Gardening Mama: Forest Friends – Recensione

Il ritorno di Mama

La serie Mama ideata – e rilasciata – da OfficeCreate nell’oramai lontano 2006, ha dato via ad una lunga serie di titoli casual, relegati principalmente alle portatili di casa Nintendo. Cooking Mama (che conta ad ora tre capitoli all’attivo tra Wii e DS, con altrettanti spin off) è riuscito nell’intento di catturare una fascia di utenza relativamente “fanciullesca” con il suo gameplay immediato, divertente e capace di sfruttare al meglio le potenzialità delle console Nintendo. Il Cooking Mama di OfficeCreate permette a chiunque di divertirsi con minigiochi a sfondo culinario, ma cosa si otterrebbe spostando tutta l’immediatezza della serie in un ambito completamente diverso…tipo il giardinaggio? La risposta è Gardening Mama – uscito nel 2009 – in esclusiva su Nintendo DS. Nonostante il setting totalmente opposto alla serie “madre”, Gardening Mama proponeva sostanzialmente lo stesso gameplay a base di comandi touch e semplici minigiochi. A circa sei anni di distanza – in concomitanza con l’uscita di Cooking Mama: Bon Appétit – ecco approdare in esclusiva 3DS il sequel ufficiale: Gardening Mama Forest Friends. Via alla recensione!

Ho il pollice verde!

Inizializzato il titolo ci ritroveremo all’interno di un menu principale abbastanza scarno. Le modalità di gioco -selezionabili – sono sostanzialmente due: “Cura le piante” e “Aiuta!”. La prima non è altro che la modalità principale di Gardening Mama Forest Friends mentre la seconda è una sorta di compendio di tutti i minigiochi presenti e sbloccabili all’interno del titolo. Inizializzata la modalità “Cura le piante”, saremo accompagnati per i primi minuti di gioco da un esaustivo tutorial che ci spiegherà per filo e per segno le meccaniche basilari del titolo. Gardening Mama Forest Friends permetterà al videogiocatore non solo di gestire un apprezzamento di terreno ma anche commerciare con le confinanti attività commerciali, ampliando così le nostre finanze interne.

Il terreno coltivabile disponibile potrà essere aumentato ad ogni “level up” che verrà conseguito dopo aver coltivato e venduto un numero sufficiente di frutta/ortaggi. Coltivare in Gardening Mama Forest Friends è piuttosto semplice: grazie al nostro fido pennino potremo agilmente selezionare un seme e piantarlo in un blocco di terreno a nostro piacimento (ma attenzione?non tutte le piante occuperanno lo stesso numero di blocchi). Dopo la semina sarà opportuno annaffiare -ma senza esagerare – e attendere il giorno successivo per continuare a curare le nostre coltivazioni. Non tutti i semi saranno disponibili ad inizio gioco, (anzi, per la verità inizialmente ce ne saranno davvero pochi disponibili) sarà quindi opportuno completare i vari incarichi secondari – visionabili all’interno della cassetta delle lettere – che sotto forma di simpatici minigiochi ci consentiranno di accrescere la nostra scorta di semi. I proprietari dei negozi confinanti con la nostra fattoria non tarderanno ad infastidirci con la loro presenza attraverso richieste di svariato tipo. In Gardening Mama Forest Friends, difatti, la cura del nostro orticello non è la preoccupazione primaria ma bensì la creazione di una fitta rete commerciale atta ad aumentare il nostro saldo monetario oltre che ad aiutare le altre attività ad accrescere il loro guadagno. Tanta carne al fuoco, vero? Nonostante una discreta partenza, il titolo fatica a trovare un elemento essenziale in questo tipo di giochi: la continuità. L’estrema ripetitività dei compiti, dei minigiochi e delle richieste giornaliere sono il principale difetto di questo titolo, che costringerà ad un prematuro abbandono una buona fascia di videogiocatori. Nonostante questo, è opportuno ricordare che questo titolo si rivolge ad una fascia di utenza decisamente casual e per questo non incline a longeve sequenze di gioco.

A livello puramente tecnico, Gardening Mama Forest Friends può essere maggiormente assimilabile ad un browser game da social network piuttosto che ad un titolo 3DS. Il tutto è colorato e vivace ma sfortunatamente caratterizzato da un piattume terribilmente brutto da vedere. Anche le voci (in lingua inglese) e le musiche non aiutano a salvare il comparto audiovisivo del titolo che si conferma su un livello qualitativo davvero basso.

Concludendo?

Gardening Mama Forest Friends è un titolo insufficente sotto diversi aspetti: prima tra tutti la terribile ripetitività di fondo, capace di far venire a noia il titolo in una manciata di ore; in secondo luogo un comparto audiovisivo rimasto più di una generazione indietro. Considerate l’acquisto solamente in caso di figli amanti del giardinaggio, altrimenti evitatelo come la peste?

CI PIACE

– Avete un figlio e vi state scervellando alla ricerca di un titolo semplice ed immediato per loron- Tantissimi minigiochi…

NON CI PIACE

– …ma pochi qualitativamente degni di notan- Ripetitivo all’inverosimilen- Graficamente sembra un browser game

Conclusioni

Un titolo di basso costo e bassa qualità

4.5Cyberludus.com
Articolo precedenteRepublique Remastered – Recensione
Prossimo articoloDue nuovi video gameplay per Splatoon
Mattia Giangrandi
Nerd purosangue classe 1992, si avvicina al mondo dei videogiochi grazie al SEGA Master System di sua madre. Destreggiandosi tra Alex Kidd e Sonic the Hedgehog, comincia a farsi una importante cultura videoludica a base di platform e beat ‘em up. Fedele seguace della “master race”, consuma giochi di ruolo dalla mattina alla sera, anche se la sua saga preferita rimane Grand Theft Auto degli inarrivabili Rockstar Games, che fin dal primo capitolo lo ha aiutato a diventare la brutta persona che imparerete a conoscere.