Prologo:

Il lontano passato

Il prologo funge perlopiù come un tutorial, in cui apprenderete le varie meccaniche di combattimento. Seguite le istruzioni a schermo e uccidete tutte le Ombre nella stanza; dopo una breve cutscene, compariranno altre Ombre pronte per essere combattute. Verrete però costretti a soccombere, e dopo un’altra cutscene vi ritroverete all’esterno, pronti a familiarizzare con il sistema di magie. Verrete attaccati da una quantità demenziale di Ombre; questo scenario è un’ottima occasione per vincere i trofei dedicati alle combo. Passerete di livello molto in fretta e acquisirete tutta una serie di abilità magiche da impiegare contro i vostri nemici. Divertitevi! Quando avrete finito apparirà un’Ombra gigante: ecco il primo Boss del gioco.

Boss!

Il primo consiglio è di eliminare subito le Ombre più deboli perchè non interferiscano con il combatimento serio. E’ preferibile, nell’attaccare il Boss, tenersi a debita distanza, visto che i suoi attacchi da lontano, a differenza di quelli ravvicinati, sono molto semplici da schivare. In questa battaglia le vostre magie saranno limitate a Dark Blast e Dark Spear; potrete usare Dark Blast per diminuire gli HP dell’Ombra, per poi finirla con un paio di Dark Spear caricate al massimo. Quando l’avrete indebolita a sufficienza, la vedrete accasciarsi, e un quandrante comparire sopra il suo punto debole; è qui che dovrete ataccare, e infliggere abbastanza danni prima che la lancetta sul quadrante compia un giro completo, pena il ripristino degli hp nemici e il proseguio dello scontro.

Il Villaggio:

Il Villaggio

Il tutorial è finito: potete dedicarvi all’avventura vera e propria. Il nesso tra gli eventi del prologo e quelli narrati ora diverrà chiaro, non abbiate timore. Quando avrete finito di chiaccherare con Yonah, scendete le scale; esaminate i punti luminosi sul muro per recuperare un po’ di soldi e oggetti utili. Uscite quindi dalla casa e dirigetevi verso la fontana, dove vedrete seduta una donna in rosso. Si chiama Devola; dopo questa breve conversazione dirigetevi verso nord, al palazzo sulla scogliera. Qui dovrete parlare con la gemella di Devola, Popola, che si trova in una stanza al secondo piano (la sua posizione è comunque segnata con una X sulla vostra minimappa). La donna vi consegnerà 1000 pezzi d’oro e vi darà istruzioni sul ritrovamento di carne per il gestore del negozio; vi chiederà infine di portarle tre erbe medicinali. Uscendo dal palazzo incontrerete Yonah: parlatele e andatevene. Vedrete una cut-scene riguardante lo scenario post-apocalittico in cui ci troviamo.

Le pianure settentrionali

Per prima cosa dedichiamoci alla ricerca della carne: dovremo uccidere alcune pecore, avvicinarci ai loro cadaveri ed esaminarli. Mutton è l’oggetto che stiamo cercando. Non dimenticate durante questa ricerca di tener d’occhio il terreno, in cerca di punti luminosi: questi potranno essere esaminati per recuperare erbe medicinali e altri oggetti preziosi. Quando avrete raccattato tutto ciò che vi serve (tre Mutton e tre erbe medicinali) tornate pure al villaggio: verrete attaccati da un gruppo di Ombre piuttosto deboli, di cui dovrete ovviamente disporre.

Il Villaggio

Dirigetevi al mercato (dopo l’arcata di pietra) e parlate al gestore del negozio d’oggetti. Quando gli avrete consegnato la carne, potrete parlargli per comprare delle erbe medicinali, se non ne avete già recuperate nelle pianure settentrionali; tornate a questo punto da Popola, parlatele e tornate a casa vostra. Qui parlate con Yonah per far progredire la storia al giorno successivo.

Parlate di nuovo con Yonah, quindi tornate alla libreria per una bella chiaccherata con Popola, che vi rispedirà nelle pianure settentrionali a caccia di Ombre.

Le pianure settentrionali

Ed eccovi di nuovo sulle pianure. Questa è l’ultima volta che potrete visitarle senza il timore (e il fastidio) di essere attaccati dalle Ombre, quindi se volete fare incetta di erbe e carne dateci dentro. Quando arriverete nei pressi del ponte, compariranno delle Ombre imponenti: ucciderle è comunque molto semplice, e quando le avrete fatte fuori tutte Nier ve ne avvertità. Potrete così tornare alla libreria del villaggio a vantarvi con Popola.

Il villaggio

Parlate, appunto, con Popola, quindi tornatevene a casa. Salite le scale fino alla stanza di Yonah ed esaminate il suo letto vuoto; tornate quindi alla libreria. Discutete con Popola del mistero, e quando avrete realizzato l’accaduto potrete farvi strada fino al Santuario Perduto (Lost Shrine). Dirigetevi innanzitutto verso il Cancello orientale (Eastern Gate): vedrete in terra un dettaglio importante, da esaminare per confermare i vostri sospetti. Potete uscire dal villaggio.

Il Santuario perduto

La strada orientale

La strada orientale è un’area piccina, ma è abbastanza fitta di agnelli e punti luminosi, che la rendono ideale per l’accumulo di oggetti per le varie quest. Per arrivare al santuario, comunque, dovrete prendere il sentiero di sinistra; quello di destra vi porta al deserto, ma non potete ancora accedere a quest’area, quindi non preoccupatevene per ora. Riempitevi le tasche di oggetti e raggiungete il sentiero a sinistra.

Sentiero per il Santuario Perduto

Procedete diritti attraverso la valle: c’è stata una frana, quindi dovrete prendere la strada lunga. In quest’area non ci sono nè Ombre nè zone da setacciare, quindi procedete a cuor leggero verso la zona successiva; raggiungete il ponte e prendete la porta per il Santuario.

Il Santuario Perduto

Il pianterreno è bello largo, ma non perdete tempo nell’esplorarlo, visto che non contiene nulla di utile. Prendete invece le scale, e recuperate la Lost Shrine Map dalla cassa sul pianerottolo; giunti sul secondo piano, scoprirete che le scale sono crollate. Dovrete trovare un’altra via per salire!

Dirigetevi verso l’esterno del tempio. Dovreste vedere una porta chiusa e una aperta: passate da quella aperta e seguite la strada fino a trovare la Bronze Key. Tornate sui vostri passi, aprite la porta chiusa e preparatevi a combattere: in ognuna delle stanze successive incontrerete delle Ombre, e solo sconfiggendole potrete passare alla stanza successiva. Al termine degli scontri giungerete ad una scaletta. Salitela, e aprite la cassa sul pianerottolo per trovare una nuova arma, Nirvana Dagger. Salite ancora la scaletta: dal secondo pianerottolo raggiungerete il terzo piano della struttura. Anche qui dovrete dirigervi verso l’esterno e superare una serie di stanze gremite di avversari; non tralasciate nessuna cassa sul vostro percorso, visto che contengono utilissime erbe curative. Alla fine del percorso vedrete un largo portone: attraversatelo.

E adesso, una piccola sezione platform per testare i vostri riflessi: saltate da un appiglio all’altro per raggiungere la cima del santuario. Da qui prendete il percorso a destra, attraversate le rovine e raggiungerete un grosso blocco blu. Afferraelo e spostatelo in avanti, attraverso il muro rotto; quindi spostatelo a destra, e infine di nuovo innanzi a voi. Spingetelo oltre la luce, e quando sarà di nuovo all’ombra (anche solo in parte) spingetelo contro il muro con la scaletta rotta. Da sopra il blocco, potrete raggiungere la scaletta con un agile doppio salto.

Continuate ad esplorare le rovine e vedrete una coppia di scalette che scendono verso l’inevitabile boss; ricordatevi di salvare, scendete e raggiungete la barriera alla fine della stanza. Potete ignorare le varie Ombre che compariranno; dovrete invece attaccare il libro nel cerchio rosso, finchè non avrà inizio la relativa cut-scene.

