Ritorno a Willamette

Uscito su Xbox One nel dicembre del 2016, Dead Rising 4 ha ora fatto il suo debutto su PlayStation 4 in versione completa. Quella di Frank West, ve l’avevamo già detto l’anno scorso, non è certo una crociata anti-zombie perfetta ma, al contempo, è impossibile affermare che non sia divertente e folle. Come fare ad elevare a potenza tale ignorantissima esperienza e permetterle di giungere al meglio sulla console di Sony?

I ragazzi di Capcom Vancouver hanno trovato la soluzione al dilemma con la più ovvia ed efficace delle risposte: aggiungere la possibilità di impersonare – in pratica – le versioni “Westiane” di moltissimi eroi del mondo Capcom. Intrigati da questa trovata del team di sviluppo, non abbiamo potuto fare a meno di tornare a Willamette per sperimentare in prima persona quella che non fatichiamo a definire “La Fiera del Cafone” ma, state tranquilli, l’appellativo è da intendersi con accezione positiva.

Questo Frank’s Big Package – che tra le altre cose contiene nuove modalità e tutti i DLC dell’edizione Xbox One – sarà in definitiva riuscito a garantirsi uno spazio anche in quest’affollatissimo 2017? Scopritelo nella nostra recensione.

Una ricetta collaudata

Frank West, il reporter e fotografo tanto amato dai fan dell’insuperabile primo capitolo, ha fatto ritorno in questa quarta incarnazione della serie. Spinto dalla sua apprendista Vick, il nostro buon amico finisce per scoprire l’ennesimo disastro del governo a tema zombie, salvo poi vedersi tradire dalla giovane e tornare nuovamente nel mirino della macchina del fango degli Stati Uniti. In pratica, il prologo di Dead Rising 4 è un grande deja-vù, perchè Frank fu dipinto come un terrorista anche dopo l’originale invasione zombie di Willamette. In cerca di riscatto e assetato di vendetta verso coloro che gli hanno aizzato contro l’opinione pubblica, West parte alla volta della cittadina dove tutto ebbe inizio assieme a Brad Park, un agente della ZDC.

Senza volerci spingere oltre sul versante trama, siamo pronti a farvi una rivelazione che vi lascerà esterrefatti e, forse, riversi sul pavimento in preda a una crisi esistenziale: Dead Rising 4 non ha la forza narrativa di The Last of Us.

Scherzi a parte, “tornare a casa” con Frank’s Big Package farà piacere sia ai fan di vecchia data che ai nuovi interessati: Franco Ovest è di gran lunga il protagonista più carismatico della serie, di conseguenza non sarete mai a corto di battute e di umorismo scanzonato. L’incedere della narrazione, in ogni caso, resta una scusa per maciullare orde di zombie come solo Dead Rising ci permette di fare. L’ormai collaudatissima struttura di gioco è tornata con tutti i pro e i contro in questo capitolo, dalle foto “drammatiche” con la reflex fino alla creazione di strumenti di morte semplicemente fuori di testa. Mediante i progetti sparsi in tutta la città, infatti, riuscirete a tenere alta l’asticella del divertimento per le 10 ore necessarie a terminare l’avventura e vi sarà più facile chiudere un occhio sulle noiosissime fasi d’investigazione e sulla realizzazione degli scontri a fuoco con i nemici. Guidare un carroarmato dotato di fionda lancia zombie e andare a caccia di maniaci vestiti da Babbo Natale, di contro, sono solo alcune delle attività che continuano a mantenere inalterato il loro fascino cafone – soprattutto per le nuove leve di Dead Rising.

 Hadouken!

Gli assi nella manica di questo Frank’s Big Package sono ovviamente rappresentati dalle nuove modalità di gioco, le quali – bisogna dirlo – sono riuscite ad ampliare longevità e divertimento per qualche altra ora. Non siamo certo di fronte a The Witcher 3: Blood & Wine ma nemmeno ci siamo ritrovati a dover bocciare gli sforzi di Capcom. Gli sviluppatori di Vancouver non hanno purtroppo risolto alcuni inconvenienti tecnici del Dead Rising 4 su Xbox One, scegliendo di concentrare i loro sforzi sull’introduzione dei contenuti aggiuntivi: visto il prezzo del biglietto, sarebbe stato lecito aspettarsi anche qualche piccola miglioria di natura tecnica.

In Super Ultra Dead Rising 4 Minigolf ci abbiamo visto una follia non dissimile dalle attività secondarie dei titoli di Yakuza e pensiamo sia una componente di tutto rispetto della nuova “trinità”. Com’è fare una partita di Golf con il campo di gioco infestato dagli zombie? La risposta la troverete in questa modalità, simpaticissima da provare sia in singolo che in multigiocatore.

Il DLC Frank Rising è ambientato subito dopo la fine dell’avventura principale e vi permetterà di impersonare – proprio come succede a John Marston nell’indimenticabile RDR: Undead Nightmare – un Frank West zombie. Questa breve modalità dovrà essere portata a termine entro un’ora, pena lo scadere del timer (esatto, proprio quello che è stato rimosso negli ultimi capitoli di Dead Rising) e l’arrivo del Game Over.

Ultima ma non per importanza, la modalità Capcom Heroes è il pezzo forte dell’offerta ludica e apporterà un cambiamento significativo alla Campagna. Proprio come più volte mostrato da Capcom in fase promozionale, potrete impersonare 17 eroi provenienti dai più famosi brand della compagnia giapponese, dal Dante di Devil May Cry fino al Ryu di Street Fighter. Infiniti agglomerati di zombie e possibilità di eseguire potentissimi Hadouken: c’è davvero bisogno di dire altro? Raccogliete le stelle Capcom, fidatevi.

Concludendo…

Dead Rising 4: Frank’s Big Package segna l’approdo del quarto capitolo della serie su PlayStation 4, con tutti i suoi pro e contro. Senza far troppo caso a qualche inconveniente tecnico e ad alcuni frangenti di gioco non proprio esaltanti, la nuova crociata anti-zombie di Frank West riuscirà a strapparvi più volte una risata e a garantire del cafonissimo divertimento per tutta la sua durata. Super Ultra Dead Rising 4, Frank Rising DLC e Capcom Heroes, sono le ciliegine su di una torta insanguinata, arricchita da una spolverata di macabro feeling natalizio. Insomma, se siete amanti del divertimento scanzonato e non pretendete scrittura e regia degni di The Last of Us, Frank’s Big Package fa al caso vostro.

In breve

  • Genere: Survival Horror
  • Sito web: Vai al sito
  • Data di rilascio: 06 gennaio 2016
  • Sviluppatore: Capcom Vancouver
  • Distributore:
  • Publisher: Microsoft Studios
  • Pegi:

Condividi
Articolo precedenteStar Wars: Gli Ultimi Jedi – Il capitolo di mezzo che non ti aspetti
Prossimo articoloPlayerunknown’s Battlegrounds – Recensione
Ha conseguito una laurea triennale in fotografia, cinema e televisione e, attualmente, si dedica a tempo pieno alla divulgazione dell’arte audiovisiva definitiva: il videogioco. Gira e sceneggia cortometraggi, video di dubbia sanità mentale con The Gentlemen e cura il canale YouTube “Lo Spazio di Donte”. Assieme ai compagni d’arme in Cyberludus.com e VG24/7.it, cerca di crescere nel campo del giornalismo videoludico ma, mal che vada, continua a coltivare il sogno proibito: costruire un insieme di piattaforme in mezzo al mare senza il controllo di governi, sistemi e religioni… Outer Heaven.