno è in subbuglio: pare che qualcuno voglia sovvertire l’ordine seminando il caos e la distruzione. E’ tempo di risvegliare il predestinato. Navi , una piccola fata, viene mandata dal saggio Albero Deku nella foresta dei Koriki, i bambini della foresta, che vivono completamente staccati dal mondo per non cadere nei pericoli che in esso risiedono. A ognuno di questi ragazzi, alla nascita, viene assegnata una fata protettrice ; fra tutti, però, ce n’è uno che, per una qualche ragione, non ha mai avuto una sua fata: questo ragazzo si chiama Link . E’ a quel punto che Navi lo raggiunge, diventando la sua protettrice personale e facendogli capire che il suo ruolo è molto più importante di quello che lui, anzi, che chiunque può pensare. Lui è il possessore predestinato della Triforza del Coraggio e futuro salvatore del regno di Hyrule. Queste sono le fiabesche premesse che introducono il giocatore nella storia di “Ocarina Of Time” .

The Legend of Zelda Ocarina of Time

Ora viene la parte complessa: spiegare perché questo gioco è, in tutto e per tutto, perfetto. Fin dai primi momenti è interessante notare come i controlli siano eccellenti e facili da gestire, non fosse per la singolare forma del gamepad del Nintendo 64. Link può camminare, correre, saltare automaticamente piccoli baratri, accovacciarsi, guardarsi intorno… Il giocatore ha il pieno controllo sul personaggio, così come era già avvenuto per Mario in “Super Mario 64”. La sola differenza sta nell’introduzione di due nuove possibilità, allora completamente inedite nell’universo videoludico : la possibilità di saltare automaticamente e il poter puntare un obiettivo con la pressione di un tasto. Oggi come oggi queste meccaniche sono all’ordine del giorno nella quasi totalità dei videogiochi, a pensarci bene, ma voi immaginate la reazione dei giocatori di allora: Nintendo aveva inventato quelli che sarebbero diventati poi due incredibili standard della storia del videogioco, garantendo una fluidità di gameplay mai vista prima d’ora. Altro cardine fondamentale è la libertà : già negli episodi precedenti il giocatore era spesso lasciato libero di scorrazzare in giro ma questa volta tale concetto viene migliorato fino a livelli impensabili. Per quanto Navi voglia guidarci all’interno del mondo noi possiamo ignorarla ed esplorarlo per conto nostro, soddisfacendo la nostra voglia di divertimento puerile e scanzonato. Oltretutto, questa libertà porta solo ulteriori vantaggi: a lcuni potenziamenti o oggetti sono ottenibili proprio SOLO grazie alle nostre esplorazioni , alla nostra voglia di conoscere gente e interagire con tutti i personaggi, faccia a faccia con un mondo diverso dal nostro e che, proprio per questo, noi sentiamo di voler vivere fino in fondo. La presenza dell’ocarina del tempo non fa che migliorare le cose: grazie a questo strumento musicale (che è possibile suonare liberamente con la semplice pressione dei tasti) Link potrà viaggiare nel tempo e nello spazio , modificare il corso della storia manipolandola a proprio piacimento nelle sue due forme, bambino e adulto. In “Ocarina Of Time”, inoltre, fanno la loro prima apparizione alcune razze intelligenti, come i Goron e gli Zora , e potenziamenti che possono essere utilizzati nelle maniere più creative possibile, secondo la fantasiosa volontà del giocatore. Tutto questo, unito a una trama eccellente e a una realizzazione tecnica e musicale incredibile (si può parlare di una delle migliori colonne sonore di sempre), rende The Legend Of Zelda: Ocarina Of Time non solo uno dei migliori giochi della serie ma addirittura uno dei migliori videogame della storia . Posso assicurarvi che, a leggere quanto ho scritto, è difficile comprendere il perché di tanta esaltazione. Ma mettendo mano al gamepad ed esplorando questa nuova Hyrule tridimensionale insieme a Link anche voi lettori potrete comprendere la bellezza e la magia di questo titolo, capace di regalare sensazioni nuove anche dopo dieci anni dalla sua uscita. Il gioco è disponibile anche su Virtual Console per 1000 Wii Points (circa 10′

Articolo precedenteVirtua Tennis 2009 – Recensione
Prossimo articoloAggiornamento Playstation Store
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.