HEX – Intervista al team di sviluppo

Vi abbiamo parlato di HEX in diverse occasioni, prima tramite l’anteprima Gamescom poi attraverso un videotutorial, ed infine mettendolo tra i premi dei giveaway. Il gioco di carte multiplayer prodotto da GameForge continua a proporre aggiornamenti interessanti (è stato introdotto anche il supporto multilanguage, tra cui l’italiano) e diversi tornei settimanali. In vista delle novità per il 2015, abbiamo pensato di porre agli sviluppatori qualche domanda sul futuro del titolo, che si propone di essere il principale antagonista di Hearthstone.

 

Al momento la modalità storia non è disponibile. Potete rivelarcene la natura? (single player, PvP o co-op)

Nel prossimo futuro abbiamo intenzione di lanciare eccitanti novità in merito al PvE. Non vogliamo rivelare molto al momento. Per quanto riguarda contenuti a lungo termine, abbiamo intenzione di lanciare aggiornamenti tanto per il co-op, quanto per il single player; al momento, sarebbero un valido strumento per permettere agli utenti di fare esperienza ed approfondire le tattiche di gioco attraverso avversari controllati dall’IA, che potrebbero davvero mettere in crisi i loro deck e le Leggende (ovvero l’alter ego che rappresenta ciascun videogiocatore nel mondo di HEX).

Cosa potete dirci riguardo missioni, premi e longevità della campagna?

Con l’imminente lancio della Frosting Arena, possiamo affermare che il viaggio nel mondo di HEX è appena cominciato. Al momento, la storia e il mondo che fanno da sfondo ai deck sono così profondi che neanche noi riusciamo a determinare esattamente dove ci porteranno. Ovviamente, sappiamo cosa vogliamo fare e abbiamo una rigida pianificazione delle novità da introdurre, ma ogni eroe ci lascia le porte aperte a tante eccitanti storie e sfide che possiamo realizzare in qualunque momento, grazie al fantastico mondo che ruota attorno alle carte.

In HEX ci sono 2 fazioni e 20 campioni: ci spiegate come si traduce, in termini di vantaggi e svantaggi, supportare una fazione piuttosto che l’altra? Come verranno gestite tali battaglie e alleanze nella campagna?

Negli ultimi aggiornamenti abbiamo rinominato i Campioni in Leggende, e rappresentano un elemento chiave della storia raccontata in HEX. Così come vediamo il lancio della moneta all’inizio di ogni battaglia, tutto ha due facce: chiamarle buono e brutto, luce e buio, vita e morte, è solo il modo più semplice per descriverle. Anche se il mondo di HEX è organizzato in alleanze, ogni eroe può raccogliere sotto la sua bandiera truppe di varie razze e schieramenti, così come non vogliamo limitare gli utenti nella creazione dei deck: è tutto, totalmente, libero da vincoli. Più in là, tutto ciò influenzerà la storia e la campagna, ma al momento è un modo per testare tutti gli eroi e raccogliere le truppe migliori, combatterle con i propri mezzi a disposizione e vincere quante più battaglie possibile. Da quando è stato rilasciato il set 2 (l’update più corposo, chiamato Shattered Destiny – ndr) i giocatori possono creare deck su un totale di 600 carte senza limiti di combinazioni. L’aggiornamento ha portato anche nuove funzionalità di classe e abilità, oltre a diverse migliorie alle razze esistenti, con un occhio attento nel mantenere tutto a un livello bilanciato. Alcune razze hanno speciali abilità strettamente correlate alla rispettiva storia: per esempio, la nuova abilità Tunneling è legata alle razze Dwarf e Shin’hare. Ma, grazie alla libertà offerta dal gioco, gli utenti possono trovare un modo per aggiungere queste carte nei loro deck umani, ad esempio.

Parliamo dell’aspetto social del gioco. Sin dalla closed Beta, HEX possiede un sistema inbox per le comunicazioni, ma non è chiaro come gli utenti potranno utilizzarlo al meglio.

Gli utenti fanno già un grande uso della inbox. Commerciano carte, le mandano ai loro amici, richiedono oggetti da giocatori. Questo è il primo passo per portare un Trading Card Game digitale ad un’esperienza quanto più reale possibile. Gli utenti sono in chat tutto il tempo supportandosi a vicenda e, sebbene siano costantemente in competizione, si sta formalizzando una comunità molto solida. Con il sistema inbox abbiamo semplicemente aggiunto una modalità alternativa per farli stare in contatto. Proporremo più funzionalità ed aggiornamenti al sistema esistente, potenziando ulteriormente i sistemi di comunicazione a supporto della nostra utenza.

HEX al momento non supporta la chat vocale. Avete previsto questa funzionalità nella versione finale?

Non abbiamo ancora preso una decisione in merito.

Come funzionano i tornei in HEX?