Ora dovrete affrontare un gran numero di Ombre, mentre il Grimorio Weiss vi illuminerà con le sue perle di saggezza; al termine dei suoi sproloqui vi proporrà un’alleanza, che suggellerete esaminando il libro. Continuate a combattere, e alla fine otterrete il primo Sealed Verse e la magia Dark Blast. Due statue prenderanno inoltre vita, con la scomoda intenzione di uccidervi.

BOSS!

Mantenete le distanze dalle statue e bombardatele di Dark Blast. Evitate l’attacco caricato in favore di più attacchi semplici: avete bisogno di una buona mobilità per evitare le cariche di questi nemici. Quando una delle due statue verrà circondata da uno scudo d’energia, ignoratela e concentrate i vostri attacchi su quella scoperta. Quando avrete danneggiato a sufficienza una delle due statue, vedrete il già noto quadrante comparire sul suo punto debole: giustiziate il boss, ricevendo un altro Sealed Verse e la magia Dark Lance, da impiegare senza pietà sulla statua rimanente. Una volta sconfitta, raggiungete Yonah: assisterete ad una serie di scene d’intermezzo.

Il Nido

Il villaggio

Vi ritroverete nel villaggio. Parlate con Yonah, e lasciate casa vostra per una gradevole chiaccherata con Weiss; se ne avete ansia, potete a questo punto dedicarvi alle prime missioni secondarie del gioco. Ma ciò che dovete fare per mandare avanti la storia principale è dirigervi alla libreria per parlare con Popola; la donna vi dirà di dirigervi verso un nuovo villaggio, chiamato il Nido, e parlare con il capovillaggio. Uscite dalla biblioteca, e lasciate il villaggio dal cancello settentrionale.

Le pianure settentrionali

Il sentiero verso il Nido parte dall’angolo a sud-ovest delle pianure. Noterete che, ormai, questo luogo pullula di Ombre: siete liberi di combatterle o meno per ricevere le relative ricompense. L’entrata al Nido è piuttosto insolita: ricorda decisamente l’ingresso di una miniera.

Il Nido

Dall’ingresso, dirigetevi verso la casupola a destra per un brevissimo dialogo con Weiss. Continuate quindi lungo il tunnel per raggiungere il villaggio vero e proprio. Scendete dal ponte verso la piattaforma circolare; un gran numero di Ombre comparirà dal nulla per attaccarvi: pare che il Nido sia sotto attaccco! Uccidete le Ombre e proseguite su questa strada fino a raggiungere una scaletta. Salitela, quindi superate il ponte ale vostre spalle per raggiungere l’altro lato del canyon.

Vedrete un’altra casupola sulla destra: è questa la casa del capovillaggio, vostra destinazione. Superate il ponte, evitate le varie Ombre che compariranno, e prendete la scaletta sulla vostra destra; raggiungete la porta della capanna per parlare col capovillaggio. Dopo questa illuminante conversazione potrete prendere la via del ritorno; ricordatevi di salvare all’apposita cassetta postale, e quando raggiungerete l’uscita esaminate la capanna e i fiori al suo interno. Facendo ciò incontrerete un nuovo personaggio, Kaine, e darete vita ad una nuova battaglia.

BOSS!

Kaine è assai veloce, e ha dalla sua alcuni attacchi molto pericolosi. Ha anche una spiccata resistenza agli attacchi magici, quindi vi toccherà ingaggiarla in corpo a corpo. Quando l’avrete indebolita un po’, inizierà a scatenare potenti attacchi magici: concentratevi sull’evitarli, cercate di portarvi alle sue terga e colpite senza pietà. Non appena gli HP avversari saranno scesi intorno al 25%, comparirà un’Ombra gigantesca che interromperà il duello.

BOSS!

Scopriremo, in questo modo, che Kaine non è così cattiva: vi aiuterà a sconfiggere l’Ombra. Ombra che comunque non rappresenta una grande minaccia: sono giusto due gli attacchi da cui guardarsi, un’onda d’urto generata colpendo il terreno (da evitare con un balzo lesto) e un attacco a distanza, che può essere parato, schivato o annullato mediante Dark Blast. E’ consigliabile tenere le distanze dalla bestia e indebolirla a suon di Dark Blast; al solito, il quadrante della morte apparirà sul suo punto debole, e voi dovrete infierire senza rimorso; fatto ciò l’Ombra batterà in ritirata, vomitando una discreta quantità di ombre sferiche sul terreno (non molto pericolose). Continuate a bombardare di magie il boss, finchè un secondo quadrante non comparirà sulla sua gamba: colpendo il punto debole costringerete l’Ombra a scendere dal suo rifugio. Il nemico sarà adesso parecchio adirato: l’attacco a distanza arriverà molto più lontano, e le onde d’urto generate dai colpi per terra saranno molteplici, quindi abbiate riflessi pronti. Picchiate la bestia fino a vedere comparire il famigerato quadrante sulla sua testa, e infliggetele il colpo di grazia.

Assisterete ad una cut-scene con Kaine, dopo la quale potrete lasciare il Nido.

Seafront

Il villaggio

Tornate a casa vostra e parlate con Yonah. Scoprirete che non si sente granchè bene. Fate visita alla libreria e chiaccherate con Popola: vi parlerà di un pesce speciale che può essere impiegato nella produzione di un potente antidolorifico, e vi indirizzerà verso Seafront. Per raggiungerla, lasciate il villaggio passando dal cancello meridionale, al termine del mercato. Dal mercato potrete tra l’altro innescare una serie di missioni secondarie che prevedono la visita di Seafront: potrete in quest’occasione cogliere i proverbiali due piccioni con una fava.

Le pianure meridionali

E’ possibile che un’Ombra imponente, delle dimensioni di un boss, faccia la sua comparsa in questa prima zona delle pianure meridionali. Nel caso, evitatela come la peste, visto che vi riempirebbe di mazzate senza alcuna difficoltà. Se proprio vorrete ingaggiarla in combattimento, consigliamo l’utilizzo della magia Dark Hand. Portatevi alla terga del nemico ed impiegate la magia sopracitata a non finire: il processo sarà certo noioso e ripetitivo, ma al momento non avete altre opzioni, visto che altrimenti il mostro in questione vi ucciderebbe con un singolo attacco.

Al di là di questo “boss” opzionale, vedrete una guardia attaccata da un manipolo di Ombre: uccidetele, parlate con la guardia e riceverete una spada a una mano, Moonrise.

Come al solito, esplorate la zona raccogliendo quanto necessario dai punti d’interesse e sterminate la fauna locale. Da questa potrete recuperare Venison e Antler; dalla parte opposta delle pianure vedrete un sentiero che conduce alla classica magione inquietante. Se siete a corto di cash, questa location è una manna dal cielo. Troverete un ragno gigante che striscia davanti alla magione; colpitelo con la magia Dark Hand, e poi disponetene con magie o attacchi fisici. Dal suo cadavere potrete recuperare oggetti di grande valore.

Entrate dunque nell’edificio e raggiungete il cortile. Vedrete tutto in bianco e nero: non affannatevi a sistemare il vostro televisore, è un effetto previsto dal software! Comunque, troverete nel cortile altri tre ragni giganti, da ammazzare bellamente nelle modalità descritte poco sopra; saccheggiate le spoglie delle bestie e pregustate il vostro gruzzolo.

Lasciate la magione e dirigetevi a sud, verso la città portuale di Seafront.

Seafront

In questa città, purtroppo, non vedrete icone sulla vostra minimappa, quindi divrete capire da soli cosa fare e dove andare. Parteciperete ad uno spassoso dialogo con Weiss; ma l’uomo con cui parlare è il vecchio pescatore. Questi si trova sulla banchina dietro al pescivendolo, a fissare fieramente l’oceano. Parlategli, e riceverete una canna da pesca e un’esca. La pesca: un originale diversivo per un RPG.

