Sonic & Sega All-Stars Racing

Dopo aver visto il numeroso roster SEGA dilettarsi sui campi da tennis, racchetta alla mano, è arrivato il momento di vederli sfidare su curiosi kart, spesso e volentieri dalla forme impensabili. Il titolo automobilistico in questione pesca a piene mani dal diretto avversario Mario Kart , brand ormai famosissimo di Nintendo. Abbiamo usato l’espressione “pesca a piene mani” giusto per evitare di dire immediatamente che il gioco è per struttura identico al concorrente. Solo per precisare, questo Sonic & SEGA All-Stars Racing riesce comunque a brillare di luce propria, con personaggi di grande carisma e tracciati particolarmente ispirati. Inoltre, anche ammettendo che sia una copia di Mario Kart, non sarebbe bastato ai programmatori un semplice copia-incolla, ragion per la quale il lavoro svolto deve comunque essere apprezzato. E poi, inutile girarci intorno: un prodotto siffatto mancava su console HD, per cui tutti i possessori di PS3 e Xbox 360 possono finalmente sfidarsi in gare altamente spettacolari, fatte di scorrettezze e “sportellate” a go go!

Mario Kart in salsa HD!

Il mondo dei kart “disegnato” da SEGA per l’occasione è abbastanza vario e permette al giocatore di intraprendere una grande varietà di eventi. Si inizia con un semplice test di guida, utile per familiarizzare con i comandi e prendere confidenza con le tecniche basilari. Anche a tal proposito è evidente la somiglianza con il titolo Nintendo. Il tasto di accelerazione viene affiancato da quello per la derapata, indispensabile tecnica per l’acquisizione di turbo da sfruttare ad ogni uscita di curva. Proprio come nell’ultimo Mario Kart Wii, sarà possibile esibirsi in trick a mezz’aria, permettendo di imprimere un’accelerazione extra al nostro mezzo una volta atterrati in pista. Se il test di guida può durare davvero pochi secondi, soprattutto per chi avesse già dimestichezza con il drifting, ben altra longevità offrono le altre opzioni di gioco. Si passa dalla semplice gara singola, utile come tappa buchi, ai campionati, alle prove a tempo e alle missioni. Queste sono più di sessanta, e permetteranno al giocatore di iniziare una lunga serie di obiettivi, più o meno facili, da portare a termine. Non pensiamo, però, di trovare sessanta diverse quest da affrontare, perché molte di queste sono comunque ripetute o appartengono alla stessa tipologia. Ci verrà chiesto di raccogliere monete sparse per il percorso, distruggere vasi, passare attraverso porte colorate, battere in velocità un nostro avversario o, perché no, di buttarlo fuori strada. Ogni missione assegnerà una votazione che culminerà in un verdetto a tre stelle. Vi ricorda qualcosa? Chi ha detto Mario Kart!?

Accanto a questa modalità si affianca quella più classica, relativa ai gran premi. Anche in questo caso il numero di coppe da affrontare è ben più che sufficiente, così che il giocatore avrà di che divertirsi anche in modalità offline. È bene, però, chiarire che un prodotto siffatto trova massima espressione sul versante online, laddove sfidare i player di tutto il pianeta potrà garantire al titolo una longevità pressoché infinita: insomma, quello che potremo definire un ever green! I circuiti sono tanti, anche se non disponibili sin da subito. Questi potranno essere acquistati nel negozio virtuale con le miglia SEGA, moneta corrente del gioco. Le miglia si acquisiscono, ovviamente, macinando chilometri su chilometri e guadagnando coppe e medaglie. Ogni tracciato ha le sue caratteristiche specifiche, e ognuno gode di scorciatoie e tranelli: si passa dai circuiti più facili a quelli più difficili e tortuosi, che faranno la differenza soprattutto nelle gare online.

