Superstars V8 Next Challenge

Superstars Series   

Qualche mese fa, Black Bean e Milestone annunciarono l’uscita di Superstars V8 Racing, il secondo titolo automobilistico dedicato al campionato Superstars. La novità rilevante di questo secondo capitolo è il prezioso supporto tecnico fornito da Gianni Morbidelli , pilota veterano e campione in carica del campionato Superstars. Il contributo del pilota è certamente una buona strada da seguire per migliorare ed introdurre nel gioco tutte quelle variabili e quelle situazioni presenti nelle competizioni reali che possono ampliare l’esperienza di gioco. Gli sviluppatori assicurano che Superstars V8 Next Challenge avrà innumerevoli miglioramenti, tra cui nuove modalità di gioco ed un comparto multigiocatore che potrà ospitare fino a 16 giocatori. Questa edizione sarà inoltre arricchita da nuove licenze automobilistiche e da alcuni dei circuiti più impegnativi e conosciuti al mondo.   

Next challenge

La Superstars Series, per chi non lo sapesse, è un campionato turismo riservato a vetture “top-class” con derivazione di serie che possiedono oltre 500 cavalli. La versione dimostrativa del gioco ci pone alla guida della BMW M3 E90 pilotata da Gianni Morbidelli in due differenti modalità: gara veloce e sfida a tempo. In entrambe queste modalità potremo scegliere il tracciato di Monza, uno dei circuiti presenti nel calendario della competizione, che ci mostrerà tutte le innovazioni del titolo. Dal menù di selezione del tracciato e dei piloti, anche se non possiamo sceglierli, compaiono sulla lista i circuiti ed i piloti presenti nel gioco completo. Proprio qui troviamo le prime sorprese. Tra i circuiti in elenco non compaiono, infatti, due dei tracciati che faranno parte del campionato 2010, ovvero Hockenheim e il Paul Richard Circuit . Per non accorciare il campionato, i due circuiti sono stati sostituiti da altri tracciati realmente esistenti come Magione ed Adria . Facendo riferimento al campionato Superstar abbiamo notato, inoltre, l’assenza di una classe che farà il suo debutto nell’edizione 2010: la GTSprint . Questa nuova classe avrebbe ampliato il parco auto del titolo corredandolo di automobili appartenenti a classi come GT2, GT3 e GTCup come Ferrari , Lamborghini e Porche . Tralasciando questi elementi possiamo passare alla prova su strada. Prima di scendere in pista è possibile scegliere una serie di assetti sportivi adatti alle esigenze del tracciato che andremo ad affrontare. Gli assetti predefiniti sono diversi ed adatti agli utenti meno esperti che con un semplice passo possono scegliere quello più adatto, ad esempio, alle qualifiche del sabato oppure ad un tracciato ricco di curve. La guida del veicolo è affidata alla consueta combinazione RT-LT   per accelerare e frenare e alla leva analogica sinistra per controllare il mezzo. Una volta preso in mano il volante non possiamo fare a meno di notare quanto V8 Superstars Racing Next Challenge non sia ne un titolo simulativo ne quantomeno un arcade. Si tratta piuttosto di una infelice miscela tra le due classificazioni che non riesce, nonostante le differenze rispetto al suo predecessore, a soddisfare appieno il giocatore. Dopo un paio di giri possiamo notare quanto sia illogica la dinamica dei movimenti delle vetture affette da una sorta di perenne effetto aquaplaning che non ci consente di guidare in modo realistico il mezzo. Questo effetto viene naturalmente accentuato in condizioni climatiche estreme con asfalto bagnato e pioggia.   

Dynamic Tarmac Condition   

Un vero peccato perché la presenza del Dynamic Tarmac Condition , il sistema che permetterà l’evoluzione delle condizioni dell’asfalto durante la gara, ci è parsa un’idea innovativa e piuttosto interessante. Il funzionamento di questo sistema è molto semplice e viene gestito in maniera efficiente dalla cpu durante ogni gara. Quando affronteremo ad esempio delle gare sul bagnato, la pista durante i primi giri sarà piena di zone insidiose per la presenza dell’acqua, richiedendo così la massima attenzione in frenata o in sterzata. Trascorsi un paio di giri, grazie al passaggio costante delle auto nelle traiettorie ideali, si asciugheranno le zone del manto stradale più trafficato così da creare delle traiettorie più sicure. Il Dynamic Tarmac Condition interverrà anche sulla pista asciutta, creando una zona di asfalto gommata che renderà il controllo della vettura più agevole durante le curve e le staccate, divenendo una variabile importante per affrontare dei sorpassi.    

Gare online   

Gli sviluppatori hanno pensato, inoltre, di sviluppare ed ampliare maggiormente il comparto multiplayer del gioco che in questa nuova incarnazione ci permetterà di affrontare gare online contro ben 15 giocatori contemporaneamente. In Superstars V8 Next Challenge sarà, inoltre, possibile disabilitare le collisioni ed attivare i migliori ghost di ogni partecipante spostando di conseguenza le competizioni sul miglioramento dei tempi sul giro. Un’idea affascinante ma che avremo modo di provare soltanto quando metteremo le mani sulla versione finale del gioco.

Grafica   

Le impressioni di fronte alla versione di prova di Superstars V8 Next Challenge ci portano ancora una volta ad evidenziare un apparato tecnico migliorato ma al tempo stesso carente. Il motore grafico sviluppato da Milestone è lo stesso di quello che sarà presente nel prossimo SBK-X e rappresenta uno dei punti di forza del titolo. Grazie ad esso gli sviluppatori hanno realizzato modelli poligonali più dettagliati, aggiungendo maggior vitalità ai tracciati e degli ambienti a bordo pista: alberi, cieli in alta risoluzione, illuminazioni spettacolari e pubblico interattivo, colpevolmente assenti nel primo capitolo della serie. Il nuovo motore grafico permetterà inoltre di far gareggiare contemporaneamente 19 vetture, un numero che metterà alla prova le nostre capacità alla guida, con un’intelligenza artificiale sensibilmente migliorata. L’ultima gradevole sorpresa è l’aggiunta di due visuali interne all’abitacolo, anche se l’interno delle vetture è apparso un po’ spoglio.

       

Conclusioni

Da quello che abbiamo potuto osservare dalla versione dimostrativa di Superstars V8 Next Challeng, il titolo ha subito diversi ritocchi che hanno migliorato il lavoro precedente. Graficamente il lavoro svolto per migliorare la resa dei circuiti, una delle imperfezioni più evidenti nel capitolo precedente, ha prodotto i suoi effetti con una partecipazione attiva degli spettatori sugli spalti ed un maggiore orizzonte visivo. Il motore fisico rimane l’elemento che convince meno. Stravaganti movimenti dinamici, un controllo fisico incoerente e inusuale, ostacolano quello che potrebbe essere un buon prodotto. Milestone e Black Bean dovranno migliorare ulteriormente la qualità dei propri giochi di corse per affermarsi sul mondo delle quattro ruote come quello della Superbike. Non ci resta che aspettare l’appuntamento con Superstars V8 Next Challenge fissato per questa primavera su Xbox 360, PS3 e PC .

Articolo precedenteData, video ed edizione limitata per Alan Wake
Prossimo articoloNuovi titoli in arrivo per la piattaforma Mac
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.