Ed ecco che il pescatore vi insegna la nobile arte della caccia marina. Dopo aver ascoltato i suoi saggi insegnamenti dirigetevi verso la spiaggia più spaziosa di Seafront (‘stavolta segnata sulla vostra minimappa con una bella X) e buttate la lenza. Se riuscite a prendere qualcosa, bene; se fallirete per un tot di volte di fila, vedrete una cut-scene che vorrebbe essere divertente ma non lo è, e riceverete in automatico l’agognato pescione.

Tornate a passo sicuro in città; sarete approcciati da una donna anziana, discorrendo con la quale darete vita ad una serie di sidequest volte a svelare il “mistero” di Seafront. Fate visita dapprima all’ufficio postale della città, dove un impiegato vi consegnerà una lettera per l’anziana e una per Popola; tornate dunque alla spiaggia, dove non troverete più la vecchia. Prendete il sentiero tra gli scogli, verso il faro: qui troverete la vecchia, consegnatele la lettera e lasciate Seafront dall’uscita a nord.

Le pianure settentrionali

Come prima, non c’è molto da fare qui. Se vi va potete fare un’altra visitina omicida ai ragni giganti per riempire il vostro portafogli. Dovete comunque tornare al villaggio.

Il villaggio

Fiondatevi in casa vostra e somministrate a Yonah la medicina di pesce. Pare che funzioni a meraviglia. La mattina seguente, andate da Popola, in libreria; vi dirà di tornare al Nido, ma vi imporrà un upgrade delle armi prima di proseguire. Dovrete dapprima dirigervi alla taverna (vi si accede dal mercato) e parlare con Devola, per poi uscire dal cancello settentrionale del villaggio alla volta della Discarica.

La Discarica

Le pianure settentrionali

Dirigetevi all’are a nord ovest delle pianure. Scendete dalla scogliera: vedrete un’impalcatura piena di scale, che dovrete prontamente salire. Se siete a corto di erbe mediche, ne troverete svariate tra i piani dell’impalcatura. Quando arriverete in cima, dirigetevi a nord verso il recinto, e superatelo per entrare nella Discarica. C’è una casupola avvolta dai tubi sulla vostra sinistra: entrateci e parlate con i due fratelli, che acconsentiranno alla messa a punto delle vostre armi, a patto che riusciate a portargli tre pezzi di titanio.

La discarica

Per ora avrete accesso solo al primo piano di questo immondo mucchio di spazza. Titanium è un oggetto raro, recuperabile solo dai robot con la luce rossa sulla testa. Potreste dover uscire e rientrare in quest’ambientazione un paio di volte per trovare ciò di cui abbisognate, a seconda della vostra fortuna; il piano terra è abbastanza lineare, ad eccezione di un blocco blu da spostare in fondo al corridoio per raggiungere il bordo soprastante. Comunque, quando sarete riusciti a recuperare i famigerati pezzi di titanio potrete tornare da Gideon e ricevere l’upgrade della vistra arma; fatto ciò, il fabbro vi rispedirà nella Discarica in cerca di sua madre.

Questa volta avrete accesso agli ascensori. Il secondo ascensore vi porterà dritti al secondo piano, dove non troverete un bel nulla -se non qualche robot utile alla raccolta di materiali. L’ascensore di cui avete bisogno, comunque, è quello appena prima del blocco blu. Scendete fino al primo piano interrato e sconfiggete tutti i robot che vi si pareranno innanzi, fino ad arrivare in una stanza in cui una torretta sbuca dal terreno. Disponetene, e vedrete le porte aprirsi; ma il passaggio resta bloccato da rottami non identificati! Esaminate il buco da cui la torretta faceva capolino e troverete una bomba, da impiegare prontamente per far piazza pulita dei rottami.

Superate dunque l’ostacolo e arriverete ad un carrello per minatori. Saltate su! Farete esperienza di una semplice sessione sparatutto su binari (usate Dark Blast per disporre dei nemici che sciamano verso di voi). Potete spostarvi avanti o indietro per aumentare o diminuire la velocità del carrello; cercate di eliminare tutti gli avversari, visto che questa sezione vi premia con parecchia esperienza.

Scesi dal carrello, proseguite verso la stanza dove i robot vi tenderanno un’imboscata. Distruggeteli tutti ed eliminate ambo le torrette. Vi troverete ora innanzi a due porte bloccate dalle macerie e separate da un abisso; liberate le porte dagli ostacoli raccattando bombe dai buchi delle torrette, e dunque doppio-saltate dalla prima porta alla seconda.

Salvate la partita alla cassetta delle lettere e aprite le scatole per recuperare qualche erba medicinale. Salite sulla grossa piattaforma circolare per innescare una cruenta boss battle.

BOSS!

Questo robot gigante ha testa e mani enormi. Non potrete danneggiarlo per un bel pezzo, quindi stringete i denti e resistete ai suoi attacchi. Dalle mani del boss usciranno dei laser molto lenti. Evitate l’attacco e aspettate pazientemente che una delle mani si stacchi dalla testa per fluttuare sopra la vostra testa: proietterà su di voi la sua ombra, e voi vi terrete sul suo bordo esterno (quello del palmo) per schivare prontamente lo schiaffone che sta per arrivare. A questo punto, giratevi e contrattaccate severamente con l’incantesimo Dark Hand, fino a quando la mano non verrà ritratta; l’altra mano si comporterà nello stesso modo, e voi applicherete la tattica finchè ambo non saranno in frantumi. Ha inizio la seconda parte della battaglia!

La testa batterà in ritirata, indirizzando verso di voi ondate su ondate di robot assassini; sfasciateli, così come le torrette che sbucheranno dai bordi della piattaforma, e preparatevi alla fase finale dello scontro.

Il boss sparerà dagli occhi una barriera di missili, che voi dovrete evitare; quando tutti i missili saranno esplosi, il mostro vi attaccherà con un potente laser che esce dalla sua bocca. Ciò che dovrete fare è recuperare una bomba dai fori delle torrette e lanciarla nel cavo orale del robot, evitando possibilmente di venire investiti dal laser; ripetete l’operazione fino alla dipartita del boss, che vi premierà con il sealed verse Dark Gluttony.

Superate ora il ponte e la porta per assistere ad una breve cut-scene. Esaminate il cadavere a terra, e vi ritroverete nel negozio dei due fratelli; parlate con Gideon (la risposta che sceglierete non ha alcuna influenza sul gameplay), e uscite dal negozio per un’altra scena d’intermezzo. Potete tornare nelle pianure settentrionali e procedere con l’avventura.

Il Nido (ritorno)

Le pianure settentrionali

Appena scenderete dal ponte verrete attaccati da un nutrito gruppo di Ombre. In effetti è l’intera pianura ad essere brulicante di Ombre! Fatevi strada tra uno scontro e l’altro verso il Nido, dove dovrete affrontare degli avversari molto agguerriti.

Il Nido

Correte nella radura ed aiutate Kaine a disporre delle piccole Ombre nell’area. Quando saranno morte entrate nel tunnel e fate di nuovo scempio delle Ombre che vi attaccheranno; giunti al villaggio, salite sulla grossa piattaforma per innescare una cut-scene e una boss battle davvero niente male.

BOSS!

La strategia sarà la stessa di quando avete affrontato questo bestione per la prima volta. Attaccate le zampe, e state attendi alle onde d’urto. Quando il quadrante apparirà sulla zampa del mostro, infierite per dare vita ad una scena d’intermezzo non meno che epica.

Attraversate il ponte verso l’altra sponda del canyon e scendete dalla scaletta a sinistra. Spostatevi a destra della piattaforma, uccidendo tutte le ombre che vi disturberanno, e quindi arrampicatevi su per un’altra scaletta. Attraversate il ponte fino alla seconda grossa piattaforma per dare inizio alla seconda parte della battaglia.

Questa volta, dovrete concentrare i vostri attacchi sulla coda del nemico. Sparate Dark Blast e Dark Lance a volontà, finchè anche sulla coda del mostro comparirà il famigerato quadrante; vi lancerà delle sfere traslucide fondamentalmente innocue, e quando avrete inflitto danni a sufficienza alla coda innescherete una nuova cut-scene. Attraversate il ponte fino alla rete di piattaforme contro la parete del canyon.