I personaggi SEGA presenti nel titolo sono davvero tanti: si va da Sonic al suo storico nemico Eggman, da Samba de Amigo ad AiAi, da Beat di Jet Set Radio al famigerato Ryo Hazuki (inutile collocarlo videoludicamente tanto è conosciuto!). Anche qui, come per i circuiti, vale la regola dell’acquisto su apposito store virtuale. Le autovetture sulle quali si corre sono davvero strane. Dalla banana-car alla motocicletta custom, dall’offroad al taxi di città. Insomma, varietà e stramberie si sprecano come nulla fosse. Immancabili, poi, i power up sparsi per i tracciati. Anche da questo punto di vista, ovviamente, Mario Kart docet! Molti di questi extra riportano alla memoria il titolo Nintendo: i pugni verdi sostituiscono i gusci del medesimo colore, la nitro aggiuntiva prende il posto del famoso fungo, l’arcobaleno offusca la vista come il liquido di seppia; tutti ricordano, in un modo o nell’altro il titolo della casa di Mario. Altri sono, invece, più originali: basti pensare alla stella che costringe il giocatore colpito a correre per un breve lasso di tempo, con la camera virtuale sotto sopra. A tutti questi bonus, se ne aggiunge poi uno peculiare e caratteristico di ogni personaggio: la speciale mossa “All Stars”. Questa avrà gli effetti più disparati a seconda del pilota selezionato. Sonic , ad esempio, si trasformerà in “super Sayan” raggiungendo velocità impressionanti, mentre Amy avrà la possibilità di picchiare gli avversari con un martello gigantesco. Senza indugiare ancora sulle mosse speciali, basti ricordare che alcuni dei power up non risultano profondi e divertenti, mentre altri riescono a primeggiare per originalità e freschezza.

A livello tecnico, il disegno dei personaggi risulta pulito e apprezzabile, anche se la velocità di ogni gara viene minata da un framerate non sempre costante, che tende a diminuire nelle scene di gioco più confuse. Le piste godono di un orizzonte visivo molto vasto, necessario in prodotti del genere, dove il kart macina metri su metri in tempi davvero rapidi. Anche il versante sonoro riesce ad allietare le folli corse in casa SEGA. Molti sottofondi musicali sono ripresi dalla storia SEGA e i nuovi jingle risultano in sintonia con l’euforia e la spensieratezza del gioco.

Il Multiplayer

Vero cuore pulsante dell’intera produzione è sicuramente il versante online. È questo, infatti, a rappresentare, a lungo andare, la vera ragione di gioco. Durante le nostre prove non solo siamo subito riusciti ad entrare in partita, trovando davvero tante room cui partecipare, ma abbiamo notato anche una fluidità di azione alquanto appagante. Il sistema che precede la gara è davvero semplice: entrati nella sala d’attesa, occorre scegliere il proprio pilota, non potendo però decidere tra quelli già selezionati dai nostri avversari. Terminata la gara si rientra nella stessa room iniziale, così che, senza tempi morti, si potrà nuovamente scendere in pista dopo brevissimi pit stop, utili semmai a cambiare pilota.

Conclusioni

Non chiamatelo semplice tarocco. È vero, SEGA All-Stars Racing attinge completamente dal mondo di Mario Kart ma risulta, soprattutto a livello di gameplay, molto curato e godibile. Come ben si sa, il pubblico di Wii e console HD non è per forza il medesimo, ragion per cui una grossa fetta di utenti nintendoless, potrà finalmente gustarsi un titolo siffatto anche sulla propria console HD, PS3 o Xbox 360 che sia. Anzi, proprio su quest’ultima, è possibile godere di un personaggio aggiuntivo. Lasciamo a voi la scoperta del misterioso pilota!

CI PIACE

Giocabilità
Tante modalità di gioco
Sonoro
Multiplayer

NON CI PIACE

Troppo simile a Mario Kart
poco iriginale

8Cyberludus.com
Articolo precedenteKillzone 3 supporterà il 3D
Prossimo articoloAnnunciato Socom 4
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.