Daedalic è sempre stata un’ottima alternativa nel panorama dei punta e clicca: parlando della spesso citata saga di Deponia o, come abbiamo recentemente potuto provare, anche di giochi come Anna’s Quest, ciò che si può affermare con certezza è che il ruolo della software house nel campo delle avventure grafiche sia di prima categoria. Dove spesso vediamo titoli fatti apposta per essere apprezzati da giovani e maturi, nel caso di Fire possiamo invece dire che il target preso di mira maggiormente sia quello più infantile. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Viaggio all’età della pietra

La storia ci catapulterà nei panni di un cavernicolo – all’interno di un contesto molto più fantasy di quanto ci abbia insegnato la storia – che, addormentatosi mentre era di guardia all’unico, raro e inestimabile fuoco del proprio villaggio, verrà bandito dai suoi abitanti e mandato alla ricerca del fuoco. Dopo aver avuto una visione degna del miglior Lynch, il personaggio procederà di livello in livello raccogliendo delle particolari lucciole preistoriche che lo faranno avanzare nella storia. Questo, in sostanza, sarà l’unico stralcio di storyline, perfettamente integrato nel contesto del gioco senza adoperare dialoghi ma sfruttando la forza dell’espressività dei personaggi. Il gioco, come punta e clicca, non è particolarmente complesso o ai livelli delle altre produzioni Daedalic: il personaggio si sposterà attraverso uno scenario completamente bidimensionale e non potrà essere spostato direttamente dal giocatore, che potrà invece scegliere se farlo andare a destra o a sinistra, fargli raccogliere oggetti o interagire con lo scenario. Nella classica tradizione Daedalic premendo un apposito tasto appariranno tutti gli elementi interattivi dello scenario.

Ma cosa dovrà fare il nostro cavernicolo durante la sua avventura? Sostanzialmente, nella decina di livelli proposti dal gioco, il giocatore attraverserà dei piccoli scenari dove affronterà degli enigmi basilari: essi spesso sono legati a degli animali presenti nello scenario e, una volta risolti, avremo la strada spianata verso il livello successivo. Il gioco di per sé è piacevolissimo, perché i comandi e gli enigmi sono semplici e spensierati, così come l’atmosfera cartonesca e il buffo design. Il problema principale è legato alla longevità: per un giocatore abituale sarà una passeggiata, della durata di appena un’ora. È vero anche che ci sono delle particolari monete collezionabili sparse per i mondi – di cui oltretutto alcune si rivelano particolarmente ostiche da trovare -, ma purtroppo il contatore delle ore non ne trarrà troppo vantaggio. In ogni caso, è un titolo dedicato chiaramente ai bambini, perciò la difficoltà è ben dosata e la longevità potrà variare da persona a persona.

Un viaggio molto colorato

Ciò che invece saprà convincere grandi e piccoli è il comparto tecnico: visivamente il titolo è bellissimo, d’impatto e perfettamente curato e dosato in ciò che deve fare; e, possiamo dirlo con certezza, svolge il suo lavoro alla perfezione, con dei bellissimi sprite – particolarmente personalizzati grazie anche a dei contorni calcati – e tanti colori, oltre che attraverso un design fantasioso e divertente, che ci regalerà scenari mozzafiato e creature bizzarre e originali. Ancora più elogi al sonoro e alle sue note allegre e perfettamente in linea con lo spirito del gioco – farete fatica a levarvi dalla testa il fischiettato motivetto principale -che riconferma, per l’ennesima volta, che** la cura di Daedalic per il comparto tecnico dei suoi titoli è indiscussa**.

Infine, il fuoco

Fire è un titolopiù che sufficiente, perfetto per i giocatori più giovani e sicuramente piacevole per quelli più navigati. I contenuti sono pochi e la longevità scarsa, fattori che uniti al prezzo attuale del gioco non rivelano conveniente l’acquisto. A voi la scelta, se avventurarvi alla ricerca del fuoco o meno.

CI PIACE

– Ottimo comparto tecnico\n- Perfetto per un pubblico giovane\n- Spesso esilarante

NON CI PIACE

– Troppo breve\n- Gameplay semplicistico

Conclusioni

Un bel punta e clicca per i giocatori più giovani. Per i più navigati meglio passare ad altro.

6.5Cyberludus.com
Articolo precedenteHer Story – Recensione
Prossimo articoloBatman Arkham Knight – Recensione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.