Stealth Bastard Deluxe – Recensione

Tactical Espionage Arsehole

Nella sterminata giungla di videogame indie che entrano a far parte della schiera dei titoli presenti sulla piattaforma Steam di Valve si possono trovare dei titoli che attirano immediatamente l’attenzione dei giocatori di vecchia data. Stealth Bastard Deluxe non è altro che un platform bidimensionale che raccoglie alcune caratteristiche tipiche degli stealth game sin dal gioco di parole presente nel titolo e soprattutto nel sottotitolo ? Tactical Espionage Arsehole ? che rappresenta un’evidente parodia e tributo a Metal Gears Solid (il cui sottotitolo era Tactical Espionage Action) di Hideo Kojima. Se da un lato, il titolo può rievocare piacevoli ricordi ai fan di Sam Fisher e il sottotitolo può far sorridere i fan di Snake, dall’altro deve bonariamente far riflettere il giocatore sul ruolo impegnativo che gli è stato assegnato.
Gli sviluppatori di Curve Studios hanno, infatti, giocato sul termine "bastard" nel tentativo di "ingannare" il giocatore circa la possibilità di poter vestire i panni del protagonista assoluto del videogioco. Impressioni che sono molto lontane dalla realtà. I protagonisti di questo raffinato e originale gioco d’infiltrazione, sono proprio i livelli creati dagli sviluppatori, in uno scenario in cui il giocatore assume il ruolo di "vittima" designata.

L’illusione di vestire i panni del cattivo

Stealth Bastard Deluxe, come abbiamo detto, è innanzitutto un platform bidimensionale che appartiene alla moderna scuola indie con controlli precisi, una grafica accattivante dallo stile retrò, un riavvio istantaneo della partita e una serie infinita di game-over che ricordano tanto i giochi arcade degli anni ’80 e ?90. Il termine "deluxe" serve a differenziare il gioco dalla sua versione freeware rilasciata nel corso del 2011. Curve Studios, il team che ha sviluppato Explodemon e Fluidity (WiiWare), propone adesso sulla piattaforma Steam una versione riveduta, corretta ed estesa del gioco freeware originale (Stealth Bastard) che conteneva soltanto 28 livelli di gioco. L’anonimo protagonista di Stealth Bastard Deluxe è un clone, il prodotto in serie di una lunga schiera di individui progettati allo scopo di diventare delle macchine perfette, rapide, veloci ed efficienti per portare a termine i loschi compiti che gli verranno assegnati.
Il protagonista del gioco, le cui sembianze assomigliano a una versione tozza e bidimensionale di Sam Fisher, svegliatosi dal suo crio-sonno si trova immediatamente alle prese con una serie di sfide che servono a testarne le capacità psicomotorie. Intelligenza, rapidità di movimento e di pensiero sono le caratteristiche che il giocatore deve possedere, sviluppare e mettere in mostra nel corso dei numerosissimi livelli che compongono il gioco e in cui ogni errore risulterà fatalmente mortale.

Non si finisce mai di morire?ehm?di imparare

I diversi livelli di gioco, che si susseguono con una difficoltà crescente, sono costituiti da una serie di macchinari, laser, telecamere di sicurezza, terminali che devono essere hackerati e trappole trita-carne, che ricordano titoli del calibro di Super Meat Boy, che hanno l’unico obiettivo di eliminare gli eventuali intrusi.
In ogni livello lo scopo del giocatore è quello di eludere le telecamere di sicurezza, schivando le trappole mortali nascoste, attivando o disattivando i diversi congegni nel tentativo di aprirsi un passaggio verso l’uscita restando costantemente nascosti. La presenza dei checkpoint è molto utile e permette di diminuire la frustrazione dovuta ai numerosi game-over. I livelli sono costituiti da angoli bui e zone luminose, da cunicoli e passaggi angusti ai quali si alternano alcune zone di semioscurità come, ad esempio, una telecamera che passa sopra un blocco crea una zona d’ombra con la quale ci si può spostare furtivamente e cogliere il momento buono per sfuggire allo sguardo delle telecamere e dei laser.
Il visore posto sul casco s’illumina alternandosi in tre colori che indicano l’esposizione del personaggio al pericolo: verde quando si è completamente immersi nell’oscurità e al di fuori di ogni pericolo, giallo quando ci si trova parzialmente visibili, ed infine rosso quando si è completamente visibili ed esposti ad ogni tipo di tortura.
Nel corso del gioco è possibile sbloccare alcune tute extra ognuna delle quali possiede delle capacità specifiche che amplificano le abilità dell’anonimo protagonista, rendendo talvolta più semplice la risoluzione di un determinato livello.
Identificarsi nel personaggio e lottare per la sua causa può considerarsi il naturale corso degli eventi di ogni videogioco (o perlomeno l’obiettivo di chi lo sviluppa) L’identificazione con il personaggio di Stealth Bastard Deluxe è rafforzata dagli slogan e dalle esclamazioni presenti nei livelli, con la quale sembra che gli sviluppatori vogliano prendersi gioco del giocatore soprattutto nei momenti di maggiore complessità, incoraggiandolo poco prima di un passaggio mortale o insultandolo nei momenti più frustranti.
Infine, se i livelli messi a disposizione dagli sviluppatori non bastassero, in Stealth Bastard Deluxe è stato inserito un semplice editor di livelli con il quale è possibile personalizzare e creare il proprio livello di gioco da zero e metterlo successivamente a disposizione della comunità di giocatori. Attualmente si contano migliaia di livelli impegnativi e divertenti da poter scaricare e provare.

Generazione 16-bit

La grafica di Stealth Bastard Deluxe, come accennato in precedenza, si rifà allo stile dei classici arcade, risultando piuttosto gradevole e dai toni che ricordano vagamente Shadow Complex di Epic Games. La colonna sonora accompagna piacevolmente il giocatore nel corso di ogni livello e contribuisce ad allentare la tensione e la frustrazione dovute alla complessità degli stessi. Il design dei livelli, infatti, è stato ben bilanciato con una struttura nella quale si alternano e s’intersecano enigmi da risolvere, gesti quali saltare, correre e aggrapparsi e astuzia nel saper gestire gli elementi di disturbo come telecamere e laser che nella maggior parte dei casi risultano mortali al loro primo incontro.

Game Over

Stealth Bastard Deluxe è un ottimo platform bidimensionale che sfrutta al meglio la sua indole stealth. Il meccanismo trial-and-error con la quale è concepito riesce ad integrarsi al meglio con la complessità del level design, alleviando la frustrazione generata dalla crescente difficoltà di gioco. La presenza di numerosi livelli di gioco, complice un editor e una community online molto attiva, porta la longevità del titolo ad altissimi livelli. Il titolo di Curve Studios ha portato a termine un altro compito. Missione Compiuta!

CI PIACE

– Divertente e ricco di livelli\n- una longevità infinita grazie all’editor

NON CI PIACE

– curva d’apprendimento elevata

Conclusioni

Stealth Bastard Deluxe è un ottimo platform bidimensionale che sfrutta al meglio la sua indole stealth. Il meccanismo trial-and-error con la quale è concepito riesce ad integrarsi al meglio con la complessità del level design, alleviando la frustrazione generata dalla crescente difficoltà di gioco. La presenza di numerosi livelli di gioco, complice un editor e una community online molto attiva, porta la longevità del titolo ad altissimi livelli. Il titolo di Curve Studios ha portato a termine un altro compito.

8Cyberludus.com
Articolo precedenteGod of War: Ascension – Hands-on
Prossimo articoloNerd Herd: Seguire per le uscite – 1-15 Marzo 2013
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.