New Super Luigi U – Recensione

Essere il fratello gemello di un VIP non è mai bello perché resterai sempre agli occhi degli altri un perdente. Verrai sempre additato come “quell’altro”, “l’ombra di” oppure, nel peggiore degli scenari possibili, neanche ricordato. Ecco, probabilmente Nintendo doveva pensarla così quando ha deciso di proclamare l’anno in corso di Luigi con un escamotage per dar maggiore risalto alla sua figura. Non si spiegherebbero altrimenti Luigi’s Mansion 2, Mario & Luigi: Dream Team Bros. e New Super Luigi U.

La rivincita del verd(e)

New Super Luigi U è un DLC per New Super Mario Bros. U (vale pertanto quasi tutto ciò che avete già letto nella recensione del gioco originale) con una brusca virata allo speed-run ed una difficoltà che non si intravedeva dai tempi di Super Mario Bros 2: The Lost Levels per intenderci. Ogni asset grafico o sonoro, ogni meccanica di gameplay in New Super Luigi U rinasce da una costola di Mario, sebbene del fratello più amato e famoso non vi sia alcuna traccia. La mappa del mondo è la stessa, le zone a tema “mangereccio” sono le medesime e l’incipit narrativo… beh, quello non è mai cambiato!

Ciascun livello incomincia con un timer di 100 secondi (non a caso la musica di sottofondo sarà sempre la versione “velocizzata” dell’originale, proprio come accadeva in New Super Mario quando ci si attardava) e per raggiungere l’agognata bandierina / traguardo sarà necessario padroneggiare con maestria le abilità peculiari di Luigi. Perché l’essere fratelli gemelli non presuppone le medesime caratteristiche: il salto di Luigi traccia parabole più alte rispetto a quello di Mario e permette anche di colmare distante più lunghe in virtù della capacità di galleggiamento dell’idraulico verde-blu. I livelli sono stati accorciati e ridisegnati (sotto l’ottica del gameplay) proprio in virtù di tali meccaniche poiché concepiti evidentemente per un’unica utenza: i veterani marieschi duri e puri. E nessun altro.

Il pesante fardello di chiamarsi Luigi

New Super Luigi U è un DLC brutale. L’assenza di checkpoint intermedi (presenti invece in New Super Mario Bros. U) nei livelli è indicativo dell’impegno richiesto costantemente dal gioco, che vanno quindi affrontati tutto d’un fiato. Alcune aree danno per scontato una conoscenza “da guru mariesco” delle tecniche avanzate della serie New Super Mario Bros., come esempio tenere premuto il pulsante di salto subito dopo essere atterrati su un singolo avversario per sfruttarne la spinta (leggasi: salto più in alto), effettuare doppi salti o congelare col Fiore di Ghiaccio i nemici per crearsi dei punti sicuri di atterraggio temporanei.

Una piccola svista, unostupido errore e dovrete ricominciare il livello da capo. Eppure non è la frustrazione il difetto maggiore del prodotto, bensì l’assenza di quella visione creativa che ha da sempre contraddistinto ogni capitolo di Nintendo. La necessità di dover far fuori in 100 stramaledetti secondi un singolo livello lo trasforma da parco giochi per famiglie ad un autentico percorso ad ostacoli olimpionico, con buona pace della pressione instillata nell’esplorare e scovare ogni Moneta Stella o zona nascosta.

Meglio soli che male accompagnati

New Super Luigi U è un DLC pensato soprattutto per un giocatore, che mal si adatta alle partite di gruppo. Certo, è presente la modalità multiplayer sino a quattro (cinque con l’assistenza del GamePad per creare nuove piattaforme) ma l’esperienza ludica diviene ora accomodante, ora eccessivamente caotica. Il sostituto di Mario, Ruboniglio, si rivela poi un personaggio troppo “sgravo”, spezzando l’equilibrio del gioco. Runoniglio è infatti invulnerabile al contatto di nemici e spuntoni (sebbene possa morire cadendo in burroni, gole e simili) oltre ad essere in grado di convertire tutti i bonus e power-up raccolti in vite extra. Capita spesso quindi che giocando insieme ad amici i giocatori ai comandi degli altri personaggi perdano le proprie vite perché seguivano imperterriti e senza rendersene conto lo stesso percorso di quello diversamente abile ai comandi del Ruboniglio commettendo il fatale errore.

Conclusioni

New Super Luigi U è un contenuto aggiuntivo che sicuramente giocheranno tutti coloro che già possiedono ed hanno terminato l’avventura originale di Mario ma sicuramente non il contrario (ricordiamo infatti che il titolo è disponibile sia come DLC digitale scaricabile dall’eShop di Nintendo che come gioco indipendente commercializzato in formato retail per un breve periodo). Eppure Luigi (e Nintendo) avrebbero dovuto saperlo: in presenza di quel che possiede più valore e importanza, quel che ne tiene meno perde la propria rilevanza.

CI PIACE

– È un platform per i guru marieschi amanti degli speed-run\n- 82 nuovi livelli dalle belle trovate di game design incentrati sulle abilità peculiari di Luigi…

NON CI PIACE

– …ma che riciclano pesantemente gli asset grafici e sonori del gioco originale\n- Sconsigliato a chi si appresta al franchise per la prima volta a causa dell’elevata difficoltà manifestata sin dai primissimi livelli\n- Utilizzare il Ruboniglio in multiplayer equivale a barare

Conclusioni

New Super Luigi U non riesce purtroppo ad eguagliare la magnificenza del fratello ludico maggiore. Divertente, impegnativo ed imperdibile se siete già in possesso del gioco originale, a tutti gli altri consigliamo caldamente di cercare la loro principessa in un altro castello… pardon, videogioco.

8Cyberludus.com
Articolo precedenteAnnunciato e mostrato Strider!
Prossimo articoloHalo: Spartan Assault Disponibile ora in tutto il mondo per i dispositivi Windows 8
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.