Questa sezione ricorda un po’ un platform in 2d. Dovrete spostarvi da destra a sinistra e distruggere tutte le sfere; quando avrete finito vedrete un’altra scena d’intermezzo, e potrete continuare a spostarvi verso sinistra fino all’ultima piattaforma.

Questa volta dovrete attaccare le gambe della creatura. State Attenti all’attacco con la doppia onda d’urto, e infierite sul punto debole segnalato dal quadrante; dopo un’ennesima cut-scene, il boss sarà veramente arrabbiato. Cercate di infliggergli più danni nel minor tempo possibile, visto che i suoi attacchi saranno dolorosissimi. Sarà anche in grado di proteggersi con una barriera magica. Usate le vostre magie più aggressive fino all’agognato quadrante che comparirà sulla testa della bestia. Quando lo ucciderete, innescherete una nuova scena d’intermezzo.

Ma non abbiamo ancora finito. Attraversate il ponte e tornate indietro fino alla prima piattaforma, dove troverete Kaine. Esaminandola farete partire l’ultima cut-scene, al termine della quale riceverete il sealed verse Dark Phantasm; Kaine si unirà a voi. Uscite dal Nido e tornate sulle pianure settentrionali. Prossima fermata: la città desertica di Facade.

Facade

Le pianure settentrionali

La strada per Facade è lunga. Intanto dovrete tornare al villaggio; appena prima del rientro vedrete una breve scena con Kaine.

Il villaggio

L’area intorno a facade può risultare ben tosta, e questo è un buon momento per risolvere qualche sidequest, guadagnare denaro e livellare un po’. Se non avete ancora comperato la Beastbane dal negozio di armi, è il momento di farlo; quando sarete pronti uscite dal villaggio dal cancello orientale.

La strada orientale

Questa volta dovrete prendere la strada a destra, in direzione del deserto. C’è un fiume proprio di fianco al bivio in cui si può pescare, e la strada è ricca di punti d’interesse. Arraffate tutto ciò che potete, poi dirigetevi verso il deserto.

Il deserto

L’entrata a Facade si trova davanti a voi, ma le dune pullulano di nemici. Sarete attaccati da lupi, cui dovrete fare attenzione-sono più aggressivi di qualunque ombra abbiate incrociato finora. Quando ne avrete uccisi a sufficienza vedrete comparire un lupo d’ombra in lontananza, e le fiere rimanenti se la daranno a gambe. Ora sarete al sicuro fino al cancello di Facade, ma dovrete ancora fare attenzione agli scorpioni nascosti sotto la sabbia. Vi accorgerete della loro presenza dalle nuvolette di sabbia che solleva il loro strisciare. Quando arriverete in prossimità dei cancelli, comunque, innescherete una cut-scene, al termine della quale vi ritroverete dentro la città.

Facade

La città sembra all’inizio un tantino labirintica, ma vi accorgerete ben presto della sua semplice topografia. Dovete arrivare al palazzo reale, e per fare ciò vi consigliamo di seguire il perimetro dell’insediamento; potrete parlare con la gente del posto se vorrete, ma non aspettatevi utili ricompense. Arrivate alla porta del palazzo, esaminatela e tornatevene indietro al punto di partenza; giunti qui, vedrete una bimba mascherata che si porta dietro un cesto di frutta. Inciampa, cade e rovescia il cibo per terra; raccogliete tutto e parlatele. Si presenterà come Fyra e si offrirà di farvi da cicerone per Facade: accettate e seguitela, facendo attenzione a non bloccarle il passaggio. Alla fine del tour Fyra salirà le scale verso il palazzo. Parlate con lei e poi con il consigliere; dopo il dialogo tornate al cancello di Facade. Fyra si fermera quando raggiungerà Kaine; parlatele per assistere ad una cut-scene; dunque andate verso il cancello, esaminate la porta e parlate ancora con Fyra. Prossima tappa: Barren Temple. Lasciate Facade.

Il deserto

Fyra vi seguirà nel deserto, offrendosi come guida attraverso la tempesta di sabbia. Seguitela e parlatele; trotterellerà allegramente verso l’occhio del ciclone, e voi dovrete starle alle terga senza sgarrare. Eliminate i lupi che vi attaccheranno e arriverete all’entrata del templio in men che non si dica. Parlate con Fyra un’ultima volta, dunque entrate.

Barren Temple

Barren Temple

Barren Temple consiste in una serie di stanze, ognuna delle quali vi impegnerà con una sfida diversa. Appena entrati, scendete ed entrate nella porta sulla destra per dare inizio alla prima sfida.

La prima sfida

Caratteristica della sfida in questione è l’impossibilità di saltare. Vi troverete davanti a un laberinto piuttosto elementare. Ci sono alcuni blocchi blu e diversi cannoni-cubo: dovrete spostare i blocchi blu in modo da impedire il fuoco dei cannoni. Da notare che un solo blocco blu può bloccare due cannoni vicini tra loro. Fatevi strada fino al blocco lucente in fondo al percorso e distruggetelo per finire questa prima prova.

Tornate nella hall e prendete la porta per la seconda prova.

La seconda sfida

Nella seconda prova vi sarà impedito di restare fermi: se passerete anche un solo secondo senza muovervi dovrete ricominciare la sfida. Correte e saltate verso il cubo luminoso più in fretta che potete; distruggetelo, superate una breve sezione in 2d e prendete la porta della terza sfida.

La terza sfida

Questa volta non potrete usare la magia. Ci sono tre modi per superare questo livello: potete parare il fuoco dei cannoni e farvi largo fino alla fine del percorso, saltare sopra i cannoni oppure continuare ad attaccare per spostarvi in avanti, parando alla fine di ogni combo. Scegliete il modo preferito, raggiungete il cubo luminoso e fatelo a pezzi.

La quarta sfida

Niente parate, invece, per la quarta sfida. Anche qui dovrete spostare i blocchi per impedire il fuoco dei cannoni. Nessun problema: cominciate utilizzando i blocchi sulla destra, per finire con quelli sulla sinistra. Oppure saltate sui cannoni a sinistra appena inizia la prova e correte fino al cubo luminoso. A voi.

La quinta sfida

La fantasia scarseggia: anche questa volta è proibito l’utilizzo della magia. Vi basterà comunque saltare sopra uno dei cannoni-cubo e saltare da qui fino alla fine del livello.

La sesta prova

‘Stavolta niente attacchi corpo a corpo. Dovrete semplicemente usare la magia per distruggere tutti i cubi luminosi.

La settima prova

Finalmente un po’ d’azione! Vi toccherà sconfiggere un manipolo di Ombre. Ricordate che non potete schivare. Una volta uccisi tutti i nemici potrete proseguire.

Uscite dalla stanza e prendete lo stretto corridoio sulla sinistra. Superate il ponte ed entrate nel portone; salvate alla cassetta delle lettere e scendete le scale.

BOSS!

Questo boss è piuttosto strano. La prima parte vi vedrà contro una serie di cerchi di cubi rotanti, messi l’uno sopra l’altro. Attaccate i cubi che diventano rosa; quando li avrete rotti tutti potrete passare alla seconda fase dello scontro.

Inizialmente dovrete solo evitare gli attacchi del boss. Vedrete poco dopo una scena con Kaine, ma il boss continuerà ad attaccare voi. Quando i suoi “pugni” colpiranno il terreno, i cubi passeranno dal blu al rosa, e potrete distruggerli; quando i quattro cubi sulla mano del boss saranno rotti, l’intero braccio cadrà a terra. Raccomandiamo l’impiego della magia Dark Hand, che può distruggere i quattro cubi contemporaneamente. Quando ambo le braccia saranno cadute, il boss si trasformerà in una serie di quadrati concentrici rotanti. Curioso. Anche in questo caso dovrete attaccare i cubi rosa; usate la magia Dark Lance e avrete la meglio senza difficoltà, e alla fine della cut-scene vi ritroverete a Facade.

Facade

Parlate col principe di Facade e vi darà Rebirth, una spada a una mano. Parlategli ancora per ricevere informazioni sul Black Scrawl. Quando ve ne andrete il principe vorrà di nuovo parlarvi; otterrete così la magia Dark Wall. A questo punto dovrete riattraversare il deserto e tornare al villaggio.

Prima di lasciare Facade, potrete parlare al consigliere reale fuori dal palazzo. Vi darà il permesso di usare i pozzi nel deserto, accorciando drasticamente il viaggio.

Il deserto

Questa volta incrocerete molti più nemici, quindi fate attenzione. Puntate comunque alla strada orientale.

La strada orientale

Ricordate, come al solito, di uccidere tutti gli animaletti e scandagliare i punti d’interesse. In quest’area troverete molti materiali rari, come pepite di ferro, argento e oro. Raccattato tutto? Tornate al villaggio.

La Foresta del Mito

Il villaggio

Infilatevi in casa vostra. Salite le scale e parlate con Yonah, e ditele che starete lì per la notte. Durante il sonno farete un sogno molto strano; al risveglio parlate ancora con Yonah, quindi lasciate la casa e andate in libreria, dove Popola vi parlerà della Foresta del Mito. Lasciate il villaggio passando dal cancello a nord. Abbiamo quasi finito la prima metà del gioco, quindi se volete risolvere qualche ultima sidequest è il momento di farlo.

La pianura settentrionale

L’entrata per la foresta del mito è nell’angolo a nord ovest della pianura. La camminata è lunga, quindi armatevi di pazienza.

La foresta del mito

Ci sono solo tre persone nella foresta. La prima che vedrete è il sindaco: parlateci per entrare nel suo sogno. Consigliamo di affrontare questa parte quando avrete parecchia voglia di leggere…

Il sogno del sindaco

Leggete il testo. Alla fine vi verranno posti tre quesiti. Sono particolarmente semplici, ma ecco le risposte: la prima risposta da dare è “the answer is…a secret.”; la seconda è “sunlight”, e la terza “a man”. Uscirete dunque dal sogno del sindaco, che vi premierà con il Sealed Verse Dark Execution. Rivolgetevi ora al prossimo personaggio, per salvarlo dal suo stesso sogno.

Il sogno della donna

Concentratevi ancora una volta sulla lettura del testo. Quando vi toccherà scappare dal castello allagato, spostatevi a nord-est quando sarà possibile. Non impiegate troppo tempo o dovrete rifare tutto daccapo. Quando riuscirete ad uscire passate al sogno del terzo individuo.

Il sogno dell’uomo

Leggetevi la storia; alla fine della stessa vi verrà posto un nuovo quesito. La risposta da dare è “the real one is Beta”. Fine del sogno dell’uomo.

La foresta del mito

Tornate dal sindaco e parlateci. Vi omaggerà con Faith, una katana molto molto affilata. E con questo potete lasciare la foresta del mito e i suoi abitanti dormiglioni.

Le pianure settentrionali

Ottimo momento per potenziare le vostre armi, questo: le Ombre che vi troverete davanti sono molto più aggressive. Fate un salto alla Discarica o, se vi sentite già abbastanza pericolosi, tornatevene dritti al villaggio.

La casa stregata

Il villaggio

Recatevi in libreria. Salite le scale e parlate con Popola di ciò che è successo alla foresta del mito, poi tornate a casa e parlate con Yonah. Vi chiederà di aiutare un suo amico nella casa sulla strada per Seafront. Lasciate il villaggio dal cancello a sud.

La pianura settentrionale

Il viaggio fino alla casa è veloce e indolore. Tenete presente che una volta entrati non potrete più completare nessuna delle subquest ancora in corso! Quando sarete soddisfatti dei vostri progressi parlate con Sebastian, fuori dalla porta, ed entrate nella villa.

La casa stregata

Inquietante, eh? Seguite Sebastian fino alla sala da pranzo: vi lascerà da soli, chiedendovi di aspettarlo lì. Ignoratelo, ed uscite dalla porta di fianco al caminetto. Vi troverete in una hall con molti dipinti; l’unica stanza cui potrete accedere da qui è una piccola cucina. Quando Weiss vi dirà di tornare nella sala da pranzo, fatelo.

Noterete con malcelato disappunto che Kaine è scomparsa. Tornate nella hall dei dipinti, e prendete la porta per il cortile; attraversatelo e rientrate in casa dall’altra parte, quindi attraversate la hall fino ad arrivare in un bagno. Nel lavandino troverete la Moon Key.

Tornate nella hall dalla cucina e usate la Moon Key per aprire la porta. Attraversate la hall, ma attenti al ragno alla fine. Quando ne avrete disposto, aprite la porta per vedere una cut-scene con Emil, il pianista; parlategi per ricevere la Manor Map e la Star Key. Tornate da dove siete venuti e utilizzate la Star Key per aprire l’ultima porta.

Esplorate tutte le stanze di questa ala della magione: in una troverete la Light Key, da usare tosto per aprire la stanza in fondo. Qui troverete Sebastian, con cui dovrete parlare per innescare una cut-scene; riceverete infine la Darkness Key, ed Emil si unirà a voi. Tornate nella hall dalla cucina e usate la darkness Key sulla relativa porta.

Giungerete in un atrio angusto, dove dovrete uccidere alcune ombre e aprire una cassa per ottenere Blade of Treachery, una spada a una mano. Salvate la partita alla casella postale, e preparatevi alla scontro con il boss che vi aspetta in libreria.

BOSS!

Questa battaglia è piuttosto lineare: dovete remplicemente randellare il nemico fino alla sconfitto. Da menzionare comunque la barriera di pagine che il boss può richiamare attorno a sè, da bruciare in tutta comodità con la magia favorita; quando l’avrete picchiato abbastanza, creerà intorno a sè uno scudo impenetrabile, e Kaine farà il suo ingresso a sorpresa per aiutarvi nella battaglia. Usando la magia potrete efettivamente spezzare le protezioni dell’avversario, e approfittarne per qualche attacco in corpo a corpo. Continuate con la procedura finchè non vedrete comparire il quadrante della morte, e anche questo mostro soccomberà.

Godetevi il dialogo con Weiss e preparatevi a tornare al villaggio

Il Villaggio (ritorno)

Il villaggio

Dopo aver parlato con Yonah, andate da Popola, in libreria. Vi commissionerà il recupero di muschio dal muro vicino al cancello a sud; recatevi sul posto, troverete il muschio sul terreno vicino al mulino ad acqua. Parlate con Emil, seguite l’intermezzo e vi ritroverete in libreria. Parlate con Popola e uscite all’aperto; tornate al mercato, e parlate con Devola. Aiutate i cittadini ad eliminare le Ombre; quando le avrete sconfitte tutte farà la sua comparsa un imponente boss.

BOSS!

Cercate di ignorare le Ombre piccole e concentratevi sul boss. Colpirà la terra con le sue braccia, e dovrete saltare le relative onde d’urto. Durante questi salti potrete portare i vostri attacchi alle braccia del mostro, ed è sempre sulle braccia che comparirà il primo quadrante su cui infierire.

Dopo la cut-scene, seguite il nemico. Correte lungo il muro e continuate ad attaccare il braccio del boss. Farete così comparire un nuovo quadrante: distruggetelo, e il boss salterà lontano da voi, verso il cancello nord. Scendete dal muro e seguitelo.

L’unica cosa che potrete fare ora è randellare il boss sui talloni. Anche qui vedrete comparire il quadrante di rito; distruttolo, potrete vedere una cut-scene. Il boss si sposterà ora verso la libreria. Inseguitelo attaccandolo ai piedi. Seguitelo mentre si arrampica sulla collina e uccidete il boss quando il quadrante farà capolino sulla sua testa. Entrate quindi nella libreria.

La libreria

Uccidete tutte le ombre per assistere a una cut-scene.

BOSS!

Il boss è tornato! In un certo senso. E’ coperto di quadranti, ma prendetevi pure il vostro tempo per distruggerli tutti. Alla fine vedrete comparire un ultimo quadrante sulla sua testa: distruggetelo per affrontare il boss successivo.

BOSS!

Ha inizio lo scontro col Grimoir Noir: la magagna è che non potete utilizzare nessuno dei vostri incantesimi! Noir vi invierà contro alcune Ombre. Disponetene con attacchi fisici per poi concentrarvi sul boss stesso.

Nella prima fase dello scontro dovrete picchiare il boss distruggendo tutti i quadranti che compariranno: ad ogni quadrante distrutto recupererete una delle vostre magie. Quando le avrete riacquisite tutte, Noir recupererà parte degli HP e innalzerà una barriera protettiva intorno a sè. Evitate il suo attacco caricato, e attaccatelo quando la protezione verrà meno. Ripetete la procedura fino a che il famigerato quadrante comparirà sopra al libro, e date il colpo di grazia.

Quando avrete finito vedrete una cut-scene e quindi sarete posti davanti a una scelta. Scegliete direttamente la prima opzione, salvate la partita e preparatevi per la seconda metà del gioco!

La Casa Stregata (ritorno)

Il villaggio

Quando sarà finita la cut-scene, dovrete uccidere tutte le Ombre. Provate pure tutte le vostre armi nuove, ma anticipiamo che è più comodo eliminare le Ombre in armatura con la spada a due mani o la magia.

Quando avrete ucciso tutte le Ombre, parlate con la donna; quindi andate in libreria e parlate con Popola. Vi darà una lettera di Emil. Uscite dal cancello sud e prendete la strada per la casa stregata.

Le pianure settentrionali

Noterete in questa visita che la quantità di Ombre è drasticamente aumentata, e quella di animali altrettanto diminuita. Parlate con Sebastian all’ingresso della magione. Vi porterà all’interno per parlare con Emil.

La casa stregata

Emil vi parlerà di una stanza segreta della magione. Dirigetevi nel cortile con quelle statue inquietanti; esaminate la fontana per scoprire un passaggio segreto. Assicuratevi di essere ben preparati per il combattimento. Quando vi sentirete pronti, prendete le scale per la struttura sotterranea.

La Struttura Sotterranea

Struttura sotterranea: primo piano interrato

Esaminate l’angolo della stanza, subito a sinistra della prima porta, per recuperare la AA Keycard. Usatela per superare la porta chiusa. Nell’atrio successivo, esaminate l’angolo dell’ultima stanza a destra e troverete la KA Keycard. Quindi esaminate l’oggetto a sinistra della porta chiusa per impossessarvi della mappa dell’area. Usate la KA keycard nella porta chiusa e proseguite.

Proseguite lungo il labirinto di scatoloni nella stanza successiva; troverete la SA Keycard nell’angolo a nord ovest della stanza. A nord della stanza vedrete una sala nascosta; da qui arriverete all’ala est. Esaminate l’oggetto al centro della stanza per trovare Fang of the Twins, una spada a due mani.

Uccidete tutte le Ombre nella stanza seguente, quindi scendete le scale. Prima di giungere al secondo piano interrato rinverrete un documento dei ricercatori. Ne troverete altri, e sarà bene leggerli!

Struttura sotterranea: secondo piano interrato

Dirigetevi all’angolo nord-est della stanza e troverete la TA Keycard. Superate la porta chiusa, e vi troverete dentro un esteso laberinto. Troverete la NA Keycard lungo il muro ovest, vicino alla porta da cui siete entrati. Quando avrete recuperato la chiave, limitatevi a spostarvi a est, verso la prossima stanza.

Rompete le casse nell’angolo sud-ovest per liberare il passaggio verso l’ultima stanza. Prendete la HA Keycard a sud-ovest, e superate la porta chiusa. Quando vi troverete nell’ultima area, raccogliete la MA Keycard dalla stanza più piccina e usatela per aprire la porta a sud-ovest. Uccidete l’Ombra nella stanza e prendete la YA Keycard. Quando farete per andarvene comparirà un’Ombra gigante: uccidetela, ed usate la chiave per aprire la porta chiusa nell’angolo nord-est. Scendete le scale per il terzo ed ultimo piano interrato.

Struttura sotterranea: terzo piano interrato

Entrate nella terza stanza a destra ed esaminate la porta chiusa dall’altro lato. Comparirà un’orda di Ombre, tutte da uccidere. A questo punto apparirà un’Ombra gigante: uccidetela, esaminate l’oggetto a sinistra dell’uscita per trovare la WA Keycard, che userete per superare la porta successiva. Salvate alla casella postale e preparatevi per l’immancabile boss.

Superate il ponte e assisterete a una cut-scene. Parlate a Emil e date il via alla battaglia.

BOSS!

Questo scontro non è troppo impegnativo. La vostra priorità sarà guardarvi dagli attacchi a distanza del nemico; quando si arrampicherà sul muro, bombardatelo di Dark Blast. Potete danneggiare l’avversario solo con attacchi magici, quindi evitate tranquillamente di ingaggiarlo in corpo a corpo. Quando gli avrete inferto abbastanza danni, lo vedrete cadere a terra: infierite, sempre con la magia. Alla fine inizierà a rotolare sulla schiena, e vedrete comparire l’agognato quadrante. Usate i vostri attacchi a distanza per distruggerlo. Quando ce la farete, vedrete una cut-scene; al suo termine, raggiungete la massa ombrosa per salvare Emil.

Il villaggio

Dopo aver parlato con Emil, vi ritroverete nella libreria del villaggio. Dopo un intermezzo con Kaine e Emil, vi sarà chiesto di uccidere un altro boss.

BOSS!

Questo boss è particolarmente semplice. Distruggete tutti i quadranti senza limite di tempo, e quindi quello a tempo che comparirà sulla sua testa. Rompete anche questo per eliminare definitivamente il mostro.

Dopo lo scontro vedrete una scena con Kaine, e dunque un dialogo con Devola e Popola, al termine del quale vi farete una bella dormita. Quando vi sveglierete, andate alla fontana a parlare con Devola, e tornate a parlare con la ragazza in libreria. Vi chiederà di setacciare il Santuario perduto, e vi darà la possibilità di viaggiare istantaneamente da una parte all’altra del mondo.

Il Santuario perduto (ritorno)

Il villaggio

Per raggiungere l’attracco della barca, salite le scale vicine alla fontana nel mercato, e superate il muro. Parlate con l’uomo di fianco alla barca per aprire il menu di viaggio, e selezionate la meta desiderata.

Il Santuario perduto: sentiero posteriore

Non troverete Ombre qu. Seguite solo il sentiero su per la collina e dentro le caverne, quindi superate il ponte per la base del santuario perduto. Superate le scalette e le piattaforme di legno all’esterno del templio. Vicino alla seconda scaletta vedrete una cassa, in cui troverete la lancia The Devil Queen.

Quando arriverete alla fine del percordo, vedrete l’entrata posteriore del Santuario perduto: una caverna. Quando sarete dentro, potreste incontrare delle difficoltà nel trovare la via d’uscita. Cercate un grosso blocco: dovrete saltarci sopra, e da qui raggiungere la strada che vi serve.

Il Santuario perduto

Da qui in poi, tutto ciò che vedrete dovrebbe esservi alquanto familiare. Fatevi strada fino alla cima del tempio, proprio come avete fatto l’ultima volta che siete passati di qui. Le uniche differenze saranno l’incontro di Ombre in armatura e qualche banale puzzle con blocchi da spostare. Questi enigmi sono davvero stupidi, e l’unico motivo per cui potrebbero mettervi in difficoltà è che non abbiate considerato la possibilità di saltarci sopra.

Quando avrete raggiunto la vetta fatevi strada attraverso le rovine, e raggiungete la porta per la stanza finale. Sarete vittime di un’imboscata decisamente innocua. Salvate alla casella postale ed entrate nell’ultima stanza.

BOSS!

Per la prima parte della battaglia vi converrà rimanere nella luce. L’idea è che tutte le Ombre minori finiranno incenerite prima di raggiungervi. Attaccate il boss con attacchi magici a distanza, e quando apparirà il quadrante…beh, sapete cosa dovete fare.

Nel secondo round dovrete stare attenti ad evitare tutti gli attacchi a distanza del boss, mentre contrattaccate a vostra volta con la magia con la massima intensità possibile. Tramortite il nemico e distruggete il quadrante; vedrete una cut-scene e inizierete l’ultimo round in cui dovrete semplicemente giustiziare il mostro distruggendo il quadrante sulla sua testa. Incontrerete direttamente un altro boss!

BOSS!

La prima parte della battaglia può rivelarsi difficile, dacchè il nemico è molto veloce. Dovrete evitare agilmente i suoi attacchi per potervi avvicinare. Quando sarete vicini, scatenate Dark Hand a volontà; quando avrete inflitto danni a sufficienza, cadrà dal muro.

Gli attacchi fisici sono inutili, quindi dedicatevi all’impiego della magia. Quando avrete vinto, raggiungete l’estremità della stanza, vicino a dove avete trovato Yonah l’ultima volta che siete passati di qui, ed esaminate il pavimento per trovare un misterioso pezzo di roccia. Dopo la cut-scene vi ritroverete nella libreria del villaggio.

Il villaggio

Parlate con Popola, e potrete andare dove vorrete. Sono comunque due i luoghi di maggior interesse: la Discarica e la Foresta del Mito. Da qui in poi, ometteremo le varie descrizioni dei viaggi per le varie destinazioni, perlopiù invariati dalla prima metà del gioco.

La Discarica (ritorno)

La Discarica

Entrate nella fucina e parlate con Gideon. Ascoltate la sua storia, dunque parlateci di nuovo: vi darà una spada a due mani, purtroppo non in condizioni ottimali all’utilizzo. Vi chiederà di portargli del materiale dalla discarica per rimetterla in sesto. Il materiale in questione può essere ottenuto solo sconfiggendo i robot più forti, che incontrerete nel secondo piano interrato della Discarica. Gideon vi darà pertanto la chiave per accedervi.

Entrate nella Discarica e prendete l’ascensore per il secondo piano interrato. Sconfiggete tutti gli avversari nella prima stanza, quindi usate una bomba (recuperatela dai fori delle torrette) per liberare il passaggio al corridoio a nord. Se volete farmare un po’ di oggetti potete uccidere i vari robot nelle prime due stanze; ma il materiale che vi serve verrà droppato solo dai nemici della terza hall.

Comunque, alla fine dell’atrio a nord troverete una stanza spezzata, piena di vapore, casse e robot. Superatela; se cadrete in uno dei condotti dovrete ricominciare daccapo il percorso.

Superata la stanza, sarete arrivati nella famigerata terza hall. Dirigetevi a ovest, verso la grossa stanza. Sarete attaccati da un gran numero di nemici; distruggeteli tutti e vedrete comparire un robot gigante. Sarà lui a droppare il materiale che state cercando! Fortunatamente non rappresenta una grande minaccia.

Quando avrete trovato la lega chiesta da Gideon, tornate all’ascensore e quindi al primo piano. Tornate da Gideon e dategli ciò che vi chiede; il fabbrò vi avviserà quando la spada sarà pronta, e voi potrete andarvene. Impiegate il tempo dell’attesa come preferite: visitate la Foresta del Mito, oppure parlate con Popola; in ogni caso, quando riceverete la lettera di Gideon, tornate alla Discarica.

Parlate con Gideo per ricevere la spada a due mani Iron Will. Il fabbro vi chiederà quindi di tornare nella discarica per uccidere una determinata Ombra. Tornate fino al secondo piano interrato. Sconfiggete i nemici nella prima stanza e raggiungete il carrello da minatori, per dare inizio ad una seconda sezione on rails-shooter. Ricordate che potete velocizzare o rallentare l’andatura spostandovi avanti e indietro. Quando arrivate alla fine dei binari, superate la hall a destra della stanza per passare alla seconda area.

Comparirà un robot gigante, uccidetelo ed eliminate tutti i robot minori. Prendete la destra, e quindi l’uscita nell’angolo nord-ovest della vostra mappa.

A destra troverete delle scale a chiocciola. Salitele, superate la hall e raggiungete l’ascensore, con cui salirete al primo piano. Salvate alla casella postale, e saltate nel buco nel pavimento per incontrare il boss di turno.

BOSS!

Il nemico somiglia parecchio agli altri robot giganti, ed è in effetti altrettanto semplice da sconfiggere. Continuate ad attaccare e innescherete una cut-scene in cui il robot accumula potenza. Se ne volerà fino al soffitto e vi lancerà dolorose macerie. Evitatele tenendo d’occhio le relative ombre.

Quando il boss inizierà a volarsene in giro, dovrete colpirlo quando si avvicinerà all’area in cui vi trovate con gli incantesimi Dark Blast e Dark Lance. Distruggerete infine le sue ali, vedendolo capitolare a terra; l’Ombra che ne era in possesso uscirà per attaccarvi.

In realtà, l’Ombra è assai debole. Attaccatela e si moltiplicherà in diverse Ombre, altrettanto innocue; quando le avrete uccise tutte si riuniranno. Uccidete anche quest’ultima Ombra, distruggete il quadrante e dite addio a quest’ennesimo boss.

Dopo la cut-scene, parlate con Gideon e otterrete la Law of Robotics Key.

Facade (ritorno)

Il villaggio

Quando tornerete al villaggio e parlerete con Popola, vi dirà di aver visto delle lettere nella vostra cassetta postale. Andate a controllare. Vi rinverrete un invito dal re di Facade, che vi invita al suo matrimonio. E’ l’ora, dunque, di tornare a Facade.

Facade

Andate dalla parte opposta della città ed entrate nel palazzo reale. Salite le scale per parlare con il re; il tempo scorrerà automaticamente durante la conversazione. Proseguite nella hall per parlare con Kaine, quindi salite le scale per incontrare Emil; uscite infine per un dialogo con il re. Chiaccherate infine con il consigliere reale, e innescherete uno scontro con un boss. I matrimoni vanno evitati come la peste!

BOSS!

Uccidete tutti i lupi, quindi concentrate i vostri attacchi sull’Ombra. Il boss è particolarmente resistente alla magia, quindi vi converrà puntare sugli attacchi fisici. Quando l’Ombra-lupo avrà perso metà dei suo HP abbandonerà lo scontro; seguite la cut-scene.

Tornate nel palazzo e parlate con il re; otterrete Overlord, una spada a una mano. Dopo la cut-scene vi ritroverete nell’antro del lupo, nel deserto.

L’antro del lupo

Appena entrerete, il boss salterà su una sporgenza fuori dalla vostra portata, e voi sarete assaliti da una marea di lupi. Uccideteli tutti, e il boss scenderà per vendicarli.

BOSS!

Come la scorsa volta, gli attacchi magici non funzionano un granchè, quindi dovrete attaccare il lupo in corpo a corpo, possibilmente con spade o lance. Al solito, quando il mostro sarà in punto di morte vedrete un quadrante comparire sulla sua figura: distruggetelo e il gioco sarà fatto.

Il deserto

Vedrete una cut-scene nel cimitero, ed otterrete la Loyal Cerberus Key. E proseguiamo!

Foresta del Mito (ritorno)

Foresta del Mito

Parlate al sindaco e vi parlerà di qualche anomalia riguardo all’Albero Divino. Andate sul retro del villaggio ed esaminate la base dell’albero per dare il la ad una nuova sezione di “avventura testuale”.

L’albero vi racconterà alcune storie, e vi porrà dei quesiti sulle storie stesse. Alla domanda “What was the color of lost envy?” dovrete rispondere “The color of the girl’s eyes from the first memory”, mentre a “I implore you: How many were lost by the warrior who fought the red-eyed beasts?” dovrete rispondere “Her daughter, and the number of the warrior’s companions, from the second memory”. Vi verrà posta una terza domanda: rispondete pure a casaccio e verrete premiati con la Memory Tree Key.