In questa public Beta ci sono molti tornei disponibili, i quali richiedono una quota d’ingresso bassa o la presentazione di pacchetti booster. Attualmente, da 8 a 128 giocatori possono affrontarsi in 3 differenti modalità di gioco, ed alla fine del torneo c’è un premio per ciascuno di essi. Così come avviene nei TCG tradizionali, abbiamo diversi tornei ai quali ci si può iscrivere: nella loro creazione, siamo rimasti il più vicino possibile alla tradizione del genere. Nei tornei Constructed, i giocatori usano i propri deck per partecipare ai duelli. È l’unico torneo in cui si può preparare al meglio. Nei tornei Draft, tutti i partecipanti lanciano 3 pacchetti booster nella sala, ed ogni partecipante prende le carte, a turno, dalla collezione che si è creata. Infine, nella modalità Sealed ciascun giocatore prende un pacchetto booster casuale da cui crea il deck per gareggiare nei duelli.

Considerando che l’accesso ai tornei richiede i Platinum, ovvero la moneta del gioco acquistabile solamente tramite soldi veri, avete intenzione di creare tornei gratuiti in cui gli utenti possano vincere Platinum?

HEX è un Trading Card Game puro e, come in qualsiasi altro gioco del genere, gli utenti possono acquistare carte. Al momento ci sono diverse strade per ottenere Platinum, come vendere le proprie carte all’asta o vendere un pacchetto booster vinto ad un torneo. Tuttavia, stiamo monitorando costantemente i tornei per offrire agli utenti la miglior esperienza possibile, ma va considerato che la nostra comunità è composta principalmente da giocatori che amano collezionare carte, da cui ottengono tutti i brividi del caso. Nessuno perde partecipando ai tornei, in quanto tutti i giocatori ottengono qualcosa per la quota d’iscrizione che hanno pagato all’ingresso. Ovviamente, il premio è in base al piazzamento nel torneo, ma nessuno butta via realmente i propri soldi.

Come in qualsiasi altro gioco in cui sono presenti micro-transizioni con soldi reali, c’è sempre il rischio che si finisca a un “Pay2Win”. Come state pensando di aggirare questo problema?

Il nostro obiettivo principale è di creare la miglior esperienza di gioco possibile per tutti gli utenti che vogliono semplicemente divertirsi con HEX in duelli gratuiti (classici o dell’imminente Frost Ring Arena in PvE) o per coloro i quali vogliano provare il brivido di partecipare ai tornei. Si possono ottenere carte e pacchetti booster giocando la parte introduttiva di HEX, creando un primo deck. Il bilanciamento delle carte è uno degli aspetti su cui stiamo focalizzando il nostro lavoro, ed una volta raggiunto questo scopo non ci saranno deck composti da carte che potranno battere istantaneamente qualsiasi altro giocatore. Come in tanti altri TCG, affrontarsi deck contro deck è un po’ come giocare a carta, sasso, forbici, eccetto per chi è in grado, con esperienza ed abilità, di capovolgere a proprio vantaggio le sorti del duello.

Anche se di genere differente, la modalità FIFA Ultimate Team degli ultimi capitoli della serie FIFA, offre ai videogiocatori ricompense gratuite giornaliere collegandosi semplicemente alla web app del gioco. Avete in mente un’iniziativa di questo tipo, come magari un pacchetto booster, per premiare gli utenti che seguono HEX ed aggirare il problema del “Play2Win”?

A lungo termine stiamo valutando differenti opzioni. Nel breve termine, temiamo che un’iniziativa simile non combaci perfettamente con l’idea che abbiamo di HEX.

Parlando di web app, avete intenzione di fornire agli utenti la possibilità di gestire le aste ed effettuare transazioni al di fuori del gioco?

Anche in questo caso abbiamo in mente qualcosa, ma non possiamo parlarne adesso.

È stata pianificata una versione mobile del gioco, per permettere agli utenti di portare con sè il proprio deck virtuale e giocare ovunque?

Al momento il nostro obiettivo principale è lo sviluppo su PC e MAC. Per il futuro, ci sono diverse piattaforme in cui potremmo portare HEX, ma adesso stiamo concentrando tutte le nostre energie nel migliorare il framework corrente.

Alcuni lettori di Cyberludus mi hanno chiesto se avete in mente di produrre deck reali, permettendo ad HEX di rompere le barriere videoludiche. Ci avete pensato?

Attualmente, la parte divertente nel creare e giocare ad HEX è proprio la componente digitale. Abbiamo molte opzioni che, semplicemente, non funzionano con carte reali, come ad esempio il socketing (potenziamento/modifica di una carta – ndr) e il double back (informazioni e statistiche della carta – ndr). Dato che molti componenti del nostro team hanno lavorato alla creazione di giochi di carte fisici, abbiamo sentito la necessità di andare oltre certi limiti con HEX. Dunque, per adesso non abbiamo intenzione di produrre deck reali.

Articolo precedenteLa revision che non ti aspetti
Prossimo articoloNintendo: gli amiibo sono un successo
Avatar
Studente di Informatica Magistrale (Università di Bari "A.Moro").\r\nMi divido tra studio, Juventus e tecnologia tra mille passioni.\r\nL'obiettivo più vicino è la laurea, poi si vedrà.