Mario … chi non conosce Mario? Il paffuto idraulico salterellante è uno dei massimi esponenti del videogame, un’icona del passato e la più famosa mascotte di Nintendo . Protagonista di oltre 30 anni di videogames, Mario non smette mai di piacere e sorprendere tanto che, puntualmente, i titoli in cui compare sono spesso di successo. Però ciò che spesso molti non sanno è come tutto iniziò, dove nacque l’accoppiata dei fratelli Mario e come fece a divenire famosa e farsi affibbiare quel “Super” che oggi la contraddistingue. Molte volte capita che, quando si va ad investigare sul capostipite di una certa serie, si fanno scoperte davvero inaspettate: sì perché, “Mario Bros.” , è tutt’altro gioco rispetto ai grandi capolavori che hanno fatto guadagnare fama mondiale al brand! Non che sia una ciofeca, anzi, però sicuramente non è quel gioco che tutti si aspettano…

Quello che non ti aspetti…

“Mario Bros.” (letteralmente, i “Fratelli Mario”) uscì nel lontano 1983, ideato da un allora semisconosciuto Miyamoto (‘semi’ in quanto era già stato autore del leggendario “Donkey Kong” ma di null’altro dopo di questo), e nacque come uno spin-off proprio del sopracitato “Donkey Kong”! A pensarlo oggi sembra un paradosso, ma ai tempi fu così: il celebre gorilla Nintendo fece comparsa nei cabinati due anni prima di “Mario Bros.”, ma protagonista del titolo era un inedito Mario, chiamato Jumpman , in qualità di carpentiere e non di idraulico. Miyamoto decise di riutilizzare il personaggio di Jumpman-Mario, consacrandolo come idraulico, in un’avventura tutta per sé a fianco del fratello Luigi: ne uscì “Mario Bros.”. Da qui poi prese lo spunto per ideare “Super Mario Bros.” , titolo famosissimo che oggi tutti conosciamo, ma è davvero sorprendente farsi un tuffo nel passato e vedere com’è nata una delle serie in assoluto più famose dei giochi di ieri e di oggi.

L’idraulico non è mestiere per tutti

Impersonando l’idraulico Mario, il nostro obiettivo sarà liberare lo scantinato infestato da diversi animali ; per fare ciò, dovremo stordirli e calciarli via. Il titolo si presenta come un classico platform arcade 2D dei tempi e ne ricalca tutte le peculiarità: azione che si svolge su diversi piani verticali, moltissimi livelli ed un’ottima distribuzione della difficoltà. Potremo far correre e saltare il nostro personaggio, e colpendo con la testa i vari piani a noi soprastanti creeremo una piccola onda d’urto che stordirà l’animale presente nei paraggi e ci consentirà di calciarlo fuori dall’area di gioco. I livelli mantengono sempre la stessa forma, variando semplicemente le tonalità cromatiche, mentre a cambiare saranno, man mano, i nemici: sempre più veloci ed ardui da colpire, verranno affiancati anche da mostri che complicheranno il nostro “lavoro”. Il gioco è potenzialmente infinito, i livelli e le combinazioni di mostri variano fino al venticinquesimo , da qui iniziano a ripetersi secondo criteri casuali; la vera sfida sta quindi, come per un vero arcade che si rispetti, nel totalizzare più punti possibile prima di perdere tutte le vite. Malgrado la modalità singola offra di per sé una buona dosa d’intrattenimento, non vi è paragone però rispetto al divertimento offerto dal multiplayer: infatti, come già abbiamo potuto elogiare per esempio in “Bubble Bobble” , la modalità cooperativa a due giocatori è la miglior via per poter apprezzare il titolo.

Un successo mai surclassato

“Mario Bros.” fu il capostipite ufficiale della serie, pertanto vanta di numerosi porting ed omaggi in svariati titoli dell’immenso franchise Super Mario. Nintendo fece un grave sgarro nei nostri confronti: il gioco non arrivò mai nei cabinati europei; ciò comportò un “boom in ritardo” dell’idraulico nel nostro territorio ma di certo non frenò il divagarsi della Mario-mania anche da noi. Malgrado ciò, soprattutto in territorio nipponico, il successo del titolo fu marcato e Nintendo ne ripropose presto una versione anche in cartuccia per Famicom. Successivamente, fu fatto un port del titolo anche su Commodore 64 che marcò il successo globale dell’idraulico italiano. “Mario Bros.” apparve poi come minigame di quel capolavoro che fu “Super Mario Bros. 3” , mentre approdò in seguito come remake nei vari titoli della collana “Super Mario Advance” e “Mario & Luigi Superstar” . Le principali innovazioni presenti in tali remake furono, oltre ad una grafica rivista, i controlli migliorati ed accanto alla possibilità di correre fu introdotta quella di camminare. Infine, il successo del titolo è consacrato dalla sua apparizione sulla Virtual Console Nintendo che dà la possibilità a tutti coloro che ancora non l’hanno giocato di scaricarselo sulle console Nintendo odierne.

Well done, Mario!

E’ proprio vero che i grandi titoli non smettono mai d’essere amati: ai tempi “Mario Bros.” fu uno dei platoform arcade 2D più giocati, senza contare che grazie a questo titolo si è poi sviluppato il brand che è oggi Mario è diventato. Il concept del titolo è alquanto semplice, ma una buona calibrazione della difficoltà ed una cooperativa 2 giocatori divertentissima lo rendono tutt’oggi un arcade apprezzabilissimo. Se non ci avete mai avete giocato e siete degli appassionati di Mario e Nintendo, il nostro consiglio è di fiondarvi sulla Virtual Console e di iniziare a spenderci le giornate in compagnia !

CI PIACE

_ Un classico intramontabile
\n_ Molto divertente in 2
\n_ Longevità infinita

NON CI PIACE

_ A volte arduo
\n_ Solo 3 vite per partita

8.5Cyberludus.com
Articolo precedenteResident Evil 4 e Code Veronica presto in HD
Prossimo articoloMindjack (3)
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.