Il Nido (ritorno)

Il villaggio

Parlate con Popola in libreria e vi chiederà di visitare di nuovo il Nido, perchè qualcuno lì sembra avere le informazioni che cercate. Quando siete pronti tornate dunque al Nido.

Il Nido

Entrate nel villaggio, e dunque nella casa del capovillaggio. Esaminate la porta e parlate con lui: purtroppo non si rivelerà di grande aiuto. Andate sulla seconda piattaforma e parlate con la guardia a nord. Dopo il dialogo sarete attaccati da alcune Ombre: uccidetele e tornate verso l’uscita del villaggio.

Quando salirete sul ponte verso la prima piattaforma innescherete una cut-scene; uccidete tutte le Ombre e tornate sulla seconda piattaforma per difendere i civili inermi. Uccisa l’Ombra gigante, incontrerete il boss della situazione.

BOSS!

Evitate gli attacchi a distanza del boss. Quando il grande occhio si avvicina al bordo della piattaforma, scatenerà un violento attacco magico: ma è proprio ora che dovrete attaccare. Avvicinatevi e colpite l’iride con la vostra arma più potente.

Quando avrete inflitto danni a sufficienza, il boss si ritirerà per attaccarvi con una protuberanza simile a una coda. Usate la magia -Dark Lance, Dark Blast- sempre sull’iride; distruggete il solito quadrante e preparatevi al round successivo.

Non potete danneggiare il nemico ora come ora, quindi non provateci. Evitate il laser dell’occhio gigante mentre Weiss, Emil e Nier si parlano. Emil attirerà dunque gli attacchi del nemico, mentre voi vi porterete alle sue terga per colpirne il punto debole. Prendete il ponte più in alto, quello che porta alla casa del sindaco, e bombardate il boss di Dark Blast. Quando ne avrà abbastanza, il boss si ritirerà; seguitelo fino alla prima piattaforma.

Ancora, puntate all’iride, finchè non comparirà l’ultimo quadrante. La sconfitta del nemico vi premierà con la Sacrifice Key.

Shadowlord’s Castle

Il villaggio

Avete recuperato tutte le chiavi? Bene: tornate al villaggio e parlate con Popola, da sempre in libreria. Quindi prendete una barca per il Santuario perduto.

Il Santuario perduto

Uccidete le Ombre sul ponte e scalate la parete rocciosa. Dovrete scalare il tempio fino alla cima, nella stanza dove avete salvato Yonah chissà quante ore di gioco fa. Quando arriverete alla porta, salvate alla casella postale: è questo l’ultimo salvataggio del gioco.

Procedete all’interno ed esaminate l’altare in fondo alla stanza. Questo è il punto di non ritorno: se avete delle sidequest ancora in corso, armi da torvare o oggetti da recuperare, fatelo ora o mai più. Quando sarete pronti, procedete per lo Shadowlord’s Castle.

Shadowlord’s Castle

Procedete attraverso la hall e aprite la porta per ritrovarvi in un brillante cortile. Aprite le casse a sinistra della porta a nord per trovare una spada a due mani, Phoenix Sword. Parlate ai due uccelli nella fontana e rispondete alle loro domande prima ” Because of a black disease”, poi “By separating body from soul”, e infine “They are placed in their corresponding shells”. Potrete a questo punto prendere la porta alla fine del cortile.

BOSS!

Ecco il primo di una lunga serie di semplici (quasi tutti) boss. Attaccate la coppia nemica con armi corpo a corpo. Quando avrete decurtato circa un quarto dei loro HP innescherete una cut-scene; continuate ad attaccare fino a vedere un secondo intermezzo. I gemelli lasceranno l’area, droppando l’utile mappa del castello.

Continuate a nord lungo le stanze per arrivare all’area successiva. Arriverete in una sala da ballo; uccidete tutte le Ombre e vedrete una scena con Kaine. Picchiate ancora le ombre, esaminate Kaine e vedrete comparire un nuovo boss.

BOSS!

Pur essendo piuttosto minaccioso, questo cinghiale-Ombra non è molto più pericoloso di un comune Cinghiale. Continuate a portarvi alle sue terga e pestatelo con la magia: ne avrete la meglio in men che non si dica. Appena il tempo di veder morire il cinghiale, che compare un altro boss.

BOSS!

Un cinghiale-Ombra in armatura! Si salvi chi può. A dire il vero è innocuo esattamente quanto il boss precedente. La parte scomoda è che, per quante volte lo uccidiate, continuerà a resuscitare, e voi dovrete aspettare che Kaine entri nella stanza aprendovi una via di fuga per darvela a gambe. Correte su per la scala a chiocciola, usando l’attacco speciale della vostra lancia per disporre dei nemici senza rallentare. Raggiungete la cima delle scale, e quindi Kaine ed Emil presso il portone.

BOSS!

Altro giro, altro cinghiale. Altro cinghiale immortale, per la precisione. Continuate ad ucciderlo finchè non arrivano i rinforzi; quindi continuate a picchiare questo povero cinghiale. Alla fine si aprirà la porta a nord, che dovrete superare per vedere la relativa cut-scene. Proseguite verso nord uscite dalla porta dorata e vedrete un’altra scena, al termine della quale riceverete i Project Gestalt documents, e reincontrerete i gemelli.

BOSS!

Come prima, vi converrà puntare tutto sugli attacchi ravvicinati con armi corpo a corpo. Quando abbatterete il primo gemello vedrete una scena e potrete concentrarvi sul secondo, che non richiede alcuna variazione strategica; uccidetelo per vedere una serie piuttosto lunga di cut-scene. Quando riprenderete il controllo del vostro alter-ego digitale proseguite verso nord, massacrando come da copione le varie Ombre, e passate dalla porta dorata per incontrare l’ennesimo…

BOSS!

Grimoire Noir è così inoffensivo che viene innaturale considerarlo un boss, ma tant’è. Tempestatelo di attacchi fisici, distruggete il quadrante e preparatevi a fronteggiare il vostro arcinemico.

BOSS!

Lo Shadowlord è, in questa prima incarnazione, molto debole. Siamo alla fine del gioco e non c’è più nulla da risparmiare: tempestate il boss con tutto ciò che avete. Pare comunque che gli attacchi fisici siano un po’ più efficaci di quelli magici. Vi toccherà il solito iter di decurtazione HP nemici, quadrante da distruggere e cut-scene.

Dopo la scena, potrete continuare acombattere. Lo Shadowlord volerà nella stanza, e voi potrete colpirlo con Dark Blast, ma state soprattutto attenti ad evitare i suoi pericolosi attacchi. Quando si avvicina, picchiatelo con attacchi corpo a corpo. Dovrebbe soccombere abbastanza in fretta, innescando una nuova sfilza di scene d’intermezzo.

BOSS!

Questo scontro può risultare un po’ frustrante, ma è davvero l’ultimo del gioco, quindi stringete i denti! Lo Shadowlord è ancora piuttosto debole, ma ha dalla sua una difesa considerevole. Di fato, ciò che dovrete fare è distruggere l’ultimo quadrante, senza nemmeno il solito limite di tempo; il problema sarà l’avvicinamento a detto quadrante, visto che il nemico reagirà con un devastante attacco magico. L’unica è tentare di saltarci attraverso. Quando vi sarete riusciti, sfogatevi sul quadrante. Dovrete ripetere la procedura per tre volte, ma alla fine avrete davvero la meglio su questo massiccio avversario.

Dopo la batglia, esaminate Yonah. Vedrete una scena e vi verrà posta una domanda, la cui risposta è alquanto elementare: è il vostro nome!

Godetevi il finale dell’avventura: avete finito Nier!

Articolo precedenteNuovo video per Naughty Bear
Prossimo articoloOfferte esclusive per PSPGo
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.