Il contagioso virus Biohazard

Tempo di festeggiamenti per Capcom , soprattutto in questo periodo che coincide con il quindicesimo anniversario della serie Resident Evil . Era il 1996 quando il primo capitolo della serie horror più famosa di tutti i tempo sbarcò per la prima volta su console. Di acqua sotto i ponti ne è passata e la serie ha vissuto anni di successo, novità, cambiamenti e continue evoluzioni. Nei prossimi mesi debutteranno Resident Evil Mercenaries e Resident Evil Revelations su 3DS, Resident Evil Survival Selection su console next gen e Resident Evil 5 e Damnation al cinema. Non siete ancora soddisfatti? Allora sappiate che l’appuntamento più importante è fissato per questo inverno: il colosso nipponico ha infatti confermato per quella data l’approdo nei negozi di Resident Evil: Operation Raccoon City , nuovo capitolo della serie Biohazard per Pc, Ps3 e Xbox360. Non stiamo parlando del seguito delle vicende principali della serie, ma di uno spin-off che ci riporterà indietro nel tempo tra personaggi vecchi e nuovi e novità assolutamente inedite quanto sconcertanti, ideate e create da Slant Six Games , team famosissimo per la serie Socom.

Siete pronti a rivivere la storia da un’altra angolazione? Sgombrate la paura e impugnate il fucile: si ritorna dove tutto ebbe inizio.

Leon Kennedy deve morire

Operation Raccoon City si colloca cronologicamente tra Resident Evil 2 e Resident Evil 3 Nemesis: il letale T-Virus è ormai sfuggito in maniera irreversibile al controllo degli scienziati, trasformando il centro di Raccoon City in un inferno vivente, dove zombie, cani mutanti e armi batteriologiche fameliche biascicano per le strade della città senza lasciare scampo ai superstiti. Adesso scordatevi per un attimo di Leon S. Kennedy, Claire Redfied e tutti i personaggi buoni che abbiamo per anni impersonato, sostenuto e in cui abbiamo creduto livello dopo livello. Che direste se vi dicessimo che questa volta i cattivi siamo noi? Ecco la prima novità di questo controverso capitolo della serie: ricopriremo i panni dei membri della Umbrella Corporation, inviati in città per sterminare i mostri che brancolano nel buio ma anche e soprattutto mettere a tacere la verità sulle responsabilità della multinazionale freddando i pochi superstiti. Avete capito bene: sarete chiamati a uccidere i vostri beniamini del passato, cambiando di conseguenza il corso degli eventi futuri come in un vero e proprio paradosso temporale! Questo cambio di rotta narrativo non significa però che il plot originale verrà snaturato a tal punto da mancare di rispetto a due capitoli che hanno fatto storia, nella serie e nel mondo videoludico in generale. Ne è prova il fatto che il team ha rigiocato meticolosamente il secondo e il terzo capitolo della saga, allo scopo di avere fresche e chiare tutte le vicende e tutti i passaggi più importanti per creare una sceneggiatura perfettamente amalgamata con il passato. I video in CG rilasciati da Capcom mostrano una familiare quanto sorprendentemente oscura Raccoon City, in cui fanno il loro ingresso i quattro protagonisti della Umbrella Security:

Vector, Bertha, Beltway e Spectre. I soldati sono armati fino ai denti e dotati di dispositivi bellici di ogni sorta (tra i quali una tuta che rende invisibili, molto simile a quella celebre vista in MGS2).

Tra sparatorie, mosse strategiche in mezzo a orde di zombie e comparse del Tyrant, debutta anche il nostro Leon, che viene sgozzato senza pietà da uno dei nostri. Un breve ma intenso momento che racchiude tutte le novità in serbo per noi.

Il male diventa gioco di squadra

Che la serie sarebbe diventata bene presto un puro concentrato di azione non è certo una novità: le inquadrature cinematografiche e le poche munizioni nella magione hanno lasciato il posto a fucili e mitra con Resident Evil 4 e le sale da pranzo e le soffitte polverose sono state trasformate in zone vaste e illuminate dal sole grazie al quinto capitolo. Operation Raccoon City aggiunge a tutto questo la predilezione per la modalità cooperativa, lievemente assaporata nel precedente capitolo: il gioco, anche se potrà essere giocato in modalità single player, è stato appositamente pensato per l’online e quindi per il multiplayer. Niente passeggiate solitarie o fughe estreme verso l’uscita. Il male siamo noi: e questo male concede il lusso di avere munizioni e armi in grande quantità, la possibilità di curarsi in maniera velocissima e la protezione di altri tre compagni di squadra. Si suppone che potremo impartire ordini alla squadra e comunicare con i membri attraverso il microfono. Quel che è certo riguarda il sistema di coperture, attraverso il quale potremo ripararci durante le sparatorie. Intrigante la possibilità di usare i corpi degli zombie come scudo mentre si spara. Su carta si è visto poco e nulla, tranne una città molto più vasta di quella che abbiamo percorso tanti anni fa e decisamente più tenebrosa: scelte appositamente volute dal team per creare un’atmosfera più matura e soprattutto cruda e spietata. Aspettatevi sangue a fiumi e scene di violenza inaudita.

Quello che più ci preoccupa è il sistema di controllo, che rimane ancora un mistero dato che il titolo è stato annunciato da pochissimo. Ci auguriamo movimenti e controlli adatti ad ogni situazione e un’ottima intelligenza artificiale, oltre che un lavoro meticoloso su entrambe le modalità e non solo per quella online. Per il resto non ci resta che attendere novità da parte di Capcom e confidare in un titolo degno della fama che si porta dietro le spalle, seppur protagonista di cambiamenti radicali.

Conclusioni

Si mettano l’anima in pace i puristi della serie e gli amanti dei survival horror: Resident Evil è ormai a tutti gli effetti un gioco d’azione e Operation Raccoon City non fa che accentuarne la formula, trasformandosi in uno shooter in terza persona in cui le sessioni online faranno da bandiera. Accettata la realtà si può solo pregare per una storia fedele al passato che tanto amiamo e ricordiamo con affetto (e che magari tappi i buchi temporali che lasciammo sul nostro cammino tanti anni fa) e per un gameplay immediato e vario, con un occhio di riguardo per la gestione della squadra, che a quanto pare sarà la nostra forza per uscire vivi da questo nuovo (e vecchio) orrore.

Se proprio dobbiamo riscrivere la storia attraverso i cattivi lo vogliamo fare come si deve. Capcom ha spesso cambiato strada, senza tuttavia sbagliare: ci auguriamo avvenga la stessa cosa fine anno.

Articolo precedenteNintendo distribuirà in Europa Solatorobo: Red the Hunter
Prossimo articoloGame Dev Story: aggiornato con GameCenter